leonardo.it

Disordine schizoaffettivo

Disordine schizoaffettivo

Il disordine schizoaffettivo è una malattia mentale causa una perdita di contatto con la realtà (psicosi) e problemi di umore.

CAUSE: L’esatta causa del disturbo è sconosciuta. Cambiamenti nei geni e nelle sostanze chimiche nel cervello (neurotrasmettitori) possono svolgere un ruolo importante. Si crede che questo disturbo possa essere meno comune della schizofrenia e di altri più noti. Le donne sono colpite più spesso rispetto agli uomini. Sebbene i disturbi mentali sono piuttosto comuni nei bambini, la schizofrenia non lo è. Pertanto il disturbo schizoaffettivo tende ad essere raro nei bambini.

SINTOMI: I segni ed i sintomi del disturbo schizoaffeitivo sono diversi in ogni persona. Spesso si pensa si tratti di problemi di umore o di pensieri anomali. I sintomi psicotici possono durare per almeno 2 settimane senza gravi sintomi. Il corso della malattia comporta cicli di gravi sintomi seguiti da un miglioramento. I sintomi del disturbo schizoaffectivo comprendono:

  • Modifiche di appetito e di energia;
  • Credere che qualcuno in TV o alla radio stia parlando direttamente o con messaggi segreti a voi;
  • Discorso disorganizzato e illogico;
  • False credenze (deliri);
  • Paranoia (sensazione che qualcuno ce l’abbia con voi in modo ossessivo);
  • Irritabilità e difficoltà a controllarsi;
  • Mancanza di preoccupazione per l’igiene e la cura di sè stessi;
  • Problemi del sonno;
  • Vedere o sentire cose che non ci sono (allucinazioni);
  • Difficoltà di concentrazione;
  • Cambiamenti di umore da molto buono a molto cattivo o viceversa.

DIAGNOSI: Il medico eseguirà una valutazione psichiatrica per conoscere il comportamento e i sintomi. Per essere diagnosticato il disturbo, è necessario disporre di sintomi psicotici per almeno 2 settimane. La combinazione di sintomi psicotici e sbalzi di umore possono essere confusi con altre malattie, come il disturbo bipolare. L’estrema perturbazione umorale è una parte importante del disturbo schizoaffettivo.

Il medico deve prendere in considerazione qualsiasi farmaco medico, psichiatrico o connesso che provoca sintomi psicotici o umorali prima di effettuare una diagnosi. I sintomi possono verificarsi in soggetti che:

  • Fanno abuso di cocaina, anfetamine, o fenciclidina (PCP);
  • Hanno problemi di epilessia;
  • Prendono farmaci steroidei.

TERAPIA: Il trattamento può variare. Generalmente, il medico prescrive farmaci per stabilizzare l’umore e curare la psicosi. Farmaci neurolettici (antipsicotici) sono utilizzati per il trattamento di sintomi psicotici. Il litio può essere utilizzato per gestire le manie e stabilizzare l’umore. Farmaci antiepilettici come l’acido valproico e carbamazepina sono efficaci stabilizzatori d’umore. Questi farmaci possono richiedere fino a 3 settimane per alleviare i sintomi. Di solito la combinazione di antipsicotici e umore-stabilizzanti controllano sia sintomi depressivi che maniacali, ma alcune persone possono anche avere bisogno di antidepressivi.

PROGNOSI: Le persone con disturbi schizoaffettivi hanno maggiori possibilità di tornare alla vita normale rispetto alle persone con altri disturbi psicotici. Tuttavia, il trattamento a lungo termine è necessario, ed i risultati possono variare da persona a persona. Possibili complicazioni possono essere:

  • Abuso di farmaci in un tentativo di auto-medicarsi;
  • Problemi dopo le cure mediche e la terapia;
  • Problemi dovuti a comportamenti maniacali;
  • Tendenza al suicidio.

Contattare un medico se qualcuno che conoscete sta vivendo una delle seguenti condizioni:

  • Sentimenti e pensieri di suicidio;
  • Incapacità di badare ad esigenze personali basilari (igiene, alimentazione, ecc.);
  • Aumento di energia e coinvolgimento in un comportamento a rischio che è improvviso e non normale;
  • Periodi di depressione con sentimenti di disperazione e impotenza;
  • Strani pensieri o inusuali percezioni;
  • I sintomi peggiorano o non migliorano con la terapia.

Fonti: [Moore DP, Jefferson JW. Manuale di Psichiatria medica. 2a ed. St. Louis, Mo: Mosby; 2004; Goetz CG. Textbook of Clinical Neurology. 2a ed. St. Louis, Mo: WB Saunders; 2003; Addington D, Bouchard RH, Goldberg J, Honer B, Malla A, R Norman, R. Tempier pratica clinica: il trattamento della schizofrenia. Can J Psychiatry. 2005; http://health.nytimes.com/health/; International Early Psychosis Association Scrittura gruppo. Pratica clinica, linee guida internazionali per l'inizio del psicosi. Br J Psychiatry. 2005]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.