Coronavirus e malattia di Kawasaki, possibile correlazione?

di Valentina Cervelli Commenta

Vi può essere correlazione tra l’infezione causata dal coronavirus e la malattia di Kawasaki? E’ questo quello che si chiedono molti scienziati, tra cui un gruppo di ricercatori di Bergamo, il cui studio a riguardo è stato pubblicato sull’importante rivista di settore The Lancet.

Sintomi malattia di Kawasaki e coronavirus

Sebbene lanciare un allarme sia prematuro, una maggiore incidenza di questa patologia nei bambini affetti da covid-19 sembra essere stata rilevata con percentuali variabili in moltissimi paesi colpiti dall’epidemia di coronavirus. Nello specifico si parla di una “sindrome infiammatoria” simile alla malattia di Kawasaki e alla sindrome da shock tossico. Questa patologia è conosciuta per colpire con molta più facilità i bambini di età inferiore 5 anni con sintomi molto importanti: febbre per più di 5 giorni, eruzioni cutanee, ghiandole gonfie nel collo, labbra secche e screpolate, dita rosse e occhi rossi.

La malattia di Kawasaki, come spiegano gli esperti, è una vasculite sistemica: ovvero un’infiammazione dei vasi sanguigni la cui causa è al momento ancora sconosciuta ma che nei libri di medicina viene descritta come multifattoriale e legata a un possibile fattore scatenante infettivo capace di provocare una risposta immunitaria anomala.

Pericolosità della malattia di Kawasaki

Perché la malattia di Kawasaki è pericolosa? È il suo decorso, variabile in relazione all’eventuale presenza di complicanze, che porta la patologia a dover essere considerata una osservata speciale: la vasculite infatti può interessare anche le arterie del cuore causando danni permanenti. Per combatterla esiste una terapia, spesso risolutiva, che si basa sull’impiego di immunoglobuline per via endovenosa a dosi molto elevate.

Tornando allo studio italiano pubblicato su The Lancet, esso riguarda il lavoro di osservazione svolto dagli scienziati dell’ospedale di Bergamo nel corso dell’emergenza durante la quale si è registrato un incremento sensibile del numero dei casi rispetto alla cadenza media annuale in un periodo di tempo più ristretto e in concomitanza con infezione da coronavirus.

Sebbene al momento manchino evidenze certe della correlazione tra covid-19 e malattia di Kawasaki, la comunità scientifica mondiale ha deciso approfondire questo probabile legame, soprattutto per via dei molti casi registrati in diversi paesi e delle morti occorse.

Un passo importante da intraprendere soprattutto per via della fascia di persone colpite da questa sindrome, molto simile alla malattia sopra citata: quella composta da bambini e ragazzi (anche adolescenti) che si pensava essere in un primo tempo quasi “immuni” dagli effetti collaterali dell’infezione da coronavirus.

Nel corso dei primi tempi dell’emergenza si pensava addirittura che i più giovani potessero essere tutti asintomatici: fattore poi confutato non solo dai contagi occorsi ma anche, purtroppo, dai decessi registrati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>