Cellule staminali nel latte materno, cosa fanno

di Valentina Cervelli Commenta

Nella latte materno vi sono delle cellule staminali. Ed esse hanno uno specifico compito. E’ questo che sostengono i ricercatori dell’Università del Western Australia in uno studio presentato in occasione del Simposio tenutosi a Londra sul tema. Vediamo insieme di cosa si tratta.

 

Cosa sono le cellule staminali

Le cellule staminali sono delle cellule che possono trasformarsi in agglomerati di altre di diversa tipologia a seconda di come “programmate”. Gli scienziati di tutto il mondo sono attualmente stati in grado di farle sviluppare in tessuto cardiaco e in quello di diversi organi. Esse vengono utilizzate per combattere la leucemia e sperimentalmente vengono impiegate per trovare una cura a diverse tipologie di patologia. Possono essere estratte dal cordone ombelicale, da embrioni, dalla pelle.

Utilità delle cellule staminali nel latte materno

Già qualche anno fa delle cellule staminali erano state riscontrate nel latte materno. Quello che sono riusciti a fare in questo caso gli scienziati dell’ateneo australiano è stato di risalire al loro compito all’interno dell’organismo. Sebbene lo studio sia stato condotto su modello animale, i ricercatori sono convinti che lo stesso valga per il latte materno umano: esse si integrano nel corpo di chi lo assume e svolgono un ruolo attivo nello sviluppo dei tessuti che compongono il corpo. Per giungere a queste conclusioni gli scienziati hanno dato vita a dei topi dotati di un particolare gene (Td-Tomato) in grado di dare alle cellule una colorazione rossa se sottoposte a fluorescenza. Hanno poi fatto allattare a queste madri dei topi non modificati, dando modo di poter seguire il percorso di queste cellule staminali. E’ così che si si è resi conto che i topi non OGM, una volta cresciuti, presentavano le cellule originarie presenti nel latte materno. E che avevano partecipato allo sviluppo del fegato e del cervello dei ratti adulti. Sembra proprio che l’allattamento al seno sia qualcosa che apporti davvero benefici di ogni genere al futuro bambino.

Photo Credits | SvetlanaFedoseyeva / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>