REDUCTIL Abott (Sibutramina cloridrato)

REDUCTIL, Abott

CATEGORIA: Farmaci per il trattamento dell’obesità ed il controllo della fame.

FORMA FARMACEUTICA: Capsule rigide

PRINCIPI ATTIVI: Sibutramina cloridrato

INDICAZIONI: E’ indicato nel trattamento di pazienti obesi con indice di massa corporea (BMI) maggiore o uguale a 30 kg/m2, o di pazienti in sovrappeso (BMI ≥ 28 kg/m2) con fattori di rischio associati.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI: Ipersensibilità alla sibutramina o a uno dei suoi componenti. Può causare effetti di breve durata e comunque transitori come mal di testa, nausea, spossatezza, disturbi intestinali. E’ controindicata l’assunzione nei pazienti che presentano problemi di cardiopatie, ipertensione, problemi epatico-biliari. Inoltre, uno studio condotto su animali ha registrato un aumento dei disturbi di natura depressiva per cui va assunto con moderazione e dietro stretto controllo medico nel caso di disordini psichiatrici. Non assumere in gravidanza ed allattamento.

NOTE: Il Reductil è nato negli anni’80 come farmaco per il trattamento dei disturbi depressivi. In realtà, però, registrò uno scarso successo nel trattamento della depressione, ma si verificò una riduzione del peso signiicativa nei pazienti che ne facevano regolare utilizzo. Il meccanismo d’azione della sibutramina è il blocco dei recettori di sostanze come serotonina e noradrelina, capaci di influire sulla sensazione di fame. Nel 2002 il Ministero della Sanità ha ritirato dal mercato italiano Reductil a causa di due morti in seguito al trattamento con il farmaco, ma risulta acquistabili facilmente attraverso Internet presso rivenditori situati all’estero, dove il prodotto è legalmente in commercio ad un prezzo medio di euro 100 € a confezione.

Altri farmaci anti-obesità: Xenical, Acomplia, Zantex, Ectiva

[Fonti principali: AAVV, MedicineLab.it, AAVV StudioMedicoTorrino.it, AAVV, Xagena.it]

*Per ulteriori informazioni leggere il foglietto illustrativo. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.