Stress da lavoro

di liulai 1

Stress, insonnia, crisi d’ansia: al­meno un italiano su dieci pensa di avere problemi di salute legati al lavoro. Questo quanto emerge da un rapporto sull’occupazione del­l’Ocse, l’Organizzazione per la co­operazione e lo sviluppo econo­mico, condotto su un campione di dipendenti dell’Unione euro­pea. Più precisamente, il 1,6 per cento degli italiani soffre di stress da lavoro, indipendentemente dal ceto, dal titolo di studio e dalla professione svolta. Negli ultimi dieci anni, inoltre, si è registrato un aumento del 3,2 per cento. A livello europeo, invece, secondo i dati dell’Agenzia per la sicurezza e la salute del lavoro, sono circa 40 milioni i lavoratori interessati da disturbi gastrointestinali e cardio­vascolari, affaticamenti e depres­sioni causati dalla vita professio­nale.

Ma che cos’è di preciso lo stress da lavoro? Spiega Angela Goggia­mano, medico dell’Istituto na­zionale assicurazione sul lavo­ro

“E’ l’insieme di reazioni fisiche ed emoti­ve, che si manifestano quando le richieste dell’ambiente di la­voro superano le capacità del la­voratore di affrontarle. Lo stress non è di per sé una malattia, ma uno stato di malessere che genera disfunzioni fisiche, psichiche e so­ciali. Gli stimoli legati allo stress, infatti, possono essere estrema­mente utili entro certi limiti (il co­siddetto eustress, quello “buo­no”). Sono invece dannosi quan­do lo stress si verifica in modo acuto, molto intenso, oppure se gli stimoli perdurano nel tempo”

I danni del mal di lavoro sono stati ormai dimostrati da molti studi: secondo la letteratura scientifica la risposta allo stress parrebbe correlata con molte gravi patologie, tra cui il diabete di tipo 2, le malattie cardiovasco­lari, la depressione, l’Alzheimer, le malattie età-correlate, le altera­zioni immunitarie. Ritmi pressanti, tensione, frustra­zione, incertezza nella definizione delle mansioni e dei compiti, diffi­coltà nei rapporti interpersonali, ma anche monotonia e ripetitivi­tà, fino a forme di violenza vera e propria: questi alcuni dei fattori che hanno il peso maggiore nel creare situazioni ad alto stress la­vorativo.

Ma oltre ai fattori ester­ni, c’è anche una componente individuale molto forte che varia da persona a persona. Più che i fatti oggettivi è rilevante, infatti, il modo in cui vengono vissute le si­tuazioni lavorative. È questo a renderle più o meno stressanti: lo stile di vita personale, gli atteg­giamenti e l’interpretazione che si dà a ciò che accade sul posto di lavoro.La soluzione del problema è quindi duplice: da un lato occor­re una maggiore consapevolezza e conoscenza dei rischi collegati allo stress “professionale” da parte del datore di lavoro e dei la­voratori. Dall’altro, imparare a ge­stire il proprio stress, attingendo alle proprie risorse per affrontare i momenti di crisi.

Commenti (1)

  1. Sto facendo uno studio sugli effetti della medicina complementare sullo stress sul lavoro. Vorrei un aiuto. Dove posso trovare libri o articoli scientifici (tipo pubblicati in giornali specializzati nell’area della salute pubblica) sullo stress sul lavoro? Qualcuno mi potrebbe dare qulache titolo?

    Grazie mille,

    Beatrice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>