Diabete bambini e misurazione glicemia a distanza (VIDEO)

di Valentina Cervelli Commenta

Il diabete nei bambini deve poter essere sinonimo di misurazione della glicemia a distanza. Una soluzione esiste ed in Italia è accessibile con l’aiuto della Deebee Onlus, la quale, grazie anche all’aiuto di testimonial famosi come Neri Marcorè, sta provvedendo alla diffusione dell’uso di sensori che consentano di tenere sotto controllo importanti parametri.

Si basa tutto su un sistema open source organizzabile in piena autonomia seguendo specifiche istruzioni contenute nel sito ufficiale dell’iniziativa. Il suo nome è Nightscout  e consente attraverso alcuni sensori specifici (Dexcom G4, FreeStyle Libre o Enlite, N.d.R.) di condividere via smartphone, computer, tablet, e smartwatch i propri livelli di glucosio anche a distanza. In realtà il funzionamento dell’intero sistema è molto semplice. Il sensore, pre-esistente e utilizzato da coloro che soffrono di diabete di tipo 1 o che necessitano di un costante monitoraggio, misura costantemente la glicemia del paziente. Grazie al progetto sopracitato esso vien interfacciato ad un dispositivo che registra e “pubblica” le informazioni in rete cloud dedicata, dove possono essere lette poi da qualsiasi device collegato attraverso account personali.

Questo dà modo non solo ad ogni malato di diabete, a prescindere dall’età, di avere costantemente la possibilità di controllare i propri livelli di glicemia, ma anche ai genitori dei malati  più piccoli di fare altrettanto mentre questi sono fuori o impegnati in attività che li tengano lontani da casa.  Questo sistema è stato ideato da James Wedding, dopo che a sua figlia è stato diagnosticato il diabete di tipo 1: in pochissimo tempo ha mostrato di poter avere un impatto incredibile su migliaia di famiglie, grazie anche alla creazione di una fondazione dedicata e l’aiuto della Microsoft, la quale ha fatto in modo che la grande maggioranza dei bambini bisognosi potessero avere accesso ai sensori gratuitamente nonostante il loro costo grazie ad una particolare iniziativa.

Nel video a margine dell’articolo Neri Marcorè ci illustra quanto questo dispositivo sia adatto come strumento di monitoraggio della glicemia nei bambini affetti da diabete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>