Effetto placebo, studi rivelano funzionamento

di Valentina Cervelli Commenta

Effetto placebo: perché funziona contro il dolore anche se siamo coscienti di non assumere un farmaco ma una sostanza che non ha particolari peculiarità? Due ricerche recentemente condotte hanno tentato di rispondere a questa domanda.

E si stanno rivelando pioniere nello spiegare l’effetto placebo all’interno del contesto del dolore cronico. Il primo studio è stato pubblicato su Pain, rivista dell’International Association for the Study of Pain e prende in esame il dolore alla schiena. I risultati ottenuti mostrano che la percezione dello stesso migliora anche se la persona è cosciente di assumere delle pillole non contenenti dei principi attivi.  Condotto dalla dott.ssa Claudia Carvalho e dal suo gruppo di scienziati dell’ISPA-Instituto Universitário di Lisbona, il trial ha coinvolto 83 pazienti divisi in due gruppi. Ad entrambi per 3 settimane sono stati dati antidolorifici: uno di essi però ha ricevuto in aggiunta, e coscientemente, un placebo. Alla fine dello studio questi hanno mostrato un 30% di riduzione in più del dolore rispetto a coloro che hanno ricevuto solo il farmaco.

La seconda sperimentazione (sempre sul dolore cronico e pubblicata sulla rivista di settore , condotta dalla Northwestern Medicine e dal Rehabilitation Institute di Chicago, ha verificato sui partecipanti ad due differenti trial la risposta del cervello all’assunzione di placebo. Utilizzando la risonanza magnetica funzionale gli esperti sono stati in grado di scoprire l’area del cervello che si accende in risposta a questo tipo di trattamento.

A cosa è dovuto il miglioramento quindi? Secondo gli scienziati all’attivazione di una specifica area dell’encefalo che “elaborando” l’assunzione del rimedio porta ad una diversa percezione dello stesso.  Sottolinea il dott. Ted Kaptchuk dell’ateneo statunitense:

Questo dimostra che l’effetto placebo non è ristretto alle sole aspettative consce del paziente che stanno prendendo una medicina che dovrebbe avere un effetto attivo. Prendendo una pillola in un contesto di relazione paziente-medico, seppure si sappia che sia solo un placebo, c’è un rituale che cambia i sintomi e probabilmente attiva regioni del cervello che modulano i sintomi stessi.

Potrebbero interessarti

Effetto placebo, positivo e negativo: funziona

L’effetto placebo: cos’è e come funziona

Fonte | Pain

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>