NORMIX Alfa Wassermann (Rifaximina)

NORMIX, Alfa Wassermann

CATEGORIA: Farmaci antimicrobici intestinali.

FORMA FARMACEUTICA: Compresse rivestite, granulato per sospensione orale.

PRINCIPI ATTIVI: Rifaximina

INDICAZIONI:  Indicato nel trattamento delle infezioni intestinali acute e croniche sostenute da batteri gram-positivi e gram-negativi con o senza presenza di sindromi diarroiche. Diarrea da alterato equilibrio della flora microbica intestinale (diarree estive, diarrea del viaggiatore, enterocoliti). Profilassi pre e post-operatorie delle complicanze infettive negli interventi di chirurgia del tratto gastroenterico. Coadiuvante nella terapia delle iperammoniemie. Il trattamento richiede posologie e dosaggi differenti in base all’obiettivo terapeutico (es. utilizzo come antidiarroico, terapia contro ammoniemie).

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI: Ipersensiblita’ al principio attivo, alle rifamicine o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Casi di ostruzione intestinale anche parziale o digravi lesioni ulcerative dell’intestino. In caso di assunzione prolungata il prodotto può essere assorbito in piccola parte e venga perciò eliminato con le urine che assumono una colorazione rosa/rosso. Gli effetti secondari più comuni si manifestano a carico del tratto gastronintestinale, come costipazione, dolore addominale, distensione addominale, diarrea, flatulenza, nausea, tenesmo rettale, urgenza di evacuazione, vomito. Inoltre possono verificarsi cefalee, capogiri e spossatezza in seguito all’assunzione. Sono tutti effetti di lieve entità e transitori poichè tendono a svanire con l’interruzione del trattamento. In gravidanza ed allattamento il prodotto va somministrato solo in caso di effettiva necessità.

NOTE: La sindrome del colon irritabile, conosciuta anche come colite, affligge circa il 10/15 % degli individui adulti provocando disturbi tipici e fastidiosi. Pur non costituendo una patologia importante che richiede interventi chirurgici o altre tipologie di terapie conservative, è un disturbo che può compromettere la qualità della vita dei soggetti che ne sono affetti. Infatti, questa sindrome non deve essere confusa con le più gravi forme di colite, ovvero quelle infiammatorie, come le enterocoliti infettive, la colite ulcerosa ed il Morbo di Crohn. La rifaximina (un antibiotico ad effetto intestinale) potrebbe essere utilizzato nella riduzione dei sintomi della sindrome del colon irritabile. Lo studio è stato condotto su 87 pazienti adulti selezionati che  assumevano una dose di 400 mg/3volte/die di rifaximina per 10 giorni. Prima dell’inizio del trattamento e 7 giorni dopo è stato somministrato un questionario; inoltre i pazienti dovevano tenere un diario settimanale dei sintomi per 10 settimane. Alla fine dello studio si è concluso che i pazienti trattati con rifaximina hanno segnalato minore gonfiore dopo il trattamento mentre relativamente a sintomi quali dolore addominale, diarrea o costipazione non sono state rilevate differenze importanti prima e dopo il trattamento. L’ efficacia della rifaximina nella sindrome del colon irritabile deve essere ancora effettivamente dimostrata in quanto lo studio preso in esame era poco rappresentativo per il numero dei pazienti e la durata del trattamento. E’ doveroso ricordare che la rifaximina è comunque un antibiotico

Altri farmaci simili: Bimixin, Rifacol, Imodium

[Fonti principali: AAVV, PagineSanitarie.com; AAVV, FarmaciaDiMuria.it; AAVV, Dica33.it]

*Per ulteriori informazioni leggere il foglietto illustrativo. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.