Prostatite batterica acuta

 
Marco Mancini
1 febbraio 2011
1 commento

prostatite batterica acuta Prostatite batterica acuta

Prostatite batterica acuta

La prostatite acuta è un gonfiore e irritazione della prostata che si sviluppa rapidamente.

CAUSE: La prostatite acuta è solitamente causata da un’infezione batterica della ghiandola prostatica. Tutti i batteri che possono causare un’infezione delle vie urinarie possono causare la prostatite batterica acuta, tra cui:

  • Enterococchi;
  • Escherichia coli;
  • Klebsiella pneumonia;
  • Proteus mirabilis;
  • Pseudomonas aeruginosa;
  • Staphylococcus aureus.

Alcune malattie sessualmente trasmissibili possono causare la prostatite acuta, di solito in uomini di età inferiore ai 35 anni, come

  • Clamidia;
  • Gonorrea;
  • Tricomona;
  • Ureoplasma.

La prostatite causata da una malattia sessualmente trasmissibile compare di solito subito dopo il contatto sessuale con un partner infetto. Negli uomini di età superiore ai 35 anni, E. coli e altri batteri comuni provocano la prostatite. Questo caso può avvenire spontaneamente o dopo:

  • Epididimite;
  • Uretrite;
  • Infezioni delle vie urinarie.

La prostatite acuta può anche svilupparsi da problemi che coinvolgono l’uretra o la prostata, quali:

  • Ostruzione della vescica;
  • Cateterismo o cistoscopia;
  • Biopsia prostatica;
  • Trauma;
  • Fimosi;
  • Rapporti anali;
  • Intervento chirurgico transuretrale.

La prostatite è rara nei giovani. Gli uomini di età tra 20 e 35 anni che hanno più partner sessuali sono ad aumentato rischio. Sono anche ad alto rischio le persone che hanno rapporti anali non protetti. Gli uomini sopra i 50 anni che hanno un ingrossamento della prostata (iperplasia prostatica benigna) sono ad aumentato rischio di prostatite a causa del loro rischio di infezione del tratto urinario.

SINTOMI: La prostatite si può verificare con un’infezione all’interno o intorno ai testicoli (orchite o epididimite). In questo caso, ci saranno anche i sintomi della condizione. I sintomi della prostatite acuta hanno più probabilità di comparire rapidamente e causare un maggiore disagio. Essi possono comprendere:

  • Dolore addominale (solitamente a destra sopra l’osso pubico);
  • Bruciore e dolore durante la minzione (disuria);
  • Febbre e brividi;
  • Incapacità di svuotare completamente la vescica (ritenzione urinaria);
  • Lombalgia;
  • Dolore con la defecazione;
  • Dolore con l’eiaculazione;
  • Dolore nella zona tra i genitali e l’ano (dolore perineale);
  • Sangue nello sperma;
  • Sangue nelle urine;
  • Diminuzione della forza del flusso urinario;
  • Difficoltà ad urinare;
  • Urina maleodorante;
  • Aumento della frequenza o urgenza urinaria;
  • Dolore al testicolo.

DIAGNOSI: Nel corso di un esame fisico, il medico può scoprire segni di:

  • Scarico dall’uretra;
  • Nodi linfatici dell’inguine gonfi o molli;
  • Scroto gonfio o molle;
  • Prostata calda, morbida, gonfia o molle.

I campioni di urina possono essere raccolti per analisi delle urine e urinocoltura. L’esame della prostata può mostrare un aumento dei globuli bianchi e batteri. Il medico non può scegliere di eseguire un massaggio prostatico se la prostata è gonfia e dolorante perché questo può diffondere l’infezione e causare batteriemia o sepsi. Queste infezioni sono potenzialmente pericolose per la vita quando i batteri sono in circolo, anziché in una sola parte del corpo. La prostatite acuta può anche influenzare i risultati delle seguenti prove:

  • Emocromocitometrico completo (CBC);
  • Antigene prostatico specifico (PSA);
  • Analisi dello sperma.

TERAPIA: La maggior parte dei casi di prostatite acuta guariscono completamente con i farmaci e lievi modifiche alla dieta e al comportamento. Gli antibiotici più spesso utilizzati sono trimetoprim-sulfametossazolo (Bactrim o Septra), fluorochinoloni (Floxin o Cipro), tetracicline o una tetraciclina doxiciclina derivati, per almeno 4 settimane, ceftriaxone seguito da un corso di 7 giorni di doxiciclina (per gli uomini con prostatite causata da una malattia a trasmissione sessuale), ricovero in ospedale e antibiotici somministrati endovena per i casi gravi.

Poiché è possibile una ricaduta, alcuni medici consigliano anche più corsi di farmaci – da 6 a 8 settimane – per eliminare l’infezione. Gli emollienti delle feci possono ridurre il disagio che si verifica con la defecazione.

La chirurgia con cateterismo urinario, o una cistoscopia, non sono raccomandate per i pazienti con prostatite acuta. Altre terapie possono comprendere:

  • Urinare spesso e completamente per diminuire i sintomi di frequenza ed urgenza urinaria;
  • Un catetere sovrapubico (uno scolo che svuota la vescica attraverso l’addome), per la prostata gonfia che rende difficile svuotare la vescica;
  • Bagni caldi per alleviare alcuni dei dolori perineali e lombari.

E’ importante anche seguire una dieta attenta senza sostanze che irritano la vescica, come l’alcool, il cibo e le bevande contenenti caffeina, succhi di agrumi e cibi caldi o piccanti, ed aumentare l’apporto di liquidi per aiutare ad urinare. Dopo aver terminato il trattamento antibiotico, sottoporsi ad esami di routine per controllare che l’infezione sia definitivamente passata.

PROGNOSI: La maggior parte degli uomini che sono curati in tempo e nella maniera corretta non hanno alcun sintomo dopo il trattamento. I pazienti che hanno avuto una prostatite acuta possono vedere l’infezione tornare o sviluppare la prostatite cronica. Possibili complicazioni possono essere la prostatite cronica, l’ascesso prostatico e la ritenzione urinaria.

Contattare un medico se si hanno i sintomi della prostatite.

PREVENZIONE: Non tutti i tipi di prostatite sono prevenibili. È possibile prevenire le infezioni causate da malattie a trasmissione sessuale praticando comportamenti di sesso sicuro.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lista Commenti
  • antonio

    salve. io avverto leggeri bruciori fra ano e scroto dopo defecazione irregolare..senso di calore sudore sempre in quella zona,anche formicolio senso di dolore testicoli. prima tali fastidi erano molto piu accentuati poi tramite antiffiammatori e corretta alimentazione sono molto leggeri. cosa fare per farli passare del tutto evitando visite(dito nel sedere) e farmaci invasivi e paura che non siano corretti. grazie per un eventuale risposta

  • Pingback: Testosterone basso, disfunzione erettile e cura con Testovis | MedicinaLive