leonardo.it

Abbronzatura “mordi e fuggi” aumenta il rischio di melanoma

 
Tippi
4 giugno 2012
Commenta

abbronzatura mordi fuggi rischio melanoma

Attenzione all’abbronzatura “mordi e fuggi”, le scorpacciate di sole, magari concentrate nell’arco di 2 giorni del fine settimana, rappresentano un rischio per i tumori della pelle, di cui il melanoma è la forma più grave e difficile da combattere. Ogni anno, infatti, in vista dell’estate, torna l’appello ad evitare l’eccessiva esposizione al sole. Come avverte la Società americana di Oncologia Clinica (Asco), in 10 anni si è registrato un aumento del 30% per i melanomi.

Ad essere maggiormente sotto accusa sono i genitori, che si dimostrano attenti a proteggere i figli dall’esposizione dei raggi solari, ma molto meno verso se stessi. Questo, è quanto emerso dai un sondaggio condotto su 1.500 persone, tra adulti e bambini, in Francia. Esiste, infatti, una notevole discrepanza nei comportamenti adottati verso i propri figli e verso se stessi.

Se la metà dei genitori, infatti, insiste perché il figlio si protegga la testa con un cappello, ma poi solo il 23% lo indossa, e per quanto riguarda l’uso delle creme solari, il dato è ancora più sorprendente. Se l’87% dei genitori, infatti, applica regolarmente la crema protettiva al figlio, solo il 44% ha la stessa attenzione verso la propria persona.

Gli oncologi sottolineano l’importanza di adottare comportamenti responsabili sotto il sole e di sottoporsi ad esami regolari dei nei. Il melanoma, infatti, colpisce ogni anno 200 mila persone nel mondo, di cui solo 7 mila sono italiani. Incoraggianti i progressi sul versante delle cure. La multinazionale farmaceutica Roche, infatti, ha da poco presentato all’Asco i nuovi dati sulla molecola vemurafenib, un farmaco sulla mutazione del gene Braf V600, presente nel 50% dei casi e rilevabile attraverso un test diagnostico ad hoc. Secondo lo studio, infatti, il nuovo farmaco, che è già stato approvato dall’agenzia europea Ema nel febbraio scorso, ha ottenuto la più alta sopravvivenza mai raggiunta in un trial clinico sul melanoma mestatico.

Photo Credits|ThinkStock

Categorie: Oncologia
Tags: ,
Articoli Correlati
YARPP
Melanoma, valutare il rischio con un app fotografandosi nudi

Melanoma, valutare il rischio con un app fotografandosi nudi

Il caldo e l’estate ci spingono ad esporci al sole ed a godere dei suoi raggi in riva al mare. L’abbronzatura è bella alla vista e questo ci piace, ma […]

Infezioni correlate all’assistenza in ospedale: è importante lavarsi le mani

Infezioni correlate all’assistenza in ospedale: è importante lavarsi le mani

Lavarsi le mani. Un gesto tanto semplice quanto importante. Ogni anno centinaia di milioni di persone in tutto il mondo sono colpite da infezioni più o meno pericolose durante i […]

Melanoma, sale il rischio con abbronzatura “mordi e fuggi”

Melanoma, sale il rischio con abbronzatura “mordi e fuggi”

Quando per le vacanze al mare non si hanno una o due settimane e magari anche più, piuttosto che rinunciare all’abbronzatura, in molti ci provano stando al sole ore ed […]

L’abbronzatura aumenta la libido

L’abbronzatura aumenta la libido

Abbronzatissimi con l’attività sessuale a mille. Un recente studio ha evidenziato il rapporto esistente tra l’esposizione al sole e la libido. Secondo la ricerca, condotta da Winfried Marz dell’Universita’ di […]

I lettini della morte, abbronzatura artificiale in Australia causa melanoma

I lettini della morte, abbronzatura artificiale in Australia causa melanoma

Molto spesso durante i mesi autunnali ed invernali, ma anche in estate, migliaia di persone sentono l’irrefrenabile desiderio di un colorito più scuro e ricorrono alle lampade abbronzanti. Forse che […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento