Prolattina alta negli uomini

 
Paola
12 gennaio 2011
4 commenti

Circa il 30% dei tumori pituitari produce un ormone chiamato prolattina. Normalmente, la prolattina è costituita da cellule specializzate dell’ipofisi chiamate lactotrofi. Nelle donne, in circostanze normali, la prolattina è secreta al momento dell’allattamento al seno, aumenta la produzione di latte materno e sopprime la secrezione di LH e FSH, causando la perdita di periodo mestruale in una donna che allatta e cercando di prevenire in tal modo altre gravidanze nel momento in cui tutta l’energia serve per alimentare il bambino.

Il ruolo della prolattina nell’uomo non è noto. La secrezione di prolattina nei maschi è regolata da un ormone ipotalamico chiamato dopamina. La dopamina sopprime la produzione di prolattina, e qualsiasi processo che diminuisce la produzione di dopamina o il suo flusso verso il pituitario può dunque causare un aumento della prolattina.

Negli uomini, elevati livelli di prolattina possono causare ipogonadismo: bassi livelli di testosterone nel sangue,  diminuzione del desiderio sessuale (libido) e della funzionalità sessuale. Il prolattinoma è un tumore pituitario benigno (non canceroso) composto da lactotrofi (cellule produttrici di prolattina).
In molti casi i prolattinomi sono già di grandi dimensioni al momento della diagnosi. Più grande è il tumore, più alta è la prolattina.
Disfunzioni sessuali e/o perdita di desiderio sessuale che si protraggono da più tempo sono indicatori sufficienti a giustificare una visita dal medico. Meno frequentemente, i pazienti possono essere colpiti da mal di testa, perdita della visione periferica, visione doppia.

Il medico ordina un esame del sangue. Livelli elevati di prolattina nel sangue (superiori a 50 ng/ml) indicano iperprolattinemia, che nell’uomo provoca ginecomastia, un aumento del tessuto adiposo sotto i capezzoli.
La prolattina alta non significa necessariamente che vi è un tumore ipofisario.
Spesso, alcuni farmaci (antidepressivi, farmaci per la pressione arteriosa, ecc) possono far salire la prolattina nel sangue fino a 100-150 ng/ml. Inoltre, molte malattie della zona ipotalamica (infiammazione, altri tumori) possono causare un aumento dei livelli di prolattina nel sangue. Così come uno stress psicofisico prolungato, aver subito un infarto, il digiuno e tutte quelle situazioni che mettono sotto eccessivo sforzo l’organismo. In generale, la prolattina nel sangue superiore a 200 ng/ml quasi sempre indica un prolattinoma.

Prolattina alta: sintomi e cure

Tumore pituitario

La prolattina

[Fonte: University of Michigan Health System]

Articoli Correlati
YARPP
Tumore del colon, la glicemia alta aumenta il rischio?

Tumore del colon, la glicemia alta aumenta il rischio?

Secondo una ricerca condotta da un team di studiosi dell’Albert Einstein College of Medicine della Yeshiva University, e pubblicata sul “British Journal of Cancer”, livelli elevati di glucosio nel sangue, […]

Testosterone: basso negli uomini dopo la paternità

Testosterone: basso negli uomini dopo la paternità

Padri amorevoli?  Testosterone basso. E non stiamo parlando di effetti a livello sessuale: va sottolineato prima che qualcuno leggendo possa avere dubbi sulla propria virilità. Qui si parla di calo […]

Prolattina alta: sintomi e cure

Prolattina alta: sintomi e cure

Quando si parla di prolattina, si pensa subito alla gravidanza. Questo ormone infatti funziona come una sorta di interruttore per la produzione del latte nelle donne che hanno appena partorito. […]

Il selenio negli uomini difende dal diabete

Il selenio negli uomini difende dal diabete

Il ruolo del selenio nel diabete è stato controverso, con alcuni studi che suggeriscono che esso aumenta il rischio di contrarre il diabete, e altri che invece affermano che esso […]

Tumori: alta la percentuale di donne curate male negli ospedali periferici

Tumori: alta la percentuale di donne curate male negli ospedali periferici

Secondo un’indagine condotta dall’Istituto Nazionale dei Tumori (Int) le donne colpite da tumore vengono curate male, soprattutto negli ospedali periferici. L’analisi si basa su un periodo di 10 anni e […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1leonardo

    è di recente che sia con mia moglie che con la mia compagna, al momento della penetrazione, perdo l’erezione. preciso che l’erezione mi awiene. il mio medico mi fa fare delle analisi e ho notato che i valori della prolattina è 426.60, mentre i valori devono essere tra 87 e 392. quello ke mi chiedo se è questa la causa della perdita di erezione al momento della penetrazione, perchè ripeto che l’erezione mi awiene, ma è all’atto pratico che succede la perdita di erezione.

    5 mag 2011, 15:23 Rispondi|Quota
  • #2Emanuele

    01/08/2011. Salve. Ho 32 anni. Da circa un anno i seni mi danno delle fitte, soprattutto il sinistro che ora sembra un pò + gonfio. Ho fatto le analisi, i risultati, ritirati oggi, dicono che ho la prolattina a 28,38. Soffro di mal di testa, nella zona dell’occhio sinistro (non so se sia collegato, anche xché ce l’ho da parecchi anni). Il doc. dice di fare una ecomammelle e dopo ferragosto di fare analisi + specifiche attorno alla prolattina. Specifico che Non ho problemi di erezione e che da circa 2 mesi non faccio attività fisica (cosa insolita x me, fissato come sono!). Qualche consiglio? E’ utile l’ecomammelle? Grazie

    1 ago 2011, 15:26 Rispondi|Quota
  • #3Cinzia Iannaccio

    @ Emanuele:
    Ciao Non so risponderti, non siamo medici ma solo giornalisti scientifici. Direi però che un’eco alle mammelle ed alòtre analisi specifiche, non potranno farti male. Il nostro organismo ci avverte che qualcosa (magari banalissimo, tipo la mancanza di sport) si è alterato. E’ importante ascoltare e verificare, andare ad esclusione. Aggiornaci se vorrai. Potrai essere utile ad altri lettori….appena saranno finite le vacanze dei ns consulenti medici cercherò comunque di realizzare un approfondimento al riguardo.
    Cin

    7 ago 2011, 17:36 Rispondi|Quota
  • #4Emanuele

    Dall’Eco mammelle risulta solo che le ghiandole sono iperattive. Dopo ferragosto farò altre analisi più approfondite, per esempio l’ipofisi. Grazie x l’interessamento. Ciao

    8 ago 2011, 16:01 Rispondi|Quota