leonardo.it

Dolore al fianco

Dolore al fianco

Con dolore al fianco ci si riferisce al dolore in un lato del corpo, tra l’addome superiore e la parte posteriore. Esso spesso è un segnale di problemi renali. Se il dolore al fianco è accompagnato da febbre, brividi, sangue nelle urine, o la minzione frequente o urgente, è molto probabile che la causa sia proprio un problema ai reni.

CAUSE: Le più comuni sono:

  • Problemi renali;
  • Pielonefrite acuta (infezione renale);
  • Trapianto di rene;
  • Ascesso al rene;
  • Calcoli;
  • Artrite spinale;
  • Ernia del disco;
  • Spasmi muscolari.

DIAGNOSI: Il medico farà l’anamnesi ed effettuerà un esame fisico. Le domande che porrà al paziente riguarderanno la durata e il tipo di sintomi, e se si prendono alcuni farmaci o si fanno cure particolari. I test diagnostici che possono essere eseguiti sono:

  • Analisi delle urine;
  • Ecografia renale o addominale;
  • TC addominale;
  • Citoscopia;
  • Pielografia endovenosa;
  • Ureteropielografia retrograda;
  • Cistouretrografia minzionale;
  • Raggi-X al rachide lombosacrale.

TERAPIA: La terapia dipende dalla causa. Riposo, terapia fisica e l’esercizio fisico possono essere raccomandate per il dolore causato da spasmi muscolari. Farmaci anti-infiammatori e terapia fisica possono essere prescritti per il dolore causato dall’artrite spinale. Gli antibiotici vengono utilizzati per curare la maggior parte delle infezioni renali. Molti liquidi e antidolorifici sono utilizzati per curare i calcoli renali. Il ricovero in ospedale può essere richiesto per molte di queste condizioni. Contattare un medico se:

  • Il dolore èccompagnato da febbre alta, brividi, nausea o vomito;
  • C’è sangue nelle urine;
  • Vi è prolungato ed inspiegabile dolore al fianco;
  • Se il dolore è legato ad un trauma.

Fonte: [http://health.nytimes.com/health/]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.