leonardo.it

Cisti di Baker

Cisti di Baker

La cisti di Baker è un accumulo di liquido articolare (liquido sinoviale) che si forma dietro il ginocchio.

CAUSE: Una cisti di Baker si può formare con la connessione di una normale borsa (una normale sacca di liquido lubrificante) nel ginocchio. Questo tipo è più comune nei bambini. La condizione può essere causata anche dall’ernia del ginocchio che manda la capsula fuori nella parte posteriore del ginocchio, ma questa forma è più comune negli adulti. Questo si verifica comunemente con la lacerazione della cartilagine meniscale del ginocchio. Negli adulti più anziani, le cisti di Baker sono frequentemente associate con l’artrite al ginocchio.

SINTOMI: Una cisti di grandi dimensioni può causare qualche disagio o rigidità, ma in genere non ha sintomi. Ci può essere un gonfiore indolore o doloroso dietro il ginocchio. La cisti può sentirsi come un palloncino pieno d’acqua. Di tanto in tanto, le cisti possono rompersi, causando dolore, gonfiore e bruciore sulla parte posteriore del ginocchio e del polpaccio. E’ importante riconoscere la differenza tra una rottura della cisti di Baker e un coagulo di sangue (trombosi venosa profonda), che può anche causare dolore, gonfiore e bruciore sulla parte posteriore del ginocchio e del polpaccio. Un coagulo di sangue può essere pericoloso e richiede cure mediche immediate.

DIAGNOSI: Durante un esame fisico, il medico cercherà una massa morbida nella parte posteriore del ginocchio. Se la cisti è piccola si può riuscire a distinguerla confrontando il ginocchio colpito con il ginocchio normale. Ci possono essere limitazioni nella gamma di movimento causate dal dolore e dalle dimensioni della cisti. In alcuni casi ci saranno segni e sintomi di una rottura meniscale.

Transilluminazione, o illuminazione con una luce attraverso la ciste, sono in grado di dimostrare che la massa è piena di fluido. Se la massa mostra tutti i segni anomali, come la rapida crescita, dolore notturno, intenso, o febbre, un maggior coinvongimento nell’attività è indicato per escludere tumori noncistici che possono crescere nella parte posteriore del ginocchio.

I raggi X non mostreranno la cisti meniscale o il liquido, ma mostreranno altre anomalie che possono essere presenti, tra cui l’artrite. La risonanza magnetica può essere utile per visualizzare la cisti e per dimostrare eventuali lesioni meniscali.

TERAPIA: Spesso non è necessaria la terapia ed il medico può osservare la cisti nel corso del tempo. Se è dolorosa, il trattamento si fa in genere allo scopo di correggere il problema di fondo, come l’artrite o la  una rottura del menisco. La rimozione della cisti generalmente non è fatta perché può danneggiare i vasi sanguigni e i nervi vicini. A volte, una cisti può essere esaurita (aspirata) o, in rari casi, rimossa chirurgicamente se diventa troppo grande o causa sintomi.

PROGNOSI: Una cisti di Baker, non causerà alcun danno a lungo termine, ma può essere fastidiosa e dolorosa. Di solito va via da sola, ma quanto velocemente ciò si verifica varia da persona a persona. Lunghi periodi di disabilità sono rari, perché la maggior parte dei casi migliorano con il tempo o con la chirurgia artroscopica. Possibili complicazioni sono rare, ma possono includere:

  • Dolore e gonfiore a lungo termine;
  • Complicazioni da lesioni associate, come menisco lacrimale.

Contattare un medico se vi è un rigonfiamento dietro il ginocchio che diventa grande e doloroso. Il dolore può essere un segno di infezione, che non è normalmente associato alla cisti di Baker.

Fonte: [http://health.nytimes.com/health/]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.