Emorroidi

Emorroidi

Le emorroidi sono un gonfiore delle vene nella parte inferiore del retto o dell’ano, e sono molto dolorose.

CAUSE: Questa condizione è molto comune, soprattutto durante la gravidanza e dopo il parto. Le emorroidi sono seguite da un aumento della pressione nelle vene dell’ano, soprattutto quando si sta seduti. La causa più comune è la tensione durante la defecazione. Le emorroidi possono derivare da costipazione, se si rimane seduti per lunghi periodi di tempo, o infezioni anali. In alcuni casi esse possono essere causate da altre malattie, come la cirrosi epatica. Le emorroidi interne si verificano solo all’inizio del retto, quelle esterne nella zona dell’apertura anale, e può risultare appesa fuori dall’ano.

SINTOMI: I sintomi delle emorroidi comprendono:

  • Prurito anale;
  • Dolore anale, specialmente mentre si sta seduti;
  • Sangue sulla carta igienica, nelle feci o nel water;
  • Dolore durante la defecazione;
  • Difficile defecazione a causa di grumi vicino l’ano.

DIAGNOSI: Un medico può diagnosticare le emorroidi spesso semplicemente esaminando la zona rettale. Se necessario, gli esami che possono aiutare a diagnosticare il problema includono:

  • Analisi delle feci;
  • Sigmoidoscopia;
  • Anoscopia.

TERAPIA: Creme corticosteroidi possono ridurre il dolore e il gonfiore, quelle con lidocaina riducono solo il dolore. La crema Witch Hazel, applicata con tamponi di cotone, può ridurre il prurito. Altre forme per ridurre il prurito anale comprendono:

  • Indossare biancheria di cotone;
  • Evitare la carta igienica con profumi o colori;
  • Prova a non graffiare la superficie.

Il bidet di 10-15 minuti con acqua tiepida può aiutare a sentirsi meglio. Per i casi che non rispondono alle terapie fai da te, un chirurgo o gastroenterologo può assegnare un trattamento termico, chiamato coagulazione ad infrarossi, che riduce le emorroidi interne. Ciò può contribuire ad evitare l’intervento chirurgico. La chirurgia può essere utilizzata per la cura delle emorroidi ed include la legatura chirurgica elastica o emorroidectomia. Tali procedure sono generalmente utilizzate per i pazienti con grave dolore o sanguinamento che non hanno risposto ad altre terapie.

PROGNOSI: La maggior parte dei trattamenti sono efficaci, ma per prevenire il ritorno delle emorroidi, è necessario mantenere una dieta con molte fibre e bere molti liquidi. Possibili complicazioni possono essere coaguli di sangue e la morte del tessuto che circonda la emorroidi. I coaguli generalmente richiedono la rimozione chirurgica. C’è il rischio che si verifichi anche una grave emorragia a causa della carenza di ferro. Un significativo sanguinamento da emorroidi è inusuale.

Contattare un medico se le emorroidi non migliorano con il trattamento fai da te. Il medico potrebbe voler verificare altre cause più gravi del sanguinamento. Chiamare un’ambulanza se c’è una significativa perdita di sangue o se si avvertono vertigini, stordimento, o debolezza.

PREVENZIONE: Evitare la tensione durante la defecazione. È possibile aiutare a prevenire le emorroidi prevenendo la stitichezza. Bere molti liquidi, almeno otto bicchieri al giorno. Fare una dieta ad alto contenuto di fibra, frutta, verdura e cereali integrali.

Fonti: [Associazione medica americana Gastroenterologia dichiarazione di posizione: diagnosi e  trattamento delle emorroidi. Gastroenterology. Maggio 2004; Feldman M, Friedman LS, Sleisenger MH. Sleisenger & Fordtran della malattia del fegato e dell'apparato gastrointestinale. 7a ed. Philadelphia, PA: Saunders, 2002; http://health.nytimes.com/health/; Marx JA, Hockberger RS, Mura RM, eds. Rosen's Emergency Medicine: Concepts and Clinical Practice. 5a ed. St. Louis, Mo: Mosby, 2002; Rakel P. Textbook of Family Practice. 6a ed. Philadelphia, PA: Saunders, 2002]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.