Rinofima, operazione con SSN?

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su rinofima
Buongiorno, scrivo per avere chiarimenti in merito al trattamento di questa patologia. Mio padre, 66 anni, ne è affetto da molto tempo (circa 20 anni) e non ha mai preso sul serio la possibilità di prevenirne l’ulteriore evoluzione. Adesso però la situazione è molto peggiorata diventando un problema anche psicologico. Un dermatologo ci ha detto che a questo punto non si può fare più niente se non un intervento di chirurgia estetica. Io mi chiedo e chiedo: è vero? Esiste un limite oltre il quale perde efficacia la terapia con il laser? Se si, a quale centro possiamo rivolgerci? Ultima domananda, mio padre, in quanto ultra 65enne possiede l’esenzione per età, potrebbe usufruire del trattamento a spese del SSN? Grazie in anticipo di cuore.

rinofima trattamento

Specializzazione Chirurgia Plastica
Tipo di Problema: Rinofima possibile operare tramite servizio sanitario nazionale?
Risponde il Dottor Luigi Sala, specializzato in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica. Per contatti diretti è possibile visitare il sito Chirurgia Plastica Catanzaro | Dr. Luigi Sala

 

 

Salve, suo padre è portatore di una iperplasia delle ghiandole sebacee
della piramide nasale; tale patologia è riconosciuta dal Servizio
Sanitario Nazionale e pertanto ha diritto ad eseguire ll’intervento
chirurgico in convenzione.
Si può tranquillamente rivolgere al più vicino ospedale dotato di
Unità Operativa di Chirurgia Plastica ricostruttiva.

 

 

Leggi anche:

Rinofima associato ad acne rosacea: laser co2 ultrapulsato per toglierlo?

 

 

 

 

 

Per porre altri quesiti ai nostri specialisti potete visitare la pagina “Chiedi all’esperto, Consulti online su Medicinalive” ed inviare la domanda attraverso il form specifico.

E’ doveroso da parte nostra ricordare e sottolineare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

Foto: Thinkstock