Gomito del tennista

Gomito del tennista

Il gomito del tennista è un infiammazione, irritazione o dolore sulla parte esterna del braccio vicino al gomito. Ci può essere una parziale lacerazione del tendine che collega le fibre muscolari alle ossa, o in prossimità del loro punto di origine, sulla parte esterna del gomito.

CAUSE: Questo è dovuto a lesioni ripetute sul polso o l’avambraccio. La lesione è in genere associata al tennis, da cui prende il nome “gomito del tennista”. Tuttavia, qualsiasi attività che comporti ripetitive torsioni del polso (per esempio utilizzare un cacciavite) può portare a questa condizione.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Dolore al gomito che peggiora progressivamente;
  • Il dolore si irradia dall’esterno del gomito all’avambraccio e al dorso della mano quando si afferra qualcosa o c’è una torsione;
  • Debolezza del braccio.

DIAGNOSI: La diagnosi è effettuata sulla base di segni e sintomi, poiché i raggi X sono di solito normali. Spesso ci sarà dolore o mollezza quando il tendine viene premuto delicatamente vicino alla parte superiore del braccio. Vi è anche il dolore vicino al gomito quando il polso è esteso o oppone resistenza.

TERAPIA: L’obiettivo del trattamento è quello di alleviare il dolore ed il gonfiore. Esso può comprendere:

  • Calore terapia;
  • Locale iniezione di cortisone;
  • Agenti antinfiammatori non steroidei (come ibuprofene, naproxene o aspirina);
  • Terapia fisica;
  • Impulsi a ultrasuoni per rompere il tessuto cicatriziale, aiutare la guarigione ed aumentare il flusso di sangue nella zona;
  • Utilizzo di un tutore per tenere l’avambraccio e il gomito fermi per 2 o 3 settimane.

Per evitare il ripetersi di lesioni, un tutore può essere indossato durante l’attività che aggrava la condizione. Oppure, potrebbe essere necessario limitare determinate attività. Se il dolore persiste, nonostante i trattamenti non chirurgici, può essere necessario un intervento chirurgico.

PROGNOSI: La maggior parte delle persone migliorano con il trattamento non-chirurgico. La maggior parte di coloro che subiscono l’intervento mostrano un miglioramento dei sintomi. Possibili complicazioni possono essere:

  • Mancato miglioramento. Ciò può essere dovuto al blocco del nervo nell’avambraccio;
  • Ricorrenza eccessiva dell’infortunio;
  • Rottura del tendine con ripetute iniezioni di steroidi.

Prendere analgesici o anti-infiammatori se i sintomi sono lievi o se si ha avuto questa malattia prima e già si sa come operare. Chiama un medico se è la prima volta che compaiono i sintomi, o se il trattamento domestico non li allevia.

PREVENZIONE: Mantenere una buona resistenza e la flessibilità dei muscoli del braccio o evitare movimenti ripetitivi. Tenere a riposo il gomito quando la flessione e l’estensione sono dolorosi. Un impacco con il ghiaccio applicato all’esterno del gomito dopo movimento ripetitivo può aiutare alleviare i sintomi.

Fonti: [Biundo JJ. Borsiti, tendiniti, ed altri disturbi periarticolari, e di medicina dello sport. In: Goldman L, Ausiello D, eds. Cecil Medicina. 23a ed. Philadelphia, PA: Saunders Elsevier, 2007; http://health.nytimes.com/health/; Geiderman JM. Omero e gomito. In: Marx, JA, ed. Rosen's Emergency Medicine: Concepts and Clinical Practice. 6a ed. Philadelphia, PA: Mosby Elsevier, 2006; Johnson GW, Cadwallader K, Scheffel SB, et al. Trattamento delle epicondiliti laterali. Am Fam Physician. 2007]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.