Individuato il peggior fattore di melanoma per le donne

di Marco Mancini Commenta

Dei ricercatori newyorkesi hanno probabilmente trovato il più potente fattore di rischio per il melanoma, più delle già note vesciche da scottature, lentiggini o casi in famiglia di cancro mortale alla pelle. In un nuovo studio, gli scienziati della NYU Langone Medical Center hanno rilevato una relazione genetica che porta ad una variazione di quasi quattro volte superiore di melanoma nelle donne sotto i 50 anni di età. Spiega David Polsky docente di dermatologia e direttore della sezione lesioni pigmentate della Ronald Perelman O. Dipartimento di Dermatologia presso la NYU School of Medicine:

Se questo numero risulta essere riproducibile, è superiore a molti altri fattori di rischio clinico che conosciamo. Potenzialmente, abbiamo un test genetico che potrebbe individuare nelle donne in pre-menopausa quali sono ad alto rischio per il melanoma. Se questo è il caso, allora potrebbero avere bisogno di avere una maggiore sorveglianza, comprese visite più frequenti dal medico, più rigorosi controlli della pelle e altre misure preventive.

Per motivi in gran parte sconosciuti, il melanoma è più comune tra le donne rispetto agli uomini sotto i 40 anni. Tra i 40 e i 50 l’incidenza è più o meno uguale in entrambi i sessi mentre sopra i 50, l’incidenza passa marcatamente verso gli uomini. Polsky e gli altri autori dello studio hanno sospettato un collegamento alle attività degli estrogeni, mediate in parte da una variante genetica in un gene chiamato MDM2.

Quando gli estrogeni si legano a questo gene, aumenta la produzione di MDM2, un potenziale oncogene (gene che favorisce il cancro) nelle cellule. In presenza di variazioni genetiche nel MDM2 l’estrogeno si lega in misura maggiore alla produzione di proteine MDM2. Le donne con più alti livelli di estrogeni e che hanno anche la variazione genetica, dovrebbero avere più elevati estrogeni connessi alla proteina MDM2, la quale potrebbe aumentare il loro rischio di melanoma.

La variante genetica MDM2 è una sorta di interruttore di alimentazione che determina il momento in cui il gene è acceso e quante copie vengono prodotte all’interno di una cellula. Questa regione è normalmente regolata dal p53, un gene soppressore del tumore coinvolto in almeno la metà di tutti i tumori studiati. La funzione di MDM2 normalmente è quella di inibire la p53 quando il suo livello è troppo alto in una cellula. Se MDM2 è acceso indipendentemente da p53, esso può mantenere livelli bassi, riducendo la cellula di protezione contro la cellula tumorale.

Gli scienziati hanno dimostrato che la sostituzione di una sola lettera nel DNA in un punto specifico nell’MDM2 può significativamente modificare la produzione di un gene. Il nuovo studio ha valutato gli effetti di questa variazione genetica naturale in 227 pazienti a cui era stato diagnosticato un melanoma. I risultati hanno mostrato che più del 40% delle donne con meno di 50 anni aveva avuto la variazione genetica nel gene MDM2. Al contrario, solo circa il 16% delle donne la aveva dopo i 50. La differenza nella frequenza della variazione corrisponde a 3,89 volte il rischio di melanoma in aumento per le donne di età inferiore ai 50 anni. Quando i ricercatori hanno confrontato il genotipo di MDM2, hanno rilevato che circa il 38% delle donne con la variazione diagnosticata aveva tra i 30 e i 39 anni, con una maggiore incidenza di melanoma rispetto alle donne anziane.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Clinical Cancer Research.

[Fonte: Sciencedaily]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>