Intossicazione alimentare

Intossicazione alimentare

L’intossicazione alimentare capita mangiando cibo contaminato da tossine. La maggior parte dei casi riguarda comuni batteri come lo stafilococco o l’Escherichia coli.

CAUSE: Le intossicazioni alimentari possono far ammalare una persona o possono far iniziare un’epidemia in un gruppo di persone che hanno mangiato gli stessi alimenti contaminati. Tende a verificarsi durante i pic-nic, nelle mense scolastiche e nelle grandi funzioni sociali. In questi casi, può capitare che il cibo venga lasciato fuori dal frigorifero troppo a lungo o le tecniche di preparazione del cibo possano non essere igieniche. Infatti l’ntossicazione alimentare si verifica spesso dopo aver mangiato carne poco cotta, prodotti lattiero-caseari, alimenti che contengono maionese che sono stati conservati male. Le cause più comuni sono:

  • Bacillus cereus;
  • Botulismo;
  • Campylobacter;
  • Colera;
  • Escherichia coli;
  • Avvelenamento da pesci;
  • Listeria;
  • Avvelenamento da funghi;
  • Staph aureus;
  • Salmonella;
  • Shigella;
  • Yersinia.

Il botulismo è una grave forma di intossicazione alimentare che può essere fatale. Essa può derivare da cibi inscatolati. I neonati e gli anziani hanno il maggior rischio di contrarre un’intossicazione alimentare, ma anche gli adulti se:

  • Hanno una grave condizione medica, come il diabete o qualche malattia renale;
  • Hanno un sistema immunitario indebolito;
  • Hanno compiuto viaggi nei Paesi del Terzo Mondo in cui vi è maggiore esposizione ad organismi che causano l’intossicazione alimentare.

Le donne in gravidanza e durante l’allattamento devono prestare particolare attenzione.

SINTOMI: I sintomi più comuni dell’intossicazione alimentare in genere compaiono entro 2-6 ore dopo aver mangiato. Questo tempo può essere più lungo (anche alcuni giorni) a seconda della causa. Possibili sintomi includono:

  • Crampi addominali;
  • Diarrea, anche con sangue;
  • Febbre e brividi;
  • Mal di testa;
  • Nausea e vomito;
  • Debolezza (accompagnata da grave arresto respiratorio, come nel caso del botulismo).

DIAGNOSI: Il medico esamina i segni dell’intossicazione alimentare, come ad esempio problemi di stomaco e disidratazione, e farà domande su cosa si è mangiato di recente. Gli esami per accertare la causa possono essere effettuati su:

  • Sangue;
  • Residui alimentari;
  • Feci;
  • Vomito.

Anche se si tratta di intossicazione alimentare, tuttavia questi test possono non essere in grado di dimostrarlo. In rari e più gravi casi il medico può ordinare una o più delle seguenti procedure:

  • Un sottile tubo viene inserito nell’ano per cercare la fonte del sanguinamento o dell’ infezione (sigmoidoscopia);
  • Un test per misurare gli impulsi elettrici ai muscoli (elettromiografia) per verificare il botulismo;
  • Test del liquido dalla colonna vertebrale (puntura lombare) se si hanno segni di un disturbo del sistema nervoso.

TERAPIA: L’obiettivo è quello di far sentire meglio il paziente ed evitare la disidratazione. Di solito si guarisce dai più comuni tipi di intossicazione alimentare entro un paio di giorni. La terapia prevede che si evitino cibi solidi fino a quando la diarrea non è passata, e i prodotti lattiero-caseari, che possono peggiorarla. Bere qualsiasi liquido (ad eccezione del latte o bevande con caffeina) per sostituire i fluidi persi da diarrea e vomito e dare elettroliti ai bambini. Se si ha diarrea e non si è in grado di bere liquidi, si può avere bisogno di assistenza medica e di fluidi per via endovenosa. Ciò è particolarmente indicato per i bambini. Se si prendono diuretici, è necessario gestire con attenzione la diarrea sotto consulto medico.

Per le più comuni cause di intossicazione alimentare, il medico non prescrive antibiotici. Essi possono far durare la diarrea più a lungo. In caso di intossicazione da funghi o da frutti di mare, ci sarà bisogno di un intervento medico immediato. Il pronto soccorso provvederà a svuotare lo stomaco e rimuovere le tossine.

PROGNOSI: La maggior parte delle persone guariscono completamente dai più comuni tipi di intossicazione alimentare entro 12-48 ore. Gravi complicazioni possono sorgere, tuttavia, a causa di alcuni tipi particolari di intossicazione. La disidratazione è la più comune complicanza. Ciò può essere causata da qualsiasi tipo di intossicazione alimentare. Complicazioni meno comuni ma molto più gravi includono:

  • Artrite (Yersinia e Salmonella);
  • Disturbi emorragici (E. coli e altri);
  • Morte (da funghi, alcuni pesci o botulismo);
  • Problemi renali (Shigella, E. coli);
  • Alterazioni del sistema nervoso (Botulismo, Campylobacter);
  • Pericardite (Salmonella);
  • Difficoltà respiratorie, compresa la necessità di sostegno con una macchina per la respirazione (botulismo).

Contattare un medico se:

  • La diarrea dura più di 2-3 giorni;
  • C’è sangue nelle feci;
  • Si usano diuretici e si hanno diarrea, nausea o vomito;
  • Si ha diarrea e non si riesce a bere liquidi a causa di nausea o vomito;
  • Si ha febbre oltrei 38,5 gradi.

Recarsi urgentemente al pronto soccorso se:

  • Il sanguinamento è eccessivo o le feci sono marroni o nere;
  • Si è a corto di fiato o si hanno problemi di respirazione;
  • Si ha qualsiasi sintomo riguardante il sistema nervoso come debolezza, visione doppia, difficoltà di parola, o paralisi;
  • Ci sono segni di disidratazione (sete, vertigini, stordimento, debolezza);
  • Si ha difficoltà a deglutire;
  • È possibile che l’avvelenamento sia stato causato da funghi, pesce o botulismo;
  • Si hanno problemi di cuore.

PREVENZIONE: Per evitare intossicazioni alimentari, adottare le seguenti misure durante la preparazione degli alimenti:

  • Lavarsi accuratamente le mani e pulire piatti e utensili;
  • Utilizzare un termometro per la cottura. Cuocere le carni bovine ad almeno 71 gradi, pollame ad almeno 82 ed il pesce ad almeno 60;
  • Non utilizzare lo stesso piatto per carne e pesce, a meno che il contenitore non sia stato completamente lavato;
  • Refrigerare tempestivamente qualsiasi cibo non sarà mangiato a breve. Tenere il frigorifero fissato a circa 4 gradi e il congelatore non sopra i -17. Non mangiare carne, pollame o pesce che sia stato in frigorifero per più di 2 giorni;
  • Non mangiare cibi vecchi, prodotti alimentari confezionati con un sigillo rotto, o lattine che sono ammaccate o bucate;
  • Non utilizzare alimenti che hanno un odore insolito o un gusto guasto.

Altre misure da adottare:

  • Lavarsi le mani spesso se si hanno bambini piccoli e smaltire i pannolini attentamente in modo che i batteri non possano diffondersi in altre superfici o persone;
  • Se si effettuano delle conserve alimentari in casa, assicurarsi di seguire le tecniche di inscatolamento corrette per prevenire il botulismo;
  • Non dare miele a bambini di età inferiore a 1 anno;
  • Non mangiare funghi selvatici;
  • Quando si viaggia in posti in cui la contaminazione è più probabile, mangiare solo cibo cotto e bere acqua solo se è stata bollita. Non mangiare verdura cruda o frutta senza buccia;
  • Non mangiare frutti di mare esposti a maree rosse;
  • Se si è in gravidanza o si ha un sistema immunitario indebolito, non mangiare formaggi a pasta molle, soprattutto importati da paesi del terzo mondo.

Se altre persone possono avere mangiato il cibo che vi ha fatto male, fateglielo subito sapere. Se si pensa che il cibo sia stato contaminato in un negozio o in un ristorante, denunciare l’accaduto.

Fonti: [La diagnosi e la gestione delle malattie alimentari: un primer per i medici. Atlanta, Ga American Medical Association, Centers for Disease Control and Prevention, Centro per la sicurezza alimentare e Applied Nutrition, Food and Drug Administration, la sicurezza alimentare e Inspection Service, US Department of Agriculture, 2001; http://health.nytimes.com/health/; Tam CC. Campylobacter coli - un importante agente patogeno alimentare. J Infect. 2003; Tintinalli JE, Kelen GD, Stapczynski JS, eds. Medicina d'urgenza: un ampio studio Guida. 6a ed. New York, NY: McGraw Hill Professional; 2003]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.