leonardo.it

Leucopenia

Leucopenia

Si parla di leucopenia quando c’è una diminuita concentrazione di globuli bianchi nel sangue (meno di 4000/m). Essa può essere accompagnata da altre condizioni più gravi come monocitopenia e linfocitopenia.

CAUSE: Le seguenti condizioni mediche sono alcune delle possibili cause di leucopenia. E’ probabile che vi siano altre possibili cause, ma queste sono le più comuni:

  • Leucemia;
  • Anemia aplastica;
  • Farmaci (Doxorubicina Hydrochloride, Adriamicina PFS, Adriamicina RDF, Doxil, Rubex, interazione di Carmustine e Cimetidine, interazione di Ciclofosfamide e allopurinolo, interazione di Fluorouracile e Cimetidine, interazione di Fluorouracile e Metronidazole, interazione di Methotrexate e Aspirina);
  • Chemioterapia;
  • Deficit di vitamina;
  • Deficit nutrizionali;
  • Infezioni;
  • Malattie autoimmuni;
  • Malattia idiopatica;
  • Disfunzione del midollo osseo;
  • Radioterapia;
  • Malattia epatica;
  • Malattia alla milza.

SINTOMI: I sintomi che si possono avvertire riguardano problemi a:

  • Dolore al fegato;
  • Gonfiore al fegato;
  • Gonfiore alla milza;
  • Trombocitopenia;
  • Difficoltà di digestione;
  • Mal di testa;
  • Febbre;
  • Anemia;
  • Sintomi respiratori;
  • Problemi alla pelle;
  • Sintomi muscolari;
  • Difficoltà di coagulazione del sangue.

DIAGNOSI: Il medico deve individuare la causa scatenante della leucopenia, dato che questa condizione isolata difficilmente crea problemi ed è molto rara. Bisogna fare particolare attenzione alle prime vie di infezione, quindi un’analisi delle vie respiratorie, il tratto alimentare, polmoni, peritoneo, unghie, ed esame del sangue. In caso di diarrea è bene anche effettuare un controllo delle feci. E’ possibile effettuare anche una radiografia dei seni facciali, biopsia ossea ed aspirato midollare.

TERAPIA: I pazienti affetti da cancro hanno bisogno della chemioterapia citotossica. A seconda del tipo di cancro si utilizza il regime di chemioterapia. Alcuni di questi farmaci possono essere utilizzati:

  • Neupogen, uno stimolante per le colonie dei granulociti;
  • Leukine, uno stimolante per le colonie dei granulociti-macrofagi.

Gli stimolanti della colonia dei fattori di crescita è in grado di accelerare la rigenerazione delle cellule del sangue in seguito alla chemioterapia. Il paziente può auto-somministrarsi melatonina, tocoferolo succinato, e molte altre sostanze nutritive che hanno dimostrato di proteggere la funzione immunitaria e migliorare l’efficacia della chemioterapia.

I medici di solito prescrivono steroidi o vitamine per stimolare il midollo osseo che producono neutrofili in più. In casi più estremi, al paziente sarà prescritto un cocktail di farmaci adatti alla situazione. Si prega di consultare il medico prima di acquistare farmaci per questo scopo.

PROGNOSI: La guarigione dipende dalla causa sottostante. In molti casi, come quelli di tumori, potrebbero diventare cronici.

Fonti: [www.wrongdiagnosis.com; library.thinkquest.org; www.lef.org; www.msd-italia.it]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.