Pellicce per bambini con sostanze tossiche: allarme LAV

 
Cinzia Iannaccio
19 febbraio 2013
Commenta

pellicce bambini lav allarme tossiche

La notizia è di quelle che possono allarmare troppo e che di solito tendo ad evitare. Ma la fonte è attendibile ed adeguatamente cerificata, benché originata da pochi dati. Stiamo parlando di uno studio shock realizzato dalla LAV (Lega Anti Vivisezione) circa le pellicce per bambini di alcuni noti brand di abbigliamento per l’infanzia risultati contaminati da sostanze chimiche tossiche, potenzialmente cancerogene e pericolose. Ma vediamo nel dettaglio.

La LAV da anni si batte contro gli eccidi di animali per la realizzazione di pellicce e prodotti di pelletteria. Stavolta ha trovato un nuovo punto di vista per porre l’accento sull’annosa questione, ovvero quello delle sostanze chimiche utilizzate per trattare le pelli destinate poi ad abbigliamento ed accessori. Ha così mandato ad esaminare 6 capi d’abbigliamento per bambini  (18 mesi – 12 anni) con inserti in pelliccia vera, acquistati nei negozi di marca di Milano, Monza, Roma e sul web.  I test ecotossicologici sono stati condotti dal laboratorio analisi Buzzi di Prato, tra i più specializzati in ambito tessile di tutto il nostro Paese.

Ebbene ne sono emerse sostanze chimiche pericolose con valori superiori rispetto a quanto la normativa europea indichi. Nello specifico uno dei capi è risultato contaminato con Nonilfenolo Etossilato in concentrazioni 2,5 volte maggiori del consentito per legge, standard REACH (Reg. 2006/1907/CE); altri hanno dimostrato una concentrazione di formaldeide più alte di altri prodotti tessili per cui è stato già lanciato l’allarme per il ritiro dal mercato allerta RAPEX (sistema europeo di allerta per la tutela dei consumatori); ed ancora livelli elevati di PCP Pentaclorofenolo, TeBT Tetrabutil Stagno, TeCP Tetraclorofenoli, Tetracloro Etilene, metalli pesanti (Cromo III, Alluminio, Piombo), nonché tracce di Idrocarburi Policiclici Aromatici (Pirene, Naftalene, Fenantrene, Fluorantrene), nocivi e potenzialmente cancerogeni.

La LAV fa dunque un appello alle aziende coinvolte e al Ministero della Salute affinché  vengano ritirati dal mercato in via di precauzione tutti i modelli segnalati e vengano effettuati altri test di approfondimento circa altri modelli di medesime collezioni di abbigliamento ed accessori per bambini. Altresì propone di diramare una specifica allerta RAPEX (Rapid Exchange of Information System of the EU) nei Paesi Membri dell’UE. Soprattutto però chiede che si vietino le pellicce di uso animale.

Non siamo più all’età della pietra, quando la pelliccia di un animale morto ci serviva per coprirci e riparaci dal freddo. Oggi abbiamo ideato e creato tessuti (e pellicce ) ecologiche belle, calde e prive di sostanze tossiche. Insegnamo ai nostri bambini cosa è l’ecologia e cos’è il rispetto nei confronti degli animali, diamogli l’esempio. Per loro non è importante avere una cintura o un imbottitura del giubbotto in pelle e pelliccia vera. E così facendo potremo salvaguardare la salute attuale ed il futuro dei nostri figli. Non credete? Per approfondimenti leggete le schede dei campioni analizzati nel sito della LAV. L’argomento inoltre non è nuovo. Qualche tempo fa anche Greenpeece aveva evidenziato la presenza di sostanze tossiche in alcuni capi di abbigliamento sportivo: è forse ora di una regolamentazione più attenta e rigorosa al riguardo.

Foto e fonte: Lav

 

 

Articoli Correlati
YARPP
Sostanze tossiche, ora anche dall’abbigliamento sportivo. La denuncia di Greenpeace

Sostanze tossiche, ora anche dall’abbigliamento sportivo. La denuncia di Greenpeace

L’abbigliamento sportivo potrebbe contenere sostanze tossiche. A rivelarlo, è il rapporto “Panni sporchi2″, l’inchiesta di Greenpeace su abiti e scarpe sportive commercializzati dalle grandi marche. La ricerca, è stata effettuata […]

Sostanze chimiche e tossiche: 163 identificate nell’organismo di donne in gravidanza

Sostanze chimiche e tossiche: 163 identificate nell’organismo di donne in gravidanza

Esistono delle notizie che mi fanno rabbrividire. Una di queste è quella pubblicata sulla rivista Environmental Health Perspectives. Nell’organismo delle donne incinte sono state trovate ben 163 sostanze tossiche, nocive, […]

Creme solari tossiche per le cellule del colon

Creme solari tossiche per le cellule del colon

Con l’avvicinarsi della stagione calda, la ricerca ritorna sulla tossicità delle creme solari, filtro di protezione indispensabile per tutelare la nostra pelle dai raggi ultravioletti, ma che d’altro canto solleva […]

Allarme smog: l’inquinamento delle città provoca allergie ed eczema nei bambini

Allarme smog: l’inquinamento delle città provoca allergie ed eczema nei bambini

L’inquinamento delle grandi città aumenta il fattore di rischio per l’insorgenza di malattie respiratorie nei bambini. Vivere in mezzo allo smog provocherebbe, infatti, un incremento di allergie, bronchite asmatica ed […]

L’industria cosmetica e le sostanze tossiche: dal mercurio nel mascara al benzyl, la lista delle sostanze da evitare

L’industria cosmetica e le sostanze tossiche: dal mercurio nel mascara al benzyl, la lista delle sostanze da evitare

L’uso del mercurio nel mascara è pericoloso per la salute del nostro organismo. Con questa motivazione il Minnesota è stato il primo Stato americano a vietarne l’impiego come conservante nei […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento