Quello da poco conclusosi è stato un anno di grandi successi in campo medico-scientifico. Uno dei più rilevanti rappresenta anche una significativa svolta nella cura del cancro ai polmoni. Il tumore ai polmoni è quello che provoca ogni anno più decessi, perchè difficile da trattare negli stadi avanzati. L’importante scoperta riguarda il fattore diagnosi precoce: un test del sangue chiamato LC detect è in grado di fornire una risposta tempestiva in caso di tumore, misurando il livello di una proteina il cui valore alterato segnala la presenza del cancro ai polmoni.

Ma vediamo quali sono le altre importanti novità che hanno interessato il panorama della scienza e della medicina lo scorso anno:

  • Per chi odia gli aghi e le siringhe, importanti passi sono stati compiuti nel campo dei medicinali che è possibile inalare, far assorbire attraverso la pelle o dissolvere sotto la lingua. Gli ammalati di diabete, ad esempio, potranno assumere l’insulina tramite sia sistemi di inalazione che attraverso la pelle.
  • Ulteriori sviluppi nella ricerca sulle cellule staminali hanno aperto le frontiere per la soluzione di una miriade di malattie genetiche e non solo. Si è riusciti ad estrarle dal liquido amniotico che circonda il feto prima della nascita, oltre che dal cordone ombelicale.

  • Una nuova pillola per il controllo delle nascite, Lybrel, è stata brevettata. Si tratterebbe di una pillola a basso dosaggio ormonale che, assunta quotidianamente, eviterebbe ad ogni donna i fastidi del ciclo mestruale, facendolo scomparire per tutta la durata del trattamento.

  • La messa a punto di un nuovo strumento per la pulizia del viso, renderà più facile liberarsi da inestetici punti neri ed acne. La Ppx, questo il nome della macchina, funziona con una tecnologia laser, che libera definitivamente dai pori ostruiti e dalle imperfezioni con soli 10 trattamenti.

  • Il cancro all’utero non passa più inosservato, finchè non è troppo tardi. Sono stati infatti individuati i sintomi per la diagnosi precoce: dolore al basso ventre; inapettenza o perenne senso di sazietà; piccole perdite di sangue; stimolo ad urinare di frequente.

  • Una nuova droga inibitoria riuscirebbe a bloccare il progresso del morbo di Alzheimer, anzichè semplicemente curarne i sintomi, come accadeva prima di questa importante scoperta. Grazie a questa sostanza le placche cerebrali provocate dalla malattia si ridurrebbero del 30%.

  • E’ stato l’anno della riscossa dei benefici del sole e della vitamina D. Invece di parlare del cancro alla pelle dovuto alla prolungata esposizione non protetta ai raggi solari, nel 2007 si è parlato di un’importante scoperta: i benefici della vitamina D contro l’osteoporosi, il diabete, il cancro al colon e numerosi tipi di sclerosi.

  • Ricercatori canadesi hanno scoperto una possibile soluzione per ogni forma di cancro, grazie alla molecola chiamata DCA, che ricostituirebbe la mitocondria esatta dell’organismo, eliminando solo le cellule tumorali e non intaccando quelle sane.

  • L‘Università di Cleveland ha lanciato un cerotto che rilascia testosterone che ha risolto i problemi sessuali delle donne su cui è stato testato. Le donne che dimostravano disinteresse per il sesso e difficoltà a raggiungere l’orgasmo, hanno infatti registrato una media di 4 rapporti soddisfacenti su 5 nell’arco di un mese, dopo l’uso del cerotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>