ZELNORM Novartis (Tegaserod)

ZELNORM, Novartis

CATEGORIA: Farmaci antagonisti dei recettori 5HT (5-idrossitriptamina) di tipo 4.

FORMA FARMACEUTICA: Compresse

PRINCIPI ATTIVI: Tegaserod

INDICAZIONI: Indicato nel trattamento di breve periodo delle donne con sindrome dell’intestino irritabile associata a costipazione, e per i pazienti di età inferiore ai 65 anni con costipazione cronica.  

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI: Ipersensibilità al principio attivo o ad uno dei suoi componenti. L’effetto collaterale maggiormente riscontrato nei pazienti che hanno intrapreso la terapia con tefaserod è stato la comparsa di diarrea e di emicrania, sintomi che scompaiono spontaneamente con la continuazione del trattamento. Inoltre si sono verificati alcuni sintomi e complicazioni cardiovascolari, sopratutto nei pazienti predisposti. Non somministrare in gravidanza ed allattamento.

NOTE: Nel 2007 Novartis Pharmaceuticals ha accettato di sospendere le vendite di Zelnorm ( Tegaserod ) poichè un analisi dei dati ha mostrato una più alta incidenza di infarto miocardico e ictus, tra i pazienti trattati con Zelnorm rispetto a quelli trattati con placebo. Sugli 11mila pazienti trattati con il tegaseros, circa 15 pazienti sono andati incontro a gravi complicazioni cardiovascolari: 4 pazienti hanno sofferto di infarto miocardico che ha portato alla morte di un soggetto, altri pazienti hanno presentato l’insorgenza di grave dolore toracico ed episodi di di ictus che in alcuni casi ha comportato conseguenze anche gravi. Intanto l’EMEA ha respinto la richiesta di commercializzazione in Europa di tale specialità medicinale a seguito dell’istanza inoltrata dal CHMP (Comitato per i medicinali ad uso umano) dato la presunta pericolosità del prodotto.

Altri farmaci: Debrum, Debridat e Lexil.

[Fonti principali: AAVV, Xagena.it, AAVV, EmeaEuropa.eu; AAVV, EcPlanet.com]

*Per ulteriori informazioni leggere il foglietto illustrativo. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.