Osteoporosi: azienda denunciata per aver nascosto gli effetti collaterali del farmaco

 
Marco Mancini
10 settembre 2011
Commenta

protelos Osteoporosi: azienda denunciata per aver nascosto gli effetti collaterali del farmaco

Si chiama Protelos, lo produce l’azienda farmaceutica francese Servier, ed ora è al centro dell’attenzione dell’Emea, l’agenzia europea del farmaco, in quanto, per farlo entrare in commercio quanto prima, la casa farmaceutica ha deliberatamente nascosto gli effetti collaterali in fase di test.

Questo farmaco è venduto anche in Italia per la cura dell’osteoporosi e condizioni correlate come per anche deboli o per la prevenzione delle fratture alla colonna vertebrale. I primi dubbi sono venuti nel 2007, poco dopo il suo ingresso in commercio (2004), quando le denunce di alcune donne di sintomi della sindrome di Dress, cioè sfoghi cutanei gravi di origine allergica (due dei quali collegati alla morte delle pazienti), hanno cominciato a diventare troppe. E’ stata aperta un’inchiesta, ed ora si è scoperto che l’azienda sapeva benissimo che il ranelato di stronzio, il principio attivo del farmaco, poteva provocare questo genere di reazioni, ma l’hanno tenuto nascosto per far accelerare l’ingresso nel mercato.

Una procedura non nuova, visto che sempre la stessa Servier è stata costretta a togliere dal mercato un altro farmaco nel 2009, il Mediator che serviva per non far sentire la fame ai pazienti che tentavano di perdere peso, in quanto il medicinale è stato collegato a quasi duemila decessi.

I rischi legati a questo prodotto si conoscevano ma una cosa sono gli effetti collaterali, un’altra è se ci si è resi conto dell’esistenza di problemi prima del lancio e si sono taciuti. Sarebbe un fatto molto grave, che deve finire davanti a un tribunale

ha spiegato Salvatore Minisola, ordinario di Medicina interna alla Sapienza e presidente della Siommms, la Società italiana dell’osteoporosi. Immediatamente è scattato l’ordine per i medici che prescrivono questo farmaco e l’Osseor, un altro basato sullo stesso principio attivo ma di un’altra casa farmaceutica, di avvertire i pazienti delle possibili conseguenze, ed in ogni caso il ricorso a questi farmaci è sostanzialmente ridotto, visto che si preferisce prescrivere i più sicuri bisfosfonati.

Vedemecum contro l’osteoporosi: esami e farmaci efficaci
Artrite ed osteoporosi, è boom di terapie alternative
L’insalata multicolor contro l’osteoporosi

[Fonte: Repubblica]

Lista Commenti