C’è differenza tra vivacità e iperattività

di liulai 3

Molto spesso da parte dei genitori c’è la paura che il proprio bambino sia iperattivo. Molto spesso infatti que­sti ultimi portano a valuta­zione diagnostica i propri figli con la specifica ri­chiesta di capire se il bambino ha tale distur­bo. Questo è oggi un ar­gomento molto dibattuto e spesso controverso ed è ripetutamente travisato da genitori ed insegnan­ti; argomento che spes­so incute timori e paure nelle figure che operano con bambini “esuberan­ti“.

Per tali motivi oggi si è voluto trac­ciare una distinzione tra vivacità ed iperattività; di­stinzione che ci auguriamo possa essere d’aiuto per comprendere al me­glio se si ha a che fare con un bambino portato­re di un disagio specifico oppure con un bambino semplicemente energi­co. Per iniziare a tracciare la prima definizione dob­biamo chiederci innanzi­tutto cosa è l’ADHD? La parola ADHD significa let­teralmente Attention Defi­cit Hyperactivity Disor­der, che in lingua italiana diventa “Disturbo da Defi­cit di Attenzione e lperattività“. Tale sindrome por­ta il bambino iperattivo ad essere un bambino estremamente ingestibile, impulsivo e con un controllo inadeguato dell’attività motoria.

Il bambino affetto da ADHD (acronimo di di­sturbo da deficit di atten­zione ed iperattività) è un bambino che ha visibilmente difficoltà di atten­zione e concentrazione, di controllo degli impulsi durante le attività. Questi problemi derivano so­stanzialmente dall’ inca­pacità del bambino di regolare il proprio compor­tamento in funzione del trascorrere del tempo, de­gli obiettivi da rag­giungere e delle richieste dell’ambiente. Molto spesso le aree più compromesse sono quelle delle relazioni sociali poi­ché i bambini ADHD rice­vono minori apprezza­menti e maggiori rifiuti dai loro compagni es­sendo spesso aggressi­vi, dicendo frasi negative nei confronti dei pari, non essendo collaboranti e cooperativi.

Dunque è fondamentale dire che quando si parla di bambino iperattivo non si parla quindi di un bambino vivace e non si parla di un bambino che sta attraversando una normale fase di crescita. Secondo il manuale dia­gnosi per l’infanzia e per l’ adolescenza, DSM IV, per fare diagnosi di ipe­rattività il bambino deve presentare almeno 6 sintomi per un minimo di sei mesi e in almeno due con­testi (famiglia-scuola) e tra questi sintomi possia­mo annoverare

  1.  difficoltà nel sostenere l ‘attenzio­ne nei compiti o in attività di gioco;
  2. spesso ha diffi­coltà ad organizzare com­piti o attività varie;
  3. spes­so è sbadato nelle attività quotidiane, spesso muo­ve le mani o i piedi o si agi­ta nella seggiola;
  4. spesso parla eccessivamente;
  5. spesso si alza in classe o in altre situazioni dove ci si aspetta che rimanga se­duto;
  6. spesso corre in gi­ro o si arrampica ecces­sivamente in situazioni in cui non è appropriato spesso ha difficoltà ad aspettare il proprio turno; spesso “spara” delle ri­sposte prima che venga completata la domanda.

In alcuni casi accanto a tal disturbo possono comparire nel corso del tempo ulteriori disturbi come il disturbo oppositi­vo provocatorio, il distur­bo della condotta, i di­sturbi depressivi e i di­sturbi d’ansia. È importante dire che quando si parla di iperat­tività si esula da un di­scorso educativo, libe­rando cosi le figure da re­sponsabilità di causa; ciò che semmai può essere preso in considerazione è il fatto che la presenza di critiche, rimproveri e at­teggiamenti negativi dei genitori possono rinfor­zare la percezione che il bambino ha di se stesso come “bambino cattivo”.

In altre parole, non sono le critiche, i rimproveri e le incoerenze educative dei genitori a causare il Di­sturbo da Deficit di Atten­zione e Iperattività; sem­mai tutti questi rappre­sentano dei fattori che possono far persistere o aggravare e rinforzare il disturbo. Essendo spesso scam­biato tale sindrome per un normale momento del bambino è consigliabile che i genitori condivida­no le loro preoccupazio­ni con il medico di fiducia o uno specialista del set­tore psicologo, neuropsi­chiatria infantile, pedia­tra, cosi da poter definire un eventuale processo diagnostico accompaguato da un idoneo trat­tamento. Quest’ultima fase si arti­cola attraverso un ap­proccio multimodale e multidimensionale com­posto da tecniche di pa­rent training, da una mo­dificazione del compor­tamento genitoriale, da un training sulle capacità sociali per i bambini, da training per gli insegnanti con interventi integrati nell’ambito scolastico.

Commenti (3)

  1. La paura che il proprio bambino non sia solo vivace ma sia invece affetto da deficit di attenzione e iperattivita’ (ADHD) puo’ talvolta portare a comportamenti estremi i genitori.
    Un semplice test genetico puo’ diradare ogni timore – un campione di saliva per sapere immediatamente e senza traumi se e’ il caso di continuare a preoccuparsi – e’ utile ricordare che solo il 5% dei bambini e’ effettivamente colpito da ADHD, mentre la maggior parte e’ semplicemente vivace!
    Per informazioni sul test genetico GeneBright – chiamate il numero verde 800-197308

    1. salve vorrei sapere dove si svolge il test genetico in quale posto grazie.

  2. Dove posso fare questo test. Abito in provincia di bari. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>