leonardo.it

Luce pulsata

Luce pulsata

La luce pulsata, o luce pulsata ad alta intensità, è una tecnica innovativa, usata nel campo della medicina estetica, per praticare trattamenti di fotodepilazione e fotoringiovanimento. Questa tecnica, che è un’evoluzione della terapia laser, è utilizzata più comunemente per i seguenti problemi della pelle:

  • Lesioni vascolari tra cui angiomi, macchie, rottura di vene facciali, couperose, vene varicose;
  • Lentiggini e segni dell’età;
  • Rughe;
  • Rimozione di peli scuri indesiderati;
  • Acne (da lieve a moderato);
  • Rimozione di tatuaggi;
  • Depilazione definitiva;
  • Smagliature.

COME FUNZIONA: I sistemi di luce pulsata lavorano sugli stessi principi del laser, in cui l’energia della luce viene assorbita all’interno delle cellule bersaglio nella pelle. L’energia della luce è convertita in energia termica, che provoca danni al settore specifico. La differenza consiste nelle lunghezze d’onda dei colori in ogni impulso di luce, che sono molteplici invece di una sola come nel laser. La maggior parte dei sistemi di luce pulsata utilizza dei filtri per perfezionare l’output di energia per il trattamento di alcune aree. Questo migliora la penetrazione senza l’utilizzo di livelli eccessivi di energia e permette di colpire dei cromofori specifici.

La terapia con la luce pulsata è considerata una tecnica di trattamento delle rughe non-ablativa, il che significa che gli obiettivi dei livelli inferiori della cute (derma) non alterano gli strati superiori della pelle (epidermide).

VANTAGGI: Il vantaggio della terapia a luce pulsata è il suo tempo di inattività minimo (un paziente può ottenere la procedura durante la pausa pranzo o al rientro dal lavoro), visto che dura circa 20-30 minuti. La procedura inoltre è sicura perché, prima di poterla attuare, bisogna rivolgersi al medico specialista che può decidere se vi siano pericoli o no in caso di alterazioni dello stato di salute.

I trattamenti sono normalmente semplici, ma bisogna stare attenti nei giorni successivi ad evitare l’esposizione al sole, a volte anche per alcune settimane. Un ciclo di 4-6 sedute ogni 3-6 settimane può essere necessario per ottenere il risultato desiderato. La maggior parte dei pazienti ritorna a lavorare immediatamente dopo il trattamento.

Gli effetti collaterali sono lievi e comprendono:

  • Il dolore durante il trattamento (riduzione dal contatto di raffreddamento e, se necessario, anestesia topica);
  • La pelle diventa rosa e un po’ dolorante immediatamente dopo la procedura;
  • Sensazione di un lieve eritema solare (arrossamento, peeling, gonfiore) che può durare pochi giorni dopo il trattamento;
  • Raramente il pigmento della pelle può assorbire troppa energia dalla luce e delle bolle possono verificarsi;
  • A volte le cellule pigmentate (melanociti) possono essere danneggiate lasciando macchie più scure o più pallide sulla pelle. Chiazze bianche o cicatrici raramente sono permanenti;
  • Perdita dei capelli;
  • Ematoma che colpisce fino al 10% dei pazienti

Fonti: [http://dermnetnz.org; http://www.laser-terapia.net; http://it.wikipedia.org]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.