Mal di testa? Tieni un diario per sconfiggerlo

di Ma.Ma. Commenta

Tenere un diario può essere un valido aiuto per sconfiggere il mal di testa: il suggerimento arriva dai medici del Policlinico Umberto I di Roma in occasione dell’incontro dal titolo Mal di testa è donna: come riconoscere la cefalea, l’emicrania, i disturbi di pressione e le vertigini.

mal-di-testa

Annotare su un diario l’intensità degli attacchi di emicrania, la loro durata e le possibile cause, può essere uno strumento molto efficace per arrivare a capire come curare questo tipo di disturbo nel miglior modo possibile. E’ Francesco Di Sabato, direttore dell’Unità operativa Diagnosi e cura delle cefalee dell’ospedale romano sopra citato, a spiegare l’importante funzione del diario per le persone che soffrono di episodi frequenti di mal di testa e cefalea.

Il diario in molti casi è uno strumento utile per il medico per individuare il tipo di mal di testa e la cura giusta, ma anche condizione indispensabile per evitare la farmacodipendenza, fenomeno che negli Stati Uniti preoccupa più della tossicodipendenza

10 CIBI AMICI E NEMICI DEL MAL DI TESTA (FOTO)

Sì, perché molto spesso il mal di testa condiziona in modo così pesante la vita delle persone da limitarle in molte azioni. Per questo motivo diventa fondamentale capire quali possono essere la cause scatenanti di emicrania e cefalea per trovare nel minor tempo possibile una cura che, se anche non riesca a sconfiggere in maniera definitiva il mal di testa (non sempre è possibile), almeno sia in grado di ridurne drasticamente la frequenza degli attacchi. La cefalea è uno dei disturbi più comuni: a soffrirne, solo in Italia, sono 9 milioni di persone. A esserne colpite sono più le donne degli uomini, in un rapporto di cinque a uno. Le conseguenze sono spesso invalidanti, come sottolinea anche lo stesso Francesco Di Sabato:

Chi soffre di mal di testa diventa spesso scorbutico, introverso, depresso, ansioso. Perciò ogni singola cefalea va trattata con farmaci adatti e persino con la psicoterapia. Mai decidere per il fai da te

Tra i disturbi più frequenti ci sono nausea e vomito, sensibilità eccessiva agli odori e ai rumori. Tenere un diario dove può essere annotato qualsiasi particolare può essere utile per scegliere la cura migliore da seguire.

Foto | Thinkstock