Infezioni e batteri: attenzione alla borse da donna

di Valentina Cervelli Commenta

Quando si parla di possibili infezioni è sempre bene stare attenti. Ma voi pensavate che ci saremmo dovuti difendere anche dalle classiche borse da donna? Secondo uno studio condotto recentemente negli Stati Uniti rischiano di far concorrenza in quanto a germi e batteri ad una toilette.

Potrà sembrare assurdo, ma anche questo accessorio femminile è un ricettacolo di agenti patogeni, a tal punto da consigliare a chiunque si trovi ad aprile ed a rovistare al loro interno, proprietarie comprese, di lavarsi le mani dopo averlo fatto per evitare di contaminarsi con microrganismi poco graditi al nostro sistema immunitario. E se questo non bastasse già a farci vedere le borse come qualcosa di totalmente differente, secondo le analisi effettuate dagli scienziati della Initial Washroom Hygiene, a contaminarsi con più facilità vi sarebbero proprio i prodotti per la bellezza ed il make-up che spesso le donne accumulano al loro interno: creme per il viso, ombretti, rossetti. Soprattutto questi ultimi, proprio a causa della loro funzione rischiano di divenire una delle principali fonti di infezione.

Per arrivare a tali considerazioni i ricercatori hanno eseguito tamponi per l’analisi batteriologica su un gran numero di borse: non ne è stata trovata una priva di agenti patogeni. Anzi, ben i 20% dell’intero campione è risultato altamente contaminato. Le parti più colpite da proliferazione batterica risultavano essere quelle dove venivano custoditi il telefono cellulare, le creme ed i rossetti. Il materiale più contaminato invece, è risultato essere il cuoio, seguito dalla pelle e da tutti i materiali di tipo spugnoso, risultati perfetti ambienti di coltura per i microbi.

Ecco quindi che quello che credevamo un accessorio innocuo da utilizzare per contenere le nostre proprietà si rivela potenzialmente uno degli oggetti per noi più pericolosi dal punto di vista microbiologico. Forse non dobbiamo più chiederci come facciamo ad ammalarci improvvisamente se dopo aver utilizzato le nostre borse non ci siamo lavati le mani…

Photo credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>