leonardo.it

Dolore ai testicoli

Dolore ai testicoli

Il dolore ai testicoli è il disagio in uno o entrambi i testicoli. Il dolore si irradia a volte al basso addome. I testicoli si trovano all’interno dello scroto e sono molto sensibili. Anche una piccola lesione o contatto può causare dolore o fastidio. Un improvviso e grave dolore al testicolo, tuttavia, richiede cure mediche immediate. Se un giovane ha dolore addominale, lo scroto deve sempre essere attentamente esaminato. Il dolore addominale può verificarsi in alcune condizioni, tra cui la torsione del testicolo. Si tratta di una torsione che può bloccare la fornitura di sangue e causare la morte dei tessuti. Il cancro testicolare è di solito indolore.

CAUSE: Le cause più comuni di dolore al testicolo comprendono:

  • Lesioni;
  • Infezione o infiammazione;
  • Torsione, più comune nei giovani tra i 10 e i 20 anni.

Le possibili infezioni includono:

  • Epididimite: infiammazione del tubo attraverso il quale gli spermatozoi lasciano il testicolo. Questa è spesso causata da batteri, come la clamidia, una malattia trasmessa sessualmente;
  • Orchite: infiammazione di uno o di entrambi i testicoli, che possono essere causate da batteri o virus come gli orecchioni. L’orchite può avvenire nello stesso momento dell’epididimite o prostatite (infiammazione della prostata).

Del fluido nei testicoli spesso provoca gonfiore indolore, ma può causare lieve disagio. Ci sono diversi tipi di raccolta di liquido:

  • Varicocele: le vene che portano il sangue dal testicoli sono allargate;
  • Spermatocele: fluido nell’epididimo che forma una cisti e spesso contiene cellule spermatiche morte;
  • Idrocele: fluido nella zona all’interno dello scroto, che circonda il testicolo, comune nei neonati.

Il dolore può anche essere causato da una ernia.

TERAPIA: Alcune cause del dolore al testicolo, compresa la torsione testicolare, possono portare ad infertilità, se non curate tempestivamente. Le infezioni inoltre dovrebbe essere esaminate e curate subito. Se l’infezione è causata da batteri, il medico prescriverà un antibiotico. Per cause non urgenti, come ferite minori e raccolta di fluido, le seguenti misure di assistenza domiciliare possono ridurre il disagio ed il gonfiore. Questi passi aiuteranno ad alleviare il disagio:

  • Fornire sostegno al scroto indossando un sospensorio;
  • Applicare ghiaccio allo scroto;
  • Fare un bagno caldo se ci sono segni di infiammazione;
  • Rimanere sdraiati, posizionando un asciugamano sotto lo scroto;
  • Prendere analgesici o antidolorifici, come acetaminofene o ibuprofene. Non dare l’aspirina ai bambini.

Il trattamento può comprendere:

  • Scioglimento del testicolo (eseguito da un medico esperto);
  • Intervento chirurgico per correggere una semplice torsione testicolare;
  • Antibiotici per le infezioni;
  • Antidolorifici;
  • Chirurgia di drenaggio o rimozione di un ascesso (rara);
  • Chirurgia per un varicocele, un idrocele o spermatocele, in particolare se il varicocele può contribuire alla sterilità.

Contattare un medico o andare a un pronto soccorso se:

  • Il dolore è grave e improvviso;
  • Si ha avuto un trauma, e ci sono dolore o gonfiore dopo un’ora;
  • Il dolore è accompagnato da nausea o vomito;
  • Si sente un nodulo nello scroto;
  • Si ha la febbre;
  • Lo scroto è caldo, morbido al tatto, o rosso;
  • Siete stati in contatto con qualcuno che ha la parotite.

DIAGNOSI: Il medico eseguirà un esame fisico con una particolare attenzione per l’inguine, testicoli, e l’addome. Per aiutarlo a diagnosticare la causa del dolore, il medico farà un’anamnesi con domande sui sintomi e sulle abitudini sessuali del paziente. I seguenti test diagnostici possono essere effettuati:

  • Ecografia dei testicoli;
  • Analisi e cultura delle urine;
  • Esame delle secrezioni della prostata .

PREVENZIONE: Per evitare il dolore ai testicoli:

  • Prevenire lesioni indossando un sospensorio durante l’attività fisica, in particolare negli sport di contatto;
  • Prevenire le malattie sessualmente trasmissibili indossando il preservativo e altre procedure di sesso sicuro;
  • Eseguire auto-esami mensili ai testicoli se si è a rischio di cancro ai testicoli;
  • Assicurarsi che i bambini ricevano il vaccino MMR (una combinazione di vaccini per parotite, morbillo, rosolia).

Se viene diagnosticata la clamidia o un’altra malattia sessualmente trasmissibile, tutti i partner sessuali devono essere visitati e, se infetti, curati.

Fonti: [Kodner C. infezioni a trasmissione sessuale negli uomini. Prim Care. 2003; http://health.nytimes.com/health/; V. Dogra acuta dolorosa scroto. Radiol Clin North Am. 2004]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.