Sindrome da distress respiratorio nel neonato

 
Marco Mancini
23 ottobre 2010
Commenta

Sindrome da distress respiratorio nel neonato

La sindrome da distress respiratorio (RDS) è una complicanza più comunemente osservata nei bambini prematuri. La condizione rende difficile respirare.

CAUSE: La RDS neonatale si verifica nei neonati i cui polmoni non sono ancora pienamente sviluppati. La malattia è causata principalmente dalla mancanza di una sostanza protettiva chiamata surfattante, che aiuta i polmoni a gonfiarsi con l’aria ed evita che gli alveoli collassino. Questa sostanza appare normalmente nei polmoni maturi. Può anche essere il risultato di problemi genetici con lo sviluppo del polmone.

Prima nasce un bambino, meno si sviluppano i polmoni e maggiore è la probabilità di RDS neonatale. La maggior parte dei casi si osservano nei bambini nati prima delle 28 settimane. E’ molto rara nei bambini nati nei tempi giusti.

Oltre alla prematurità, il rischio aumenta con:

  • Un fratello o sorella che aveva RDS;
  • Diabete nella madre;
  • Parto cesareo;
  • Complicazioni del parto che possono portare ad acidosi del neonato alla nascita;
  • Gravidanza multipla.

Il rischio di RDS neonatale può essere ridotto se la madre ha problemi cronici di pressione collegati alla gravidanza o rottura prolungata delle membrane, perché lo stress di questi casi fa maturare prima i polmoni del bambino.

SINTOMI: I sintomi solitamente compaiono entro pochi minuti dalla nascita, anche se possono non essere notati per diverse ore. Questi possono includere:

  • Colore bluastro della pelle e delle mucose (cianosi);
  • Breve sosta nella respirazione (apnea);
  • Diminuzione della produzione di urina;
  • Grugniti;
  • Infiammazione nasale;
  • Braccia o gambe gonfie;
  • Rapida respirazione;
  • Respirazione superficiale;
  • Mancanza di respiro e rantoli durante la respirazione;
  • Movimento insolito del respiro.

DIAGNOSI: Una analisi dei gas del sangue mostra un basso tenore di ossigeno ed acido in eccesso nei fluidi corporei. Una radiografia del torace mostra distress respiratorio. I polmoni hanno una caratteristica a “vetro smerigliato”, che si sviluppa spesso 6-12 ore dopo la nascita. Gli studi di funzionalità polmonare possono essere necessari. Prove di laboratorio sono fatte per escludere l’infezione e la sepsi come causa del distress respiratorio.

TERAPIA: I bambini ad alto rischio e prematuri richiedono pronta attenzione di una squadra di rianimazione neonatale. Nonostante il notevole miglioramento nel trattamento dell’RDS negli ultimi anni, esistono ancora molte controversie. Fornire tensioattivo artificiale direttamente ai polmoni del neonato può essere di enorme importanza, ma la quantità esatta da dare è ancora allo studio.

I neonati devono stare in un posto caldo, umido e ossigenato. Questo è di fondamentale importanza, ma deve essere somministrato con attenzione a ridurre gli effetti collaterali associati con il troppo ossigeno. Una macchina per la respirazione può salvare la vita, specialmente ai bambini con:

  • Elevati livelli di biossido di carbonio nelle arterie;
  • Basso livello di ossigeno del sangue nelle arterie;
  • Bassa acidità (pH del sangue).

Può anche essere fondamentale respirare con ripetute pause. Ci sono una serie di diversi tipi di macchine per la respirazione. Tuttavia, i dispositivi possono danneggiare i tessuti polmonari fragili, e l’utilizzo delle macchine dovrebbe essere evitato o limitato quando possibile. Un trattamento chiamato pressione positiva continua (CPAP) può aiutare a mantenere aperte le vie respiratorie e può prevenire la necessità di una macchina per la respirazione. Anche con il CPAP, l’ossigeno e la pressione saranno ridotti il più presto possibile per evitare gli effetti indesiderati associati con l’ossigeno o eccessiva pressione. Una varietà di altri trattamenti possono essere utilizzati, tra cui:

  • Ossigenazione extracorporea (ECMO) per immettere direttamente l’ossigeno nel sangue, se una macchina per la respirazione non può essere utilizzata;
  • Ossido nitrico per via inalatoria per migliorare i livelli di ossigeno.

E’ importante che tutti i neonati con RDS ricevano un’eccellente terapia di supporto per ridurre al minimo i disturbi e mantenere la temperatura ideale del corpo. I neonati con RDS anche bisogno di un’attenta gestione dei fluidi e controllo delle infezioni, se si sviluppano.

PROGNOSI: La condizione peggiora spesso da 2 a 4 giorni dopo la nascita con lento miglioramento negli anni successivi. Alcuni neonati con grave sindrome da distress respiratorio muoiono, anche se questo è raro nel primo giorno di vita. Se si verifica, accade di solito tra i giorni 2 e 7. Complicanze a lungo termine si possono sviluppare a seguito della tossicità da ossigeno, alte pressioni ai polmoni, la gravità della stessa condizione, o periodi in cui il cervello o altri organi non ricevono abbastanza ossigeno. Possibili complicazioni sono dovute all’accumularsi di aria o gas nel pneumotorace, pneumomediastino o pneumopericardio. Altre possono comprendere:

  • Sanguinamento nel cervello (emorragia intraventricolare);
  • Sanguinamento nei polmoni (a volte associato all’uso di tensioattivi);
  • Formazione di coaguli di sangue a causa di un catetere ombelicale arterioso;
  • Displasia broncopolmonare;
  • Sviluppo mentale ritardato e ritardo mentale associato al danno cerebrale o sanguinamento;
  • Retinopatia della prematurità e cecità.

Contattare un medico se avete partorito in casa o all’esterno di un centro medico ed il bambino sviluppa difficoltà di respirazione.

PREVENZIONE: Prevenire la prematurità è il modo più importante per prevenire la RDS neonatale. Idealmente, questo sforzo inizia con la prima visita prenatale, che dovrebbe essere programmata al più presto quando una madre scopre di essere incinta. I buoni risultati delle cure prenatali fanno nascere figli più sani. Evitare i parti cesarei non necessari o fuori tempo.

Se la madre partorisce in anticipo, un test di laboratorio sarà fatto per determinare la maturazione dei polmoni del bambino. Quando possibile, il travaglio di solito è fermato fino a quando il test indica che i polmoni del bambino sono maturati. Questo diminuisce le probabilità di sviluppo di RDS.

In alcuni casi, i farmaci chiamati corticosteroidi possono essere dati per contribuire ad accelerare la maturità polmonare del bambino in via di sviluppo. Essi sono spesso somministrati a donne in gravidanza tra 24 e 34 settimane che sembrano suscettibili di parto precoce. La terapia può ridurre la velocità e la gravità dell’RDS, così come il tasso di altre complicazioni della prematurità, quali l’emorragia intraventricolare, dotto arterioso pervio e enterocolite necrotizzante. Non è chiaro se ulteriori dosi di corticosteroidi sono sicure o efficaci.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lista Commenti