Deficit dell’attenzione: è un complesso di patologie

 
Valentina Cervelli
4 aprile 2012
Commenta

deficit attenzione complesso patologieSi è sempre considerata la Sindrome da deficit dell’attenzione (comunemente nota sotto l’acronimo ADHD, N.d.R.) come una singola patologia: ora la ricerca ci spiega di come si tratti di un disturbo creato da una famiglia intera di patologie. Un esempio calzante? E’ come se si parlasse dei diversi sottotipi di tumore che colpiscono gli uomini. Lo rivela uno studio condotto dall’Oregon Health & Science University, pubblicato sulla rivista di settore Pnas, Proceedings of the National Academy of Sciences

I ricercatori dell’ateneo statunitense hanno individuato, nel corso della loro sperimentazione, differenti tipologie di questa malattia, ognuna corredata da effetti diversi. Una scoperta che sottolinea quanto sia necessario superare l’attuale trattamento della patologia alla ricerca di nuovi metodi di approccio al fine di migliorare non solo il trattamento stesso della malattia ma anche la sua prognosi e la sua diagnosi.

Spiega il coordinatore della ricerca Damien Fair, docente di neuroscienze comportamentali:

 Tradizionalmente, i medici e gli psicologi hanno diagnosticato i pazienti attraverso l’uso del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, comunemente noto come DSM, ma il problema con quest’approccio è che ci si basa su osservazioni secondarie dei genitori o degli insegnanti. In questo modo comportamenti simili dettati da ragioni diverse vengono impropriamente confusi.

Al fine di comprendere meglio le variazioni del deficit di attenzione, gli scienziati hanno confrontato i risultati di test ottenuti (riguardanti differenti capacità cognitive, N.d.R.) analizzando dei bambini affetti dalla patologia, con quelli di un gruppo di controllo. Gli esami riguardavano la memoria, l’inibizione, la comprensione e l’attenzione.
Sottolinea il ricercatore:

Sapevamo da tempo che vi fosse un’ampia variabilità delle prestazioni sia nel gruppo ADHD sia nel gruppo di controllo ma questa non è mai stata formalmente descritta.

L’analisi comparata ha confermato la tesi del gruppo di studio. Rendendo più specifici i test in  base ai risultati ottenuti, sarà possibile determinate da quale “sottocategoria” di disturbo il bambino è colpito al fine di personalizzare diagnosi e terapia e ottenere quindi in tempi minori una prognosi favorevole.

Photo Credit | Thinkstock

Articoli Correlati:

Deficit dell’attenzione, la scheda

Deficit dell’attenzione, anestesia possibile fattore di rischio

Fonte: Pnas

Articoli Correlati
YARPP
Deficit dell’attenzione: anestesia possibile fattore di rischio

Deficit dell’attenzione: anestesia possibile fattore di rischio

L’anestesia può rappresentare un fattore di rischio nei bambini in merito allo sviluppo del deficit di attenzione? La risposta è positiva, soprattutto rispetto a coloro che non sono mai stati […]

Deficit attenzione ed iperattività: ora viene diagnosticata tramite un macchinario

Deficit attenzione ed iperattività: ora viene diagnosticata tramite un macchinario

Diagnosticare una ADHD, acronimo di disturbo da deficit dell’attenzione e da iperattività rientra ancora in quelle attività mediche spesso corredate da errori grossolani, sia nonostante l’impegno dei medici, sia utilizzando […]

ADHD, al via settimana europea deficit di attenzione/iperattività

ADHD, al via settimana europea deficit di attenzione/iperattività

Colpisce il 5,3% delle persone in tutto il mondo. In Italia la percentuale si attesta intorno al 3,4%, con 270.000/360.000 bambini affetti. Parliamo della sindrome da deficit di attenzione/iperattività, uno […]

Deficit di attenzione e iperattività favorito dall’esposizione ai pesticidi in utero

Deficit di attenzione e iperattività favorito dall’esposizione ai pesticidi in utero

L’esposizione ai pesticidi quando il bambino è ancora nell’utero materno pare favorisca l’insorgere del deficit di attenzione e iperattività, o ADHD, più avanti nella vita. A stabilirlo è uno studio […]

Deficit dell’attenzione e iperattività: due proteine le colpevoli

Deficit dell’attenzione e iperattività: due proteine le colpevoli

C’è un’origine chimica nel disturbo da deficit dell’attenzione e iperattività (DDAI o ADHD, l’acronimo inglese). Lo ha stabilito per la prima volta uno studio del Brookhaven National Laboratory di New […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento