Herpes Zoster

Herpes Zoster

L’herpes zoster (detto anche fuoco di Sant’Antonio) è una dolorosa eruzione cutanea acuta in vesciche causata da un’infezione dal virus della varicella-zoster, il virus che causa la varicella.

CAUSE: Dopo aver contratto la varicella, il virus si “addormenta” (diventa inattivo) in alcuni nervi del corpo. L’herpes zoster si verifica dopo che il virus diventa reattivo in questi nervi dopo molti anni, in pratica si risveglia. La ragione per cui il virus improvvisamente diventata attivo non è ancora chiara. Spesso si verifica un solo attacco. Se un adulto o bambino è esposto al virus herpes zoster e non ha avuto la varicella, o non è stato vaccinato, può sviluppare una grave forma.

L’herpes zoster può essere contagiosa, attraverso il contatto diretto di un individuo che non ha avuto la varicella, e quindi non ha alcuna immunità. L’herpes zoster può influenzare qualsiasi gruppo di età, ma è molto più comune negli adulti oltre i 60 anni, nei bambini che hanno la varicella prima di un anno, e in altri individui con il sistema immunitario è indebolito.

SINTOMI: Il primo sintomo è di solito un dolore su un lato del corpo, con formicolio e sensazione di bruciore. Questi sintomi possono andare da lievi a gravi. Successivamente appaiono sfoghi rossi sulla pelle, seguiti da piccole bolle che sembrano molto simili ai primi sintomi della varicella. La rottura delle bolle forma piccole ulcere che iniziano a seccarsi sotto forma di croste. Le croste cadono in 2 o 3 settimane. Il rash di solito appare una ristretta zona della colonna vertebrale, nella parte anteriore del ventre o sul petto. Essa può intaccare anche viso, occhi, bocca e orecchie. Ulteriori sintomi possono includere:

  • Dolore addominale;
  • Brividi;
  • Difficoltà ad utilizzare alcuni dei muscoli del viso;
  • Palpebre pendenti (ptosi);
  • Febbre;
  • Sensazione generale di malessere;
  • Lesioni genitali;
  • Mal di testa;
  • Perdita di udito;
  • Dolore diffuso;
  • Perdita di movimento degli occhi (oftalmoplegia);
  • Gonfiore delle ghiandole (linfonodi);
  • Problemi di gusto;
  • Problemi alla vista.

DIAGNOSI: Il medico può fare la diagnosi in base alla pelle e a domande sulla storia clinica del paziente. I test sono raramente necessari, ma possono includere l’analisi di un campione di pelle per vedere se è infettata dal virus che causa l’herpes zoster. Esami di laboratorio possono mostrare un aumento dei globuli bianchi e anticorpi del virus della varicella.

TERAPIA: L’herpes zoster solitamente scompare da sola. Si può solo aver bisogno di un trattamento per alleviare il dolore. Il medico può prescrivere un farmaco antivirale chiamato aciclovir. Questo farmaco aiuta a ridurre il dolore e le complicazioni e abbreviare il decorso della malattia. Desciclovir, famciclovir, valacyclovir e penciclovir sono simili e possono anche essere utilizzati.

La terapia dev’essere iniziata entro 24 ore dalla sensazione di dolore o bruciore, e preferibilmente prima che appaiano le bolle. I farmaci sono in genere in pillole, in dosi molte volte superiori a quelli raccomandati per l’herpes simplex o herpes genitale. Alcune persone possono avere bisogno di ricevere il farmaco in via endovena. Forti anti-infiammatori chiamati corticosteroidi, come il prednisone, possono essere utilizzati per ridurre il gonfiore ed il dolore, ma essi non funzionano in tutti i pazienti. Altri farmaci possono essere:

  • Antistaminici per ridurre il prurito;
  • Antidolorifici;
  • Zostrix, una crema contenente capsaicina (un estratto di pepe) per prevenire la nevralgia post-erpetica.

Comprimere un panno umido può servire per ridurre il dolore. Bagni lenitivi e lozioni, come la farina d’avena colloidale, bagni di amido o lozione di calamina, possono contribuire ad alleviare il prurito e disagio. Riposare a letto fino a quando la febbre scende. La pelle deve essere tenuta pulita, e gli oggetti contaminati non devono essere riutilizzati. La persona può avere bisogno di essere isolata mentre le lesioni sono evidenti per prevenire l’infezione di altri, in particolare le donne in gravidanza.

PROGNOSI: L’herpes zoster solitamente passa in 2 o 3 settimane e raramente si ripete. Se il virus colpisce i nervi che controllano il movimento (i nervi motori), può portare ad una temporanea o permanente debolezza o paralisi. A volte, il dolore nella zona in cui si è verificato l’herpes zoster può durare da mesi ad anni. Questo dolore, chiamato nevralgia post-erpetica, può anche essere estremamente grave. Gli anziani sono maggiormente a rischio per questa complicazione. Altre complicazioni possono essere:

  • Il coinvolgimento del nervo facciale che può causare la sindrome di Ramsay Hunt, che può portare alla perdita del movimento del viso, dell’udito, del gusto, e altri sintomi;
  • Un altro attacco di herpes zoster;
  • Cecità (se le lesioni si verificano negli occhi);
  • Sordità;
  • L’infezione in altri organi, encefalite o sepsi in persone con sistema immunitario indebolito;
  • Nevralgia post-erpetica;
  • Infezioni batteriche secondarie alla pelle.

Contattare un medico se ci sono i sintomi di herpes zoster, soprattutto se si ha un sistema immunitario indebolito o se i sintomi persistono o peggiorano. La malattia può portare a cecità permanente, se non curata immediatamente.

PREVENZIONE: Evitare di toccare l’eruzione cutanea e le vesciche di persone con la varicella se non avete mai avuto la varicella o il vaccino. Gli adulti di età superiore ai 60 anni dovrebbero ricevere il vaccino, come parte della routine di assistenza medica.

Fonti: [Kimberlin DW, Whitley RJ. Varicella-zoster vaccino per la prevenzione di herpes zoster. N Engl J Med. 2007; Prevenzione della varicella: raccomandazioni per l'uso di vaccini contro la varicella nei bambini, compresa una raccomandazione per una dose di routine 2-varicella programma di immunizzazione. Pediatrics. 2007; http://health.nytimes.com/health/; Urman CO, Gottlieb AB. Nuovi vaccini per le malattie dermatologiche. J Am Acad Dermatol. 2008; Tyring SK. Gestione di herpes zoster e la nevralgia postherpetic. J Am Acad Dermatol. 2007:]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.