Chemioterapia preventiva e tumore al colon

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su Chemioterapia preventiva e tumore al colon
“Salve, mio marito è stato operato di adenocarcinoma al colon ascendente il 14 luglio 2017, il risultato istologico ha classificato il tumore in G3 e su 37 linfonodi nessuno in metastasi T3N0. Mio marito ha 47 anni e volevo chiedere se è meglio in questa situazione effettuare una chemioterapia preventuva. Grazie e cordiali saluti.”

Chemioterapia preventiva e tumore al colon

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema Chemioterapia preventiva per tumore al colon

 

Risponde il Prof. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti diretti www.ipertermiaitalia.it

 

Gentile Signora, per anni si è dibattuto circa l’opportunità nei Pazienti con linfonodi negativi di eseguire un trattamento chemioterapico adiuvante. Il grading istologico (G3) e la giovane età mi fanno propendere per il si. Ovviamente condizione generale ed esami ematochimici permettendo. Cari saluti ed un grande in bocca al lupo per tutto Prof. Carlo Pastore, oncologo – www.ipertermiaitalia.it

 

 

Leggi anche:

Tumore in progressione e chemioterapia | MedicinaLive

Chemioterapia, cos’è e quando serve | MedicinaLive

 

Per altri vostri quesiti  compilate il form ed inviate la vostra richiesta:

“Chiedi all’esperto: Consulti Online su Medicinalive”

Si ricorda che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock