Iperglicemia

 
Marco Mancini
13 luglio 2011
Commenta

iperglicemia Iperglicemia

Iperglicemia

L’iperglicemia, o glicemia alta, è un grave problema di salute per le persone con diabete. L’iperglicemia si sviluppa quando c’è troppo zucchero nel sangue. Nelle persone con diabete, ci sono due tipi specifici di iperglicemia: a digiuno, è definita come una glicemia superiore a 90-130 mg / dL (milligrammi per decilitro) dopo un digiuno di almeno 8 ore; post-prandiale o dopo-pasto, è definita come una glicemia di solito maggiore di 180 mg / dL.

Nelle persone senza diabete con la glicemia postprandiale gli zuccheri raramente vanno oltre 140 mg / dL, ma di tanto in tanto, dopo un pasto abbondante, 1-2 ore dopo il pasto la glicemia può raggiungere 180 mg / dL. Livelli di glucosio costantemente elevati dopo il pasto possono essere un indicatore di alto rischio di sviluppare diabete di tipo 2

Quando una persona con diabete ha iperglicemia frequentemente o per lunghi periodi di tempo, come indicato da un elevato HbA1c nell’esame del sangue, possono verificarsi danni ai nervi, vasi sanguigni e ad altri organi del corpo. L’iperglicemia può portare anche a condizioni più gravi, compresa la chetoacidosi, per lo più nelle persone con diabete di tipo 1 e iperglicemici con sindrome iperosmolare chetosica (HHNS) nelle persone con diabete di tipo 2 o in persone a rischio di diabete di tipo 2. È importante trattare i sintomi di iperglicemia prontamente per prevenire le complicanze del diabete.

CAUSE: L’iperglicemia nei diabetici può essere causata da:

  • Saltare o dimenticare di prendere l’insulina o gli ipoglicemizzanti orali;
  • Mangiare troppi carboidrati per quantità di insulina somministrata o semplicemente mangiare troppi carboidrati in generale;
  • Mangiare troppe calorie;
  • Infezioni;
  • Altre malattie;
  • Aumento dello stress;
  • Diminuzione dell’esercizio fisico;
  • Attività fisica intensa.

SINTOMI: E’ importante riconoscere i primi segni dell’iperglicemia. Se l’iperglicemia è lasciata non curata, può evolversi in una condizione di emergenza chiamata chetoacidosi (in caso di diabete di tipo 1) o sindrome iperosmolare chetosica (se avete diabete di tipo 2). I primi segni di iperglicemia sono:

  • Aumento della sete;
  • Mal di testa;
  • Difficoltà di concentrazione;
  • Vista offuscata;
  • Minzione frequente;
  • Fatica (debolezza, sensazione di stanchezza);
  • Perdita di peso;
  • Glicemia superiore a 180 mg / dL.

L’iperglicemia prolungata nei diabetici può causare:

  • Infezioni della pelle e vaginali;
  • Lenta guarigione di tagli e ferite;
  • Diminuzione della vista;
  • Danno ai nervi che causa dolore a piedi freddi o insensibili, perdita di peli sugli arti inferiori, e / o disfunzione erettile;
  • Problemi intestinali o di stomaco come stitichezza o diarrea cronica.

TERAPIA: Se si ha il diabete e sorgono i primi segni dell’iperglicemia, assicuratevi di testare i tempi di glucosio nel sangue. Avrete bisogno di registrare le letture diverse del glucosio nel sangue prima di chiamare il medico che vi può consigliare di:

  • Bere più acqua. L’acqua aiuta a eliminare il glucosio in eccesso dalle urine e aiuta ad evitare la disidratazione;
  • Fare esercizio in più. L’esercizio vi aiuterà ad abbassare la glicemia (se si hanno chetoni nelle urine bisogna diminuire o smettere di fare esercizio);
  • Cambiare le abitudini alimentari (consultare un dietologo);
  • Cambiare i farmaci. Il medico può modificare la quantità, i tempi o il tipo di farmaci per il diabete che si prendono. Non effettuare regolazioni dei farmaci per il diabete senza aver prima parlato con il medico.

Se si ha diabete di tipo 1 e il livello di glucosio nel sangue è superiore a 250 mg / dL, il medico può richiedere di testare il sangue o le urine per i chetoni. Contattare un medico se la glicemia è costantemente superiore a 180 mg / dl 1-2 ore dopo un pasto o se si hanno due letture consecutive superiori a 300 mg / dL.

PREVENZIONE: Assicurarsi che si stia seguendo il programma di pasti, esercizio fisico e medicine correttamente. Inoltre è bene:

  • Fare attenzione alla dieta, contando la quantità totale di carboidrati che si stanno consumando;
  • Controllare la glicemia regolarmente;
  • Rivolgersi al proprio medico se avete ripetuti valori anomali di glucosio nel sangue;
  • Assicurarsi di portare sempre con sé l’identificazione medica dello stato diabetico in modo da poter ricevere un trattamento adeguato in caso di emergenza.

[Fonte: Medicinenet]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lista Commenti