Carcinoma mammario her2 positivo, guarigione e rischio recidiva

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su carcinoma mammario her2 positivo, guarigione e rischio recidiva
“Gentilissimo Dottore, mia moglie di 39 anni nel mese di dicembre u.s. è stata operata di mastectomia, a seguito di quadrantectomia, NAC SPARING con inserimento espansore. L’esame istologico ha dato il seguente esito: carcinoma duttale in situ di alto grado nucleare, di tipo solido e codecomico, associato ad isolati focolai di microinfiltrazione (carcinoma microinfiltrante sec WHO 2012). Nessuno dei focolai di microinfiltrazione ha diametro maggiore di 1mm. Presente cancerizzazione dei dotti. Non è stata documentata infiltrazione neoplastica endovascolare, ematica e linfatica. Linfonodi ascellari (n.2) negativi esaminati con la tecnica del linfonodo sentinella. Caratteristiche del carcinoma: Recettore per estrogeno: 90% Recettore progesterone: 40% Ki67: 30 % HER-2/NEU (policlonale) 3+ pT1mic N(0) M(0) Tutti gli esami strumentali (eco addome, rx torace e scintigrafia ossea) hanno dato esito negativo. Terapie proposte: Taxolo 12 sedute (una settimanale) + Herceptin per un anno + terapia ormonale. Vi chiedo: 1) se, in base alle caratteristiche sopra descritte, ci sono probabilità di guarigione completa; 2) se è probabile che alcune cellule abbiano già lasciato la sede del tumore primitivo, anche se attualmente non visibili attraverso esami strumentali; 3) se le terapie proposte sono adeguate alla tipologia di carcinoma; 4) rischio recidiva. Grazie anticipatamente”

Carcinoma mammario her2 positivo, guarigione e rischio recidiva

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema:  carcinoma mammario her2 positivo guarigione e rischio recidiva

 

 

Risponde il Prof. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti diretti www.ipertermiaitalia.it

Gentile Utente, buonasera. La vicenda clinica è stata trattata in tutti i suoi aspetti in modo adeguato. Certamente indicato un approccio adiuvante (di prevenzione di recidiva) come quello descritto. Ci si può aspettare una guarigione completa ed il rischio di recidiva non è elevato. La terapia farmacologica adiuvante serve proprio peraltro a ridurlo ulteriormente.

Un grande in bocca al lupo per il proseguio

Cari saluti

Prof. Carlo Pastore, oncologo – www.ipertermiaitalia.it

 

 

 

Per altri vostri quesiti compilate il form ed inviate la vostra richiesta:

“Chiedi all’esperto: Consulti Online su Medicinalive”

Si ricorda che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock