Nuovo gel cura l’artrite del ginocchio?

di Valentina Cervelli Commenta

Un nuovo gel per la cura dell’artrite del ginocchio, è questo che i ricercatori dell’Università dell’Iowa hanno messo a punto con un discreto successo. Questo ritrovato, secondo i risultati ottenuti finora sarebbe in grado di stimolare un processo di guarigione automatico dell’organismo.

Esso è stato pensato specificatamente per l’artrite del ginocchio e grazie alla sua composizione una volta iniettato nell’arto è in grado di fare da ponte alle cellule in loco tanto da spingerle a trasformarsi in nuovo tessuto. Un ritrovato perfetto per curare l’osteoartrite, che si verifica quando la cartilagine delle ginocchia in questo caso si fa più fine e frastagliata. Se questa malattia non viene approcciata adeguatamente si possono arrivare addirittura a formare dei buchi che portano allo sfregamento delle ossa che compongono questa parte del corpo.

Perché è molto importante dal punto di vista terapeutico questo gel? La risposta sta nella natura stessa della cartilagine: essa non può contare su un flusso sanguigno proprio e quindi non ha la capacità di autocurarsi efficiente che possono avere altre parti del corpo. Il gel è composto di cellule staminali, capaci di trasformarsi in qualsiasi tipologia di cellule del corpo: gli scienziati hanno sviluppato il gel in modo tale che contenesse la tipologia adatta di materiale genetico che servisse allo scopo: ovvero le precursori della cartilagine che sono state in questo caso programmate per rispondere ad un particolare enzima in grado di attirarle al “posto giusto”. Sperimentata in laboratorio questa pomata gel ha mostrato di essere in grado di condurre alla guarigione della cartilagine rovinata, richiudendo i buchi creatisi snella stessa. Spiegano gli scienziati:

La nuova cartilagine si è perfettamente integrata con il tessuto non danneggiato. Possiede la giusta concentrazione di proteoglicani, le proteine che consentono al tessuto di diventare duro e resistente. Ha buone proprietà strutturali e sembra proprio normale cartilagine.

Per i ricercatori dell’Università dell’Iowa potrebbe rappresentare una valida alternativa alla protesi al ginocchio.

Photo Credits | Poprotskiy Alexey / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>