Dona ovuli a figlia sterile: è polemica in Gran Bretagna

di Valentina Cervelli Commenta

Vuole estrarre e congelare i propri ovuli per dare modo alla figlia, potenzialmente sterile, di avere la gioia di diventare mamma.

E’ quello che la maggior parte delle donne vuole, dare alla luce un figlio. Mackenzie ha tre sorelle, e non possono immaginarla crescere e guardare le sorelle avere dei bambini mentre lei non può averne.

A parlare così è Penny Jarvis, 25 anni. Madre.

Una storia controversa, di amore di una mamma verso la figlia, ma scatenante al contempo uno dei problemi etici più grandi: potrà una donna crescere come una figlia quella che geneticamente per lei è una sorella? Ma andiamo con ordine.  La piccola Mackenzie, figlia di Penny, ha due anni ed è affetta dalla Sindrome di Turner, una anomalia cromosomica che quasi sempre crea sterilità nella donne. Quest’ultime, grazie alla donazione di ovuli, possono naturalmente portare avanti la gravidanza: la malattia infatti non colpisce l’utero.

Penny, devastata dalla notizie della patologia della figlia e dalla sua impossibilità a procreare, come ogni madre che per il proprio erede farebbe di tutto, ha deciso di congelare i suoi ovuli in modo tale da dare alla piccola una chance in futuro.

Quando ho scoperto che Mackenzie poteva essere sterile, ne ho parlato con suo padre e con la mia famiglia ed i miei amici. E tutti mi hanno detto che mi avrebbero appoggiato. Ho anche creato un gruppo su facebook per tutti gli altri genitori di bambini con la sindrome di Turner e tutte le persone con le quali ho parlato mi hanno detto che era una buona idea. Molta gente ha capito che voglio fare ciò che è meglio per mia figlia.

Come già anticipato, la scelta di Penny ha sollevato un polverone etico. Fermo restando che l’ovulo congelato ha capacità di mantenere le proprie caratteristiche solo per pochi anni, vi sarà ancora del tempo prima che la donazione avvenga. Rimane comunque il fatto che il concepito/a, geneticamente sarà un fratellastro per lei. Penny  risponde così all’accusa:

Potete vederla come lei che da alla luce suo fratello o sua sorella, ma io ho deciso di non vederla in questo modo. Si fa il meglio per i propri figli ed il nascituro sarà solo di Mackenzie.

Articoli correlati:

Fecondazione eterologa: un figlio a tutti i costi?

Fecondazione assistita, nuovo test diagnosi pre-inpianto

Fecondazione assistita: più facile in Gran Bretagna per le single

Fonte: The Med Guru

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>