9 errori più comuni fatti per perdere peso

di Valentina Cervelli Commenta

Vi sono degli errori comuni fatti per perdere peso diffusi in ogni parte del globo. Essi spesso rischiano di mandare all’aria uno stile di vita sano per via di una ricerca eccessiva di perfezione e velocità nei risultati ottenuti, come spiega il nutrizionista inglese Rob Hobson.

1. Saltare i pasti

Saltare i pasti, che si tratti della colazione o di qualsiasi altro nel corso della giornata non porta alla perdita più veloce dei chili in eccesso, ma semplicemente ad uno stress maggiore dell’organismo.  La concentrazione ne risente, come i livelli di glicemia nel sangue che rischiano di cadere troppo in fretta. Un simile comportamento può portare a mangiare cibi poco sani o a tentare di rimediare con troppo caffè ed energy drink non adatti a chi vuole dimagrire.

2. Eliminare del tutto i carboidrati

In un regime dietetico salutare i carboidrati non vengono mai eliminati del tutto: anche essi come ogni elemento della dieta sono necessari per il funzionamento dell’organismo. E’ consigliato puntare su quelli integrali (grano, orzo e avena) e non raffinati in modo da poter disporre di energia da bruciare subito e su nutrienti come magnesio, ferro e vitamine.

3. Esagerare con i cibi salutari

Può sembrare un controsenso, ma per dimagrire correttamente bisognerebbe evitare di esagerare con i cibi salutari. Bisogna regolarsi comunque nelle quantità per evitare di trasformare il consumo di qualcosa di buono per la salute in un pericolo per il proprio regime alimentare. Questo vale tanto per lo yogurt greco quanto per noci e olio di cocco.

4. I supercibi

E’ vero, vi sono degli alimenti particolarmente buoni per la nostra salute, in grado di proteggerci da malattie e prevenirne altre. Ma possono contenere elementi pericolosi per alcuni organi se consumati in eccesso. La parola d’ordine deve essere sempre moderazione.

5. Bibite salutari

Quella delle bibite salutari è una branca che viene continuamente discussa a livello alimentare. Perché senza ombra di dubbio alcune acque addizionate, anche naturalmente, sono una alternativa migliore a succhi di frutta e bevande gassate o bibite energetiche. Questo però non deve portare a consumarle tanto quanto si farebbe con la normale acqua: le aromatizzazioni e le addizioni alla sua composizione portano infatti ad intaccare quelle che sarebbero le dosi giornaliere accettabili di alcune sostante ed alimenti che in questo modo non possono essere assunti naturalmente.

6. Alternative allo zucchero

Sebbene la stevia sia quella che più si avvicina ad essere un dolcificante sicuro, in realtà con le alternative dello zucchero bisogna agire come si farebbe con l’elemento originale: consumarne poco ed il meno rifinito possibile al fine di non creare danni al nostro organismo e riuscire ad eliminare i chili di troppo. L’eccesso va rifiutato anche in questo caso.

7. Eliminazione di gruppi di cibi casuale

Alcuni regimi dietetici scelti dalle persone per dimagrire eliminano da quella che è la piramide alimentare classica interi gruppi di alimenti al fine di intaccare il conto totale delle calorie e portare ad un calo di peso. Non si tratta della soluzione più salutare da intraprendere. Un esempio? Le persone non affette da celiachia che mangiano gluten free o coloro che eliminano tutto ciò che possa avere al suo interno tracce di latte animale pur non essendo intolleranti al lattosio. Si rischia in questo modo di creare sbilanciamenti che possono portare allo sviluppo delle stesse problematiche che affliggono le persone realmente affette dai suddetti disturbi. Piccole porzioni, ma devono essere presenti.

8. Non leggere le etichette

Le etichette sulle confezioni degli alimenti vengono poste per far comprendere quali alimenti ed elementi sono contenuti nei cibi: eppure davvero poca gente presta la giusta attenzione a questo particolare. Leggere i componenti di un alimento porterebbe ad evitare reazioni allergiche spiacevoli ed a comprendere quante e quali sostanze sono effettivamente contenute nello stesso aiutando a decidere se può essere consumato nel proprio regime alimentare senza problemi.

9. Fossilizzarsi sulle calorie

Concentrarsi esclusivamente sula quantità delle calorie rischia di portare fuori strada nella scelta degli alimenti effettivamente benefici per la salute. Bisogna puntare su cibi che facciano funzionare bene il nostro corpo, portandolo alla produzione degli ormoni giusti e di altre sostanze utili.

Photo Credits | Luis Molinero / Shutterstock.com
Photo Credits | Aneta_Gu / Shutterstock.com
Photo Credits | Dragon Images / Shutterstock.com
Photo Credits | Gulsina / Shutterstock.com

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>