L’età percepita può influire su quella effettiva

di Marco Mancini 0

Il detto “Si ha solo l’età che si sente” sembra davvero fare al caso degli anziani, secondo una ricerca dell’Università di Purdue.

Quanti anni si sentono ha profonde implicazioni nel processo di invecchiamento

ha dichiarato Markus H. Schafer, studente di dottorato in sociologia e gerontologia, che ha condotto lo studio.

Quindi, se ti senti più anni di quelli che hai, è probabile che si intende che si provano un sacco di aspetti negativi che noi associamo con l’invecchiamento. Ma se si è più anziani e si mantiene un senso di gioventù, questo ti dà un vantaggio nel mantenere un sacco di abilità.

Schafer e il co-autore Tetyana P. Shippee, laureata alla Purdue e ricercatrice associata al Centro sull’Invecchiamento, dicono che rispetto all’età cronologica delle persone, la loro età soggettiva ha una maggiore influenza sulle capacità cognitive durante l’età adulta.

Quasi 500 persone di età compresa tra 55 e 74 anni sono state intervistate sull’invecchiamento nel 1995 e nel 2005 come parte del National Survey of Midlife Development negli Stati Uniti. Nel 1995, quando è stato chiesto che età si sentiva il più delle volte, la maggioranza diceva di sentirsi 12 anni più giovane di quanto non fossero.

Abbiamo scoperto che queste persone che si sentivano giovani per la loro età sono state più inclini ad avere maggiore fiducia circa la loro abilità cognitive un decennio più tardi. Sì, l’età cronologica è stata importante, ma l’età soggettiva ha avuto un effetto più forte. Quello di cui non si è sicuri è ciò che viene prima. Il benessere di una persona e la felicità incidono sulle loro capacità cognitive o […] sul loro senso di benessere

ha detto Schafer, aggiungendo che i risultati dello studio in corso hanno implicazioni sia positive che negative. Infatti la nostra società spinge le persone a sentirsi più giovani, ma questo può avere un effetto negativo perché, quando poi gli anziani si ritrovano a fare i conti con l’età effettiva, possono perdere molta fiducia nella loro capacità cognitive.

Altri studi hanno dimostrato che le donne sono inclini agli stereotipi dell’invecchiamento, così Schafer si aspettava di vedere che le donne che si sentivano più anziane di quanto non fossero avrebbero avuto meno fiducia nelle loro capacità cognitive.

C’è una leggera differenza tra uomini e donne, ma non è così pronunciata come ci aspettavamo. Questo è stato sorprendente per l’accento posto sulla capacità di attrazione fisica e la giovinezza, che è paragonata spesso in modo sproporzionato nelle donne.

Schafer inoltre sta studiando come eventi stressanti, come ad esempio le questioni familiari o la salute, incidono sull’invecchiamento, e come la felicità e l’invecchiamento interferiscono tra di loro. Queste scoperte sono state pubblicate sul Journal of Gerontology: Social Sciences.

[Fonte: Sciencedaily]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>