La paura dei disturbi alimentari nelle donne è presente anche se sono in perfetta forma

di Marco Mancini Commenta

Un gruppo di donne reclutate per un nuovo studio sembrava che non avessero problemi di “immagine del corpo“, almeno secondo le loro risposte in uno screening psicologico che, per gli indicatori della macchina, che non mostrava alcuna “bandiera rossa”. Tale valutazione è però cambiata quando i ricercatori della Brigham Young University hanno utilizzato la tecnologia MRI per osservare quello che succedeva nel cervello quando queste donne osservavano immagini di perfetti sconosciuti.

Se la persona ritratta nella foto era una donna in sovrappeso, sorprendentemente veniva attivo nel cervello delle donne prese in esame uno spazio che attiva i processi di identità e di auto-riflessione. Gli uomini non hanno mostrato tali segni di auto-riflessione in situazioni simili.

Queste donne non hanno mai sofferto di disturbi alimentari e mostrano un atteggiamento che non si preoccupa dell’immagine del corpo. Eppure nel loro profondo c’è un ansia di ingrassare e la centralità dell’immagine del proprio corpo

ha dichiarato Mark Allen, un neuroscienziato BYU.

Il prof. Diane Spangler e Allen collaborano su un progetto a lungo termine per migliorare il trattamento dei disturbi alimentari, monitorando i progressi di brain imaging. Quando le donne anoressiche e bulimiche visualizzano un estraneo in sovrappeso, un centro di auto-riflessione del cervello, conosciuto come la corteccia prefrontale mediale, si illumina in modo da suggerire l’infelicità estrema e in alcuni casi, disgusto di sé.

La motivazione di questo nuovo studio era di stabilire un punto di riferimento in un gruppo di controllo di donne che mangiano sano e non hanno disordini ai test diagnostici. Sorprendentemente, anche questo gruppo di controllo esposto a ciò che Allen definisce problemi “sub-clinici” con l’immagine del corpo reagisce come se soffrisse di qualche disturbo alimentare. La cosa curiosa è che un meccanismo simile non avviene nell’uomo. Spangler pensa che ciò accada perché le donne sono bombardate da messaggi che promuovono l’ideale di magrezza, e questo modifica il modo di percepire sé stesse.

[Fonte: Sciencedaily]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>