leonardo.it

Protesi all’anca pericolose, è nuovo allarme?

 
Cinzia Iannaccio
16 gennaio 2012
81 commenti

protesi anca difettose pericoloseProtesi all’anca pericolose. L’allarme c’è, ma mi raccomando non ditelo a nessuno! E’ in questo modo che mi sembra di poter commentare la notizia delle protesi all’anca difettose che potrebbero rompersi e rilasciare cobalto in quantità tossiche di cui ha denunciato l’esistenza un servizio giornalistico di “Striscia la notizia” realizzato da Jimmy Ghione lo scorso venerdì. In pieno caos da protesi al seno difettose, un medico ortopedico ha segnalato alla redazione del tg satirico, un caso simile di cui non era stata fatta adeguata segnalazione: nell’agosto 2010 la società americana DePuy produttrice di protesi ortopediche ha inviato una lettera alle ASL italiane (e di tutto il mondo) segnalando un modello di protesi per l’anca pericoloso per la salute dell’essere umano impiantato, in quanto difettoso e soggetto a rilascio di particelle di cobalto.

Nella medesima segnalazione la DePuy invitava le aziende sanitarie locali a contattare i pazienti interessati da queste protesi (esclusivamente per il modello ASR) e a raccomandare loro esami clinici di controllo (ecografia) e oltre che analisi del sangue specifiche per la ricerca di cobalto. Nell’eventualità di situazioni anomale la società americana conferma di provvedere a tutte le spese per un nuovo intervento chirurgico all’anca, per la sostituzione  della vecchia protesi con una di nuova generazione.

Come molti altri interessati direttamente all’argomento, avendo in famiglia un portatore di protesi d’anca ho cominciato a fare una ricerca sul web: ho trovato la conferma della notizia sul sito della stessa DePuy, ma anche, con mia meraviglia anche una serie infinita di accuse nei confronti del servizio giornalistico per procurato ed ingiustificato allarmismo. Alcuni medici ortopedici ribadivano che la lettera era di un anno e mezzo fa, che le protesi sono state ritirate in quel contesto dal commercio e che i pazienti interessati erano già stati contattati dalle strutture sanitarie di riferimento. Ma è veramente così? Non pare, a detta della dottoressa Marcella Marletta della Direzione Generale Farmaci del Ministero della salute che nell’intervista di Ghione conferma e spiega:

“Mi raccomando, chi ha una protesi impiantata, prima verifichi che si tratti di una DePuy e poi vada dal proprio medico curante, per farsi segnare degli esami clinici…approfittiamo proprio di questa occasione di Striscia….. “.

Non è mia abitudine insistere sugli allarmismi, ma le protesi PIP hanno dimostrato che una maggiore informazione dei cittadini è necessaria. Anche in quel caso le protesi difettose erano state tolte dal commercio e l’allarme sanitario era stato dato, ma i fatti recenti evidenziano come le pazienti interessate non erano state tutte avvisate del rischio o invitate a fare dei controlli. Le stesse parole della dottoressa Marletta inoltre evidenziano che la certezza di queste comunicazioni agli interessati, non c’è. Va detto ovviamente che in questo caso a differenza della società francese delle protesi mammarie, l’americana DePuy si è comportata in modo estremamente corretto (l’avviso ed il ritiro delle protesi pericolose è stato lanciato in tutto il mondo), ma è stata la medesima azienda a rendersi conto del problema.

Non sarebbero necessari test più approfonditi prima di autorizzare l’impianto di una qualunque sostanza nell’organismo umano? E la questione non è solo italiana a quanto pare. Certo è che i cittadini/pazienti, dovrebbero avere il diritto di essere adegutamente informati! La DePuy ha messo a disposizione un numero verde (gratuito) per maggiori informazioni l’ 800 14 60 60. Il probrema riguarda artroprotesi realizzate tra il 2003 e l’agosto 2010, il modello  dovrebbe essere segnalato nella cartella clinica. Quello rischioso è solo l’ASR DePuy. Maggiori informazioni sul sito della multinazionale.

Se volete approfondire il tema delle protesi all’anca potete anche leggere i post di seguito:

Foto: Thinkstock

Articoli Correlati
YARPP
Protesi anca difettose: i fatti spiegati dall’esperto del Ministero della salute

Protesi anca difettose: i fatti spiegati dall’esperto del Ministero della salute

Perché il problema delle protesi d’anca difettose della DePuy (Johnson & Johnson) in Italia è un allarme? E fino a che punto occorre preoccuparsi? Il caso (lo ricordiamo) era scattato […]

Protesi d’anca difettose e pericolose: ed i pazienti cosa devono fare?

Protesi d’anca difettose e pericolose: ed i pazienti cosa devono fare?

Come promesso continuiamo a parlare di protesi d’anca difettose e pericolose. Nel nostro primo articolo (qui) abbiamo indicato il modello (DePuy ASR) e raccontato come è scoppiato il caso a […]

Protesi d’anca pericolose: intervista al medico che ha denunciato il caso

Protesi d’anca pericolose: intervista al medico che ha denunciato il caso

Torniamo a parlare delle protesi d’anca difettose e dunque pericolose della DePuy. Ricordiamo che si tratta di due modelli del tipo ASR impiantati (in tutto il mondo Italia compresa) tra […]

Protesi d’anca difettose: come si sta evolvendo la situazione

Protesi d’anca difettose: come si sta evolvendo la situazione

Dopo il caso delle protesi al silicone Pip per il seno, un nuovo scandalo relativo a forniture mediche rischia di conquistare le pagine dei giornali. Continuiamo infatti a parlare del […]

Cancro al seno e protesi al silicone scadenti: è allarme in Francia

Cancro al seno e protesi al silicone scadenti: è allarme in Francia

E’ allarme in Francia: migliaia di protesi del seno, inserite negli anni passati nel petto delle donne francesi sarebbero cancerogene.  Ed avrebbero provocato in molte pazienti lo sviluppo di tumori […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Francesco

    salve, sono un ragazzo di 23 anni e ho due protesi alle anche la prima lo fatta a novembre 2010 e l altra a febbraio 2011…per avere informazioni sulla “marca” delle protesi posso chiedere solo al chirurgo che mi ha operato?

    17 gen 2012, 21:19 Rispondi|Quota
  • #2Cinzia Iannaccio

    @ Francesco:
    …avevo già risposto, non so perché il commento è saltato!!!;=) Allora le protesi incriminate sono quelle del modello indicato, impiantate tra il 2003 e l’agosto 2010, poi sono state ritirate dal commercio, dunque dovresti già stare tranquillo. Il chirurgo è un tuo riferimento. Dovrebbe esserlo anche la tua cartella clinica Se ci hanno scritto il tipo di impianto (su quella di mia madre operata in struttura pubblica non c’è scritto nulla al riguardo!!!). Per ogni eventualità e dubbi c’è quel numero verde della società….. perennemente occupato. Ma stasera proprio a striscia la notizia ho sentito che potenziavano il servizio proprio per questo…insistiamo;=)
    Cinzia

    17 gen 2012, 22:54 Rispondi|Quota
  • #3francesco bizzarri

    Sono il medico che ha rilasciato l’intervista,sono perfettamente in linea con quanto pensi;anche io ritengo che qualcuno voglia far passare la notizia un po’ soffusa….Aggiungo altri particolari:il Ministero della salute solo il 17/11/2011 invia una circolare agli Assessorati alla sanità,alla SIOT,all’AIOP ed altri in riferimento alle protesi Depuy,alcune ASWL vedi Teramo,S.Orsola ed altre avvertite dalla lettera della Depuy stessa hanno intrapeso un protocollo di loro iniziativa minimizzando molto sul rilasci di particelle di cobalto e di cromo che possono essere fortemente nocive.C’e’ qualcosa che non va…..,inoltre la Depuy prendendosi tutta la responsabilità di quanto sta accadendo,ha anche denunciato che ha pagato 80 milioni di dollari di tangenti ai medici per far impiantare la propria protesi.Questo sembra che non interessi a nessuno in Italia.
    Se volete contattarmi il mio cell. 338/5665050.Saluti F.Bizzarri

    18 gen 2012, 16:51 Rispondi|Quota
  • #4Cinzia Iannaccio

    @ francesco bizzarri:
    Contaci, nei prox giorni ti faccio uno squillo.
    Grazie
    Cinzia

    18 gen 2012, 16:59 Rispondi|Quota
  • #5Antonio Veronesi

    Anch’io ho una di queste fatidiche protesi impiantata nel marzo 2005,dopo tre mesi ho subito un nuovo intervento per frattura del collo del femore in sede di protesi .mi éstata tolta la parte che ricopriva la testa del femore (avevo una protesi di rivestimento)mentre la parte acetabolare é rimasta invariata.Ora richiamato presento livelli alti di cromo e cobalto (12,90 e 17,92) e adesso aspetto il responso dei secondi esami fatti a distanza di 7mesi circa,nessuno soprattutto il chirurgo che mi ha operato mi spiega che danni posso avere anzi minimizza alquanto seccato.Cosa dove fare?Faccio il cuoco!!!!!!@ francesco bizzarri:

    19 gen 2012, 21:49 Rispondi|Quota
  • #6Cinzia Iannaccio

    @ Antonio Veronesi:
    Cercherò di darti una risposta sui rischi. Devo chiedere a degli esperti. Ma una curiosità. Tu sei stato richiamato quando? E da chi? In alcuni luoghi allora l’allarme dato dalla De Puy ha funzionato adeguatamente….?
    Cinzia
    Bm medicinalive

    19 gen 2012, 22:15 Rispondi|Quota
  • #7Francesco

    Perfetto ho controllato sulla cartella clinica come mi ha detto di fare il medico e ho trovato la marca sia delle stelo che della ceramica..non sono della depuy…anche se risultavo negativo per quanto riguardo il tempo in cui e stato effettutato l intervento ( per informazioni chiamate il numero 800 14 60 60) comunque ora sono molto piu tranquillo..lastre fatte e domani mattina esami del sangue per il cobalto nel sangue…un controllo non fa mai male :D

    IN BOCCA AL LUPO A TUTTI QUANTI chi volessi informazioni mi contatti…

    Ciao

    20 gen 2012, 01:20 Rispondi|Quota
  • #8Cinzia Iannaccio

    @ Francesco:
    Bene siamo contenti per te.

    20 gen 2012, 09:19 Rispondi|Quota
  • #9Antonella-Sondrio

    Ciao, se c’è qualcuno che cortesemente mi può dare un’informazione sulle protesi all’anca. Mia mamma (fatalità!)è stata operata presso l’ospedale di Sondrio la mattina del giorno in cui Striscia ha dato la notizia delle protesi difettose della De Puy. Naturalmente la cosa ha creato apprensione fra noi figli ma ce ne siamo guardati bene dal comunicare la cosa a lei per non preoccuparla, tanto più che era già in apprensione per l’intervento stesso. Ora mi pare di capire dai vostri commenti e dall’articolo che in realtà la notizia è uscita in ritardo, mentre le contromisure per il ritiro delle protesi difettose sono state prese ad agosto 2010: è veramente così e possiamo stare tranquilli o è meglio comunque chiedere conferme in ospedale? Grazie

    20 gen 2012, 10:13 Rispondi|Quota
  • #10Cinzia Iannaccio

    @ Antonella-Sondrio:
    Per ciò che riguarda le protesi specifiche potete stare tranquilli, perché già dal 2010 sono state ritirate dal mercato. Sulla cartella clinica o già in ospedale ti confermeranno che si tratta di altre marche o modelli. Spiegatelo magari alla vs mamma xché se la notizia continua a girare si può mettere in ansia e poi non vi crede se gli dite di stare tranquilla;=)
    Buona fisioterapia!
    Cinzia
    Bm Medicinalive

    20 gen 2012, 11:55 Rispondi|Quota
  • #11Antonella-Sondrio

    Grazie mille Cinzia per la sollecitudine e la cortesia. Con la fisioterapia va già bene si sente un leone ed ha voglia di tornare a casa.
    Auguri anche a tutti gli altri “dubbiosi” perchè tutto si risolva per il meglio.

    20 gen 2012, 12:21 Rispondi|Quota
  • #12Antonio Veronesi

    sono stato richiamato dall’istituto ospedaliero S.Anna di Brescia ,la prima volta ad aprile 2011,poi visti i risultati degli esami di cromo e cobalto sono stato richiamato nuovamente ai primi di dicembre.
    @ Cinzia Iannaccio:

    20 gen 2012, 13:04 Rispondi|Quota
  • #13Cinzia Iannaccio

    @ Antonella-Sondrio:
    Grazie a te;=)

    20 gen 2012, 13:19 Rispondi|Quota
  • #14Cinzia Iannaccio

    @ Antonio Veronesi:
    Grazie Antonio. Un dato importante perché significa che sono passati molti mesi dall’allarme dato dalla Depuy. E’ buono comunque che ti abbiano chiamato. Ci aggioorniamo.

    20 gen 2012, 13:21 Rispondi|Quota
  • #15Gen

    Mi hanno impiantato una protesi totale all’anca sinistra,ceramica-ceramica, nel 2007. Nel 2009 la testina femorale della protesi è esplosa, quindi operato di nuovo e mi è stata sostituita la testina femorale,sempre in ceramica. Dopo esattamente 2 mesi esplode di nuovo la testina femorale e in più si spezza all’altezza della testina. Operato di nuovo e questa volte mi sostituiscono di nuovo la testina femorale, ma questa volta in titanio, e mi cambiano il cotile, mettendolo in polietilene. Ma da allora ho sempre dolori. Sulla scia di ciò che ho visto a Striscia, ho visto ke le mie protesi non sono della depuy, ma ieri sono andato a far prelievi per vedere la concentrazione di cobalto nel sangue. L’idea di un quarto intervento in così poco tempo mi terrorizza! Ho solo 40 anni!

    20 gen 2012, 14:09 Rispondi|Quota
  • #16Rino

    Mi hanno impiantato una protesi totale all’anca sinistra,ceramica-ceramica, nel 2007. Nel 2009 la testina femorale della protesi è esplosa, quindi operato di nuovo e mi è stata sostituita la testina femorale,sempre in ceramica. Dopo esattamente 2 mesi esplode di nuovo la testina femorale e in più si spezza all’altezza della testina. Operato di nuovo e questa volte mi sostituiscono di nuovo la testina femorale, ma questa volta in titanio, e mi cambiano il cotile, mettendolo in polietilene. Ma da allora ho sempre dolori. Sulla scia di ciò che ho visto a Striscia, ho visto ke le mie protesi non sono della depuy, ma ieri sono andato a far prelievi per vedere la concentrazione di cobalto nel sangue. L’idea di un quarto intervento in così poco tempo mi terrorizza! Ho solo 40 anni!

    @ francesco bizzarri:

    20 gen 2012, 14:11 Rispondi|Quota
    • #17Rosario Muto

      Caro, a te come a tutti gli altri, vi stanno prendendo per il culo……….
      Il problema non è solo della de puy, il problema è che i materiali stessi utilizzati come il cromo cobalto o il titanio o le teste femorali in ceramiche, sono materiali tossici e radioattivi,
      in tutti i modi rilasciano elementi metallici e causano tutta una serie di patologie, finanche tumori.
      Alla sanità come anche ai medci, la salute pubblica non interessa……..
      Sono un C.T.U. del Tribunale, sono riconosciuto dal Ministero di Grazia e Giustizia.
      Visitate il sito http://www.ttsvgel.it

      4 feb 2013, 18:18 Rispondi|Quota
  • #18Cinzia Iannaccio

    @ Rino:
    Hai ragione. Ti capisco. Tra l’altro credo che sia un aspetto da non dimenticare, quello dell’intervento chirurgico, piuttosto invasivo!

    20 gen 2012, 14:14 Rispondi|Quota
  • #19Daniela

    @ Antonio Veronesi:Ho le protesi incriminate in entrambe le anche. Al terzo controllo é risultato che i valori di cromo e cobalto sono tre volte più alti del massimo consentiro per cui dovrò essere rioperata al più presto. Intanto me ne cambiano una e poi forse anche l’altra. Sono a terra e non é revisto alcun risarcimento. Qualcuno ha in corso qualche causa? Grazie

    25 gen 2012, 23:35 Rispondi|Quota
  • #20Cinzia Iannaccio

    @ Daniela:
    Ciao, sono cinzia, bm di medicinalive ed autrice di questo articolo. Ti hanno dato un’info sbagliata xché il risarcimento è previsto. Questo è il limk del ministero con la lettera della Depuy che si assume l’onere delle spese, anche degli iter diagnostici oltre che dell’espianto e dell’impianto.
    http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_AvvisiSicurezza_841_azione_itemAzione_0_files_itemFiles_0_fileAzione.pdf

    In più, ho trovato traccia anche di una lettera di federconsumatori di Bologna dello scorso anno alle asl di cui si rendeva conto degli impianti. Prova a rivolgerti a loro x una causa legale. Soprattutto x i danni psicologici e morali, se pure ti rimborsano i costi completi, chi si sottopone nuovamente a questi interventi non da poco sei tu!!!!.

    Nel numero verde indicato nel post dovresti trovare info più precise, ma non mi risponde mai nessuno!

    Una domanda, xché vorrei scrivere altri articoli al riguardo: come lo hai scoperto delle protesi depuy? In seguito a problemi e verifiche, perché ti hanno richiamato da dove sei stata operata, ( e quando?) oppure lo hai scpoerto in seguito a quest’ultimo allarme? Grazie se vorrai rispondermi. resto a tua disposizione x altro.

    26 gen 2012, 18:06 Rispondi|Quota
    • #21giusy

      @Cinzia Iannaccio: salve cinzia.ho 30 anni, da 4 anni 2 protesi all’anca, della depuy..sono 6 mesi che i medici dove mi hanno operata curano una sciatalgia, non mi quadrava la cosa e sono andata piu’ volte al ps dell’ospedale,solo da un paio di sett mi hanno detto che e’ possibile che io abbia una protesi di quelle tossiche, ho guardato la cartella clin ed e’ una asr, adesso mi stanno facendo tutti gli accertamenti, ma passeranno 2 3 mesi mi han spiegato..intanto sono da 2 mesi bloccata a letto per i dolori, ho perso lavoro ed ho una figlia di 9 anni..sono a pezzi, sono entrata i depressione…non so cosa fare, non riesco a pagare piu’ affitto e niente..scusi per lo sfogo…ah l’intervento e’ stato fatto in friuli venezia giulia, a tolmezzo…perche’ non mi hanno avvisata prima? posso fare causa?oltre alla depuy all’ospedale o no?e i danni che subisco li risarciscono?io vorrei star bene e non chiedere danni a nessuno ma cosi non e’ purtroppo…p.s. ho anche forti giramenti di testa e vomito, possibile che il cobalto e i ioni abbiano causato qualcos’altro mi hanno spiegato..scusi lo sfogo

      6 dic 2012, 12:31 Rispondi|Quota
    • #22Cinzia Iannaccio

      @giusy:
      Ciao Giusy. Non ti preoccupare dello sfogo, anzi, rende perfettamente l’idea di quale è il vero problema! Sui sintomi dell’intossicazione da ioni di cobalto ho trovato opinioni diverse: in generale ci sono depressione, tremore, giramenti di testa ecc. Ma non metterti subito in ansia che peggiora le cose:=) Non è detto che sia quello. Il dolore di per se stesso porta tutto ciò. Per i rimborsi. La depuy secondo una prassi che ti dovrebbero spiegare in ospedale o al numero verde della DEpuy (se è ancora attivo) ti rimborsa le spese mediche sostenute per i controlli che stai facendo e di eventuale nuova operazione di sostituzione se si riterrà che è necessaria, a patto che sia tutto fatturato. Ma verifica prima effettivamente cosa rimborsano (non credo ad esempio il ricovero in una clinica privata per tale operazione). Gli estremi per una causa? Secondo le norme di legge che ho trovato tutto sembra in regola, ciò non toglie che alcune associazioni di consumatori si sono messe giustamente sul piede dei guerra. Loro o un tuo avvocato di fiducia potranno dirti se hai gli estremi per farla. Prova anche a rivolgerti al dott. Bizzarri, l’ortopedico che ha denunciato il caso. C’è il numero tra i commenti (numero 3) e mi ha detto che potevo lasciarlo proprio per chi avesse necessità di info. Fammi sapere se vuoi, e per gli altri che accederanno a questo forum, che tipo di risposte hai trovato, ma soprattutto come procedono le cose. Sono certa che troverai la causa del dolore e risolverai, tornando a vivere con serenità con la tua bimba (ha l’età di mia figlia). ;=)))

      7 dic 2012, 10:36 Rispondi|Quota
    • #23giusy

      @Cinzia Iannaccio: salve cinzia, grazie per avermi incoraggiato…oggi per fortuna ho avuto risposte concrete…mi tolgono la protesi prima possibile, e’ proprio quella la causa di tutto…per quanto riguarda una causa nei confronti della depuy, a detta dell’avvocato ci sono gli estremi..purtroppo perdero’ il lavoro , ma spero intanto di poter star bene e poi trovare qualcos’altro…quando si e’ soli con una bambina da tirar con una famiglia lontana diventa un po’ difficile..per quanto riguarda i giramenti di testa ecc ecc , come dice lei e’ normale che ci siano, causati cmq dal dolore medicine ecc..l’esame del sangue , la ionemia si fara’ a brescia..cmq anche se mi causera’ veramente tanti disagi sono positiva, passera’ tutto e sara’ solo un brutto ricordo, e staro’ meglio di prima..e colgo l’occasione per ringraziare il dottor bizzarri che ieri ho chiamato ed e’ stato disponibile e chiaro.grazie anche a lei e auguri di buon natale a lei e bambina.

      7 dic 2012, 17:27 Rispondi|Quota
    • #24Cinzia Iannaccio

      @giusy: Auguri grandi a te e alla tua bimba. Dammi del tu, la prossima volta che mi scrivi e mi dici che sei tornata a correre e saltare ed i dolori sono solo un ricordo;=))

      7 dic 2012, 18:07 Rispondi|Quota
  • #25Antonio Veronesi

    @ Daniela:
    Io ho portato la mia documentazione a un medico legale che sta valutando tutto per poi avviare una causa, lei(il medico) dice che ci sono gli estremi anche per un risarcimento. Al momento sto aspettando

    26 gen 2012, 19:32 Rispondi|Quota
  • #26Cinzia Iannaccio

    @ Antonio Veronesi:
    Sul doc della De Puy che ho linkato c’è scritto che si assumono le spese, a patto che gli venga fornita la documentazione medica, non dovrebbe essere complicato. leggetelo. E’ sul sito del ministero. oltre che nel link. Per loro, è meno oneroso che beccarsi una causa x danni fisici seri…..

    26 gen 2012, 20:56 Rispondi|Quota
  • #27Gian Battista Nassisi

    Mi sono operato alle anche la prima nel febbraio del 2007 e la seconda nel settembre 2008 all’ Ospedale CASA SOLLIEVO E DELLA SOFFERENZA DI SAN GIOVANNI ROTONDO mi ha operato il Dott. Domenico Cornacchia ad oggi non ho avuto disturbi inerenti alle protesi solo la deambulazione non è eccezionale ma capisco ,nel 2010 ho scoperto di avere un tumore alla prostata con tre metastasi e non operabile sono stato sia all’Ospedale di San Giovanni Rotondo e sia ad Aviano all’Istituto Oncologico e mi hanno detto che solo cure posso fare .Adesso mi devo ricoverare il 9 febbraio per una protesi alla spalla che mi hanno detto che adesso è possibile perchè per il male che ho prima non era possibile non sò che fare se operarmi o no dovuto alle prtesi che possono portare ai tumori e Vorrei un conforto dai Vostri esperti per sapere cosa fare e se volete ulteriori ragguagli in merito Vi farò sapere grazie un distinto saluto Gian Battista Nassisi

    2 feb 2012, 11:06 Rispondi|Quota
  • #28Gian Battista Nassisi

    Se volete contattarmi il mio n. di cell 3355204893 Grazie Nassisi

    2 feb 2012, 11:08 Rispondi|Quota
  • #29Cinzia Iannaccio

    @ Gian Battista Nassisi:
    Non so che dirti, dato il caso complicato. La scelta di un intervento chirurgico è una cosa che spetta solo ed esclusivamente al paziente. In questo senso non ho neppure suggerito a mio padre chi dove e come farsi operare e soprattutto se. Ma io sono solo una giornalista che si occupa di salute. Valuta con tuo medico tutte le soluzioni e le controindicazioni. Per le protesi all’anca posso dirti quello che sto scoprendo in questi giorni. E’ vero che alti tassi di sostanze pericolose possono provocare malattie gravi, ma: 1)
    hai verificato sulla cartella clinica che sei stato impiantato con queste protesi? Oppure con il chirurgo? Chiedi a loro. Ti devono eventualmente sottoporre a test .
    2)Inoltre non tutte le ASR De Puy sono incriminate, solo il 12% è risultato difettoso ed in Italia (mi dicono dal ministero) solo il 2%.
    3) non mi risulta al momento ci siano problemi con protesi per la spalla.
    Spero di averti dato un minimo di conforto……anche mia madre ha le prrotesi all’anca e non è dato sapere di quale marca;=(

    2 feb 2012, 11:21 Rispondi|Quota
  • #30Cinzia Iannaccio

    @ Gian Battista Nassisi:
    Attenzione, non possiamo verificare chi ti contatterà al numero di cellulare. Presta cortesemente attenzione. Se vuoi cancellianmo il numero di telefono che hai inserito.
    Cinzia
    BM Medicinalive

    2 feb 2012, 11:23 Rispondi|Quota
  • #31Gian Battista Nassisi

    grazie di tutto vedrò cosa poter fare distinti saluti Gian Battista Nassisi

    2 feb 2012, 15:49 Rispondi|Quota
  • #32francesca

    mia madre ha una protesi all’anca dal 2009 e da circa un anno pruriti indescrivibili dalle anche ai piedi e non si trova cura, può essere il cobalto? e come faccio a sapere che marca di protesi le hanno impiantato? grazie.

    4 feb 2012, 22:24 Rispondi|Quota
    • #33Greta

      @francesca:
      Ciao Francesca!
      avrei bisogno di contattarti per chiederti aiuto per un servizio televisivo sulle protesi all’nca. per favore, scrivimi sulla mail un tuo contatto appena puoi che ti chiamo subito dalla redazione! Grazie mille!!!

      15 nov 2012, 17:37 Rispondi|Quota
  • #34Cinzia

    @ francesca:
    Dovrebbe essere scritto sulla cartella clinica, ma non tutti (non essendo il fatto perseguibile da quello che ho capito) lo hanno scritto. Mia madre ha 2 protesi, la seconda con tanto di adesivo e codice a barre, la prima, neppure l’ombra di nulla. Se non hai cartella clinica richiedila all’ospedale dove è stata operata e cerca di parlare direttamente con il reparto, o la direzione sanitaria, per farti dire (x iscritto) quali protesi hanno utilizzato. Se le protesi sono quelle ti devono far fare ecografia ed analisi del sangue a spese della Depuy idem l’espianto-impianto nell’eventualità si riscontrino problemi (solo in alcuni casi)
    Cinzia
    Bm Medicinalive

    5 feb 2012, 10:15 Rispondi|Quota
  • #35simo

    buongiorno,ho una protesi dupay ASR impiantata a novembre 2007 e non ho mai avuto dolore ma ho avuto un episodio di allergia al nikel e cobalto nel 2008 ( era impossibile riferito alla protesi , mi e’ stato detto) . Devo essere richiamata a visita ma mi chiedo quali sono i sintomi di eccessivo cobalto nel sangue ? Grazie

    11 feb 2012, 14:20 Rispondi|Quota
  • #36Romano

    Ciao a tutti ho 47 anni nel 2006 mi hanno impiantato una protesi di superficie metallo-metallo purtroppo è quella incriminata della De Puy. Devo dire che sono controllato con esami del sangue dal 2009 poi nel 2010 a Dicembre un richiamo dalla De Puy per mettere a conoscienza del problema i pazienti con tali protesi.Esami del sangue nel 2011 con risonanza miei valori di cromo-cobalto nel sangue sono “molto”alti con esito della risonanza a posto.Io stò bene non ho dolori vorrei sapere quali danni provoca nel sangue il cromo-cobalto.L’ultimo controllo è del Gennaio 2012 e aspetto l’ esito.Nella sfortuna e nelle polemiche dei media sono assistito con serietà dalla clinica San Donato.

    12 feb 2012, 18:09 Rispondi|Quota
  • #37Saluzz

    salve. ritengo sia il caso di fare una precisazione, a proposito del link postato in questi commenti e relativo al risarcimento: attenzione, non è assolutamente vero che è previsto un RISARCIMENTO per il danno subito; quanto indicato dal Ministero nella comunicazione riportata è un sostegno finanziario – indicato poi come rimborso (“Il rimborso è soggetto al completamento e all’invio alla DePuy della documentazione richiesta per confermare il diritto a tale rimborso”) – cioè una copertura SUCCESSIVA alle spese sostenute per l’espianto e la sostituzione dele protesi risultate danneggiate o dannose. il danno biologico è altra cosa, e per la sua valutazione servono un medico legale e un giudice, oppure un provvedimento tipo “forfettario” stabilito dal livello istituzionale. per i risarcimenti, come per le protesi al seno, non mi risulta sia stata data nessuna indicazione esatta, al momento. saluti, Saluzz

    4 mag 2012, 12:01 Rispondi|Quota
  • #38Cinzia Iannaccio

    @ Saluzz:
    Il risarcimento era riferito alle spese, come si nota da ciò che è scritto nel suddetto link. Altrimenti non lo avrei messo. Ho avuto modo di parlare con molte persone che hanno dovuto anticipare tutte le spese, perché non contattati dalle asl di riferimento ed erano state operate in strutture private e lì avrebbero preferito/dovuto tornare x l’espianto -impianto. Ed i medici e le strutture di riferimento gli avevano detto che non c’era rimporso. Tanto è che poi riguardo alla domanda su un’eventuale causa aggiungo:
    “In più, ho trovato traccia anche di una lettera di federconsumatori di Bologna dello scorso anno alle asl di cui si rendeva conto degli impianti. Prova a rivolgerti a loro x una causa legale. Soprattutto x i danni psicologici e morali, se pure ti rimborsano i costi completi, chi si sottopone nuovamente a questi interventi non da poco sei tu!!!!” Negli Stati Uniti c’è in corso una grande class action al riguardo, non vedo perché in Italia non si dovrebbe intentare. ;=)))

    4 mag 2012, 13:19 Rispondi|Quota
  • #39Saluzz

    @ Cinzia Iannaccio:

    scusa l’apparente pedanteria, ma si tratta di fornire informazioni in maniera corretta e completa. è sbagliato parlare di risarcimento delle spese, tecnicamente: si deve parlare di rimborso, perchè il rimborso si fa sulle spese effettuate e perchè nell’intero documento citato non c’è una volta che venga usato il termine “risarcimento”. il risarcimento riguarda il danno (biologico e non), si calcola con le tabelle apposite e viene stabilito dal giudice o dagli organi preposti. non si tratta della stessa cosa, infatti il Ministero attualmente garantisce solo uno dei due (il rimborso, appunto). la “class action”, poi: impossibile, perchè in Italia non è prevista dall’attuale sistema normativo, ergo non è attuabile. sappiamo, ovviamente, che certe associazioni parlano di class action, ma sarebbe corretto precisare che l’azione si potrebbe svolgere solo negli U.S.A. . Infine, una lettera di una associazione non è un dispositivo normativo, nè una direttiva o una circolare: è, al massimo, una richiesta che può essere accolta o meno. E Il Ministero italiano, al momento, non pare aver preso in considerazione la questione. Il caso delle protesi al seno è esplicativo delle procedure e delle responsabilità in casi come questi. so cosa dico, mi occupo di consulenza sanitaria per una associazione di cittadini. le informazioni le prendiamo direttamente dai contatti che abbiamo al Ministero e, ovviamente, dai comunicati ufficiali dallo stesso rilasciate. a disposizione per chiarimenti, se serve.

    4 mag 2012, 15:28 Rispondi|Quota
  • #40Cinzia Iannaccio

    @ Saluzz:
    Non credo tu sia pedante, solo che non abbia letto con attenzione il tutto. Non sono una che ha scopiazzzato a dx e a sx ma mi sono intervistata tutti i referenti citati in questi articoli ed ho parlato anche con quelli del numero verde della depuy. Con il termine risarcimento in italiano si intende
    “n m risarcimento indennizzo rimborso riparazione economica di un danno”
    Risarcimento è dunque sinonimo di rimborso. Perché il danno non è solo biologico, ve ne sono di contrattuali, ecc. Se sono costretta a pagare 2.000 euro in una clinica privata per cambiare una protesi difettosa, chiedo un risarcimento di tale danno economico che la depuy come da documenti allegati (e da telefono verde) è disponibile a versare previa presentazione di documentazione. Dunque un rimborso sulle spese è equivalente a un risarcimento da danno economico. Il link messo è un documento ufficiale che spiega tutti i diritti in questione. E quindi non è dare info sbagliate, ma semmai chiare ed accertate. Forse dal punto di vista legale le parole rimborso e e risarcimento non sono la stessa cosa, ma io non faccio l’avvocato, ma altro. E non ho dato info sbagliate. Ma documentate. E NON E’ IL MINISTERO in questo caso che fornisce il RIMBORSO delle spese, ma la DEPUY, quindi un’info sbagliata la stai dando tu. Class action? In Italia non si può fare? Avevo sentito diversamente, ma qui posso veramente sbagliare e non mi pronuncio, Certo è che le associazioni dei consumatori, di battaglie legali in gruppo ne hanno fatte e ne stanno facendo e vincendo molte. Anche in Italia, se poi per legge le vogliamo chiamare diversamente il succo non cambia. Non mi sono sognata di dire fate causa che il ministero vi ripaga. La signora voleva sapere se qualcuno faceva causa? Ho risposto di si. di andarsi a ceracre l’associazione sono documenti che ho trovato e letto. Ed intentare una causa non significa ne vincerla. Soprattutto non era una causa al Ministero. Il ministero in tutto ciò non c’entra nulla. Ha solo ritardato a sollecitare i richiami dei pazienti. Il caso delle protesi al seno non è paragonabile. Il ministero inoltre in ambedue i casi ha applicato i dovuti passaggi i verifica della normativa europea, che richiede semplicemente una certificazione di qualità. Il problema è stato dato dalla società produttrice: la Depuy ha ritirato subito i prodotti ed ha avvisato i responsabili, la PIP, no. I prodotti della Depuy sono risultati in minima percentuale difettosi, quella minima percentuale che x legge e sicurezza obbliga al ritiro dal mercato. Le protesi al seno PIP erano volutamente create con materiale non conforme e le certificazioni presentate x l’immissione in commercio erano dunque false. ;=)

    4 mag 2012, 15:57 Rispondi|Quota
  • #41Saluzz

    @ Cinzia Iannaccio:
    gentilissima, mi spiace, ma quanto affermi è totalmente errato: è per confusioni di questo tipo che la gente ci chiama. il link postato lo conosco bene perchè lo faccio di lavoro, di fornire informazioni sul sistema sanitario (non parlo con le ditte, ma con i portavoce del ministero) e, torno a ripetere, non parla di risarcimento, ma di rimborso e solo previa presentazione della documentazione che attesta la spesa e la prestazione. è un rimborso, dunque, perchè non considera altri elementi come gli aspetti morale, biologico e patrimoniale. risarcimento e rimborso sono infatti termini NON equivalenti anche se in molti li scambiano per sinonimi, ma intendono procedure differenti. parla con un legale e mi darai conferma. tra l’altro, fai bene a citare il signifcato letterale di “risarcimento”, in quanto mi dai la possibilità di sottolineare che se si parla di danno, di qualsiasi tipo esso sia, questo ha bisogno di esere quantificato e confermato\accettato. ti spiego meglio: puoi rimborsarmi di una spesa effettuata, perchè ho gli scontrini che la dimostrano in maniera obiettiva; esattamente come nel caso della DePuy, che infatti vuole gli scontrini e non una valutazione del danno (cito: “DePuy Orthopaedics intende coprire i costi ragionevoli e normali di monitoraggio e trattamento”, che tradotto vuol dire “costi di esami e terapia\intervento”, non si parla di danno), fatta da un medico legale. non serve giudice o mediazione alcuna, in questo caso, quindi è un rimborso, è evidente. il danno, invece, deve essere quantificato sulla base di tabelle che individuano una invalidità permanente o provvisoria; ecco perchè serve sempre un perito, spesso ambo le parti, e un soggetto super-partes (spesso è il giudice, ma c’è anche la procedura di mediazione) che dia il giudizio finale. è quello l’errore che contesto. errata, purtroppo, è anche la considerazione a proposito dei “casi” DePuy e PIP: il Ministero ha responsabilità – non di causa, ma di tutela – in quanto si tratta di Sanità pubblica, art. 32 dela Costituzione. infatti le direttive, le circolari etc. vengono tutte dal MInistero o dal’ISS, mica dalle ditte; che poi la comunicazione l’abbia fatta la ditta non è assolutamente rilevante, ciò che conta è che l’autorità (Ministero Giudice o altri) la riconosca. la documentazione presentata presso la CE dalla PIP era in regola e i test iniziali andavano bene, i materiali sono stati cambiati da un certo momento in avanti (presumiblmente il 2001, le indagini lo stanno stabilendo) e non per tutti i lotti di prodotto. Il motivo per cui appare una differenza fra le due situazioni, entrambe di Sanità pubblica, è legato al fatto che la PIP è fallita, la DePuy no; quindi in un caso i soldi per risarcimenti e rimborsi ce li mette lo Stato, nell’altro (al momento) no, e non si parla nemmeno di risarcimento, ancora! ultima nota, giusto per una precisazione di ordine semantico e perchè mi pare che le mie parole siano state malamente interpretate: ho scritto “garantisce”, riferendomi alll’attività del ministero, non “fornisce”; la differenza fra i due termini dovrebbe esere palese… raccomanderei, quindi, attenzione, nella scelta delle parole, se si intende fornire un servizio di utilità e non confondere ulteriormente le idee alla gente. saluti.

    7 mag 2012, 14:56 Rispondi|Quota
  • #42Cinzia Iannaccio

    @ Saluzz:
    Mi spiace. Confermi ciò che ho detto. L’italiano è un conto, i termini giuridico-legali sono altri. I link che allego spiegano tutto. E’ inutile che citi cose già scritte nel link che ho messo e soprattutto negli articoli che ho scritto stai creando più confusione che altro.

    Confermo quanto ho scritto finora: con la dovuta documentazione chi ha anticipato spese x analisi ed altro che riguardano l’impianto di protesi difettose depuy può rivolgersi alla suddetta società per chiedere il rimborso delle spese sostenute al riguardo. Si vuole intentare una causa? Non l’ho promossa io questa ipotesi, ho solo risposto a chi chiedeva se possibile che avevo letto di un’associazione di consumatori che aveva tali intenzioni. Questo è un sito che si occupa di salute e non di giurisprudenza. Ciò non toglie che chiunque è libero di fare la scelta che vuole e se i pazienti vogliono intentare causa a qualcuno, liberi di farlo senza la certezza che la viceranno. Anzi, per come sono andati i fatti in questione per le protesi d’anca potrebbero non esserci neppure gli estremi, visto che tutto si è fatto secondo legge e senza un dolo volontario a differenza della PIP. Il ministero della salute si occupa di controllo e sicurezza circa i dispositivi medici e si attiene alla normativa europea, che merita di essere cambiata a quanto pare.

    Grazie ancora per l’attenzione.

    7 mag 2012, 16:11 Rispondi|Quota
  • #43Cinzia Iannaccio

    @ Saluzz:
    “Tagliamo la testa al toro”:
    Chiedo scusa se in questi commenti ho usato il termine “risarcimento” anziché rimborso, che può aver ingenerato confusione. Almeno in alcuni di voi. Mi riferivo solo alla possibilità (come descritto negli articoli e nei documenti allegati con link) di chiedere alla società Depuy il rimborso delle spese sostenute per controllare lo stato delle protesi d’anca incriminate. Il tutto sempre come accuratamente descritto previa presentazione di documentazione idonea. Questo rientra nello stato effettivo delle cose, al momento.

    7 mag 2012, 16:44 Rispondi|Quota
  • #44Saluzz

    @ Cinzia Iannaccio:
    sisi, meglio lasciar stare, che, quando un articolo può ingenerare confusione, probabilmente è colpa dell’italiano di chi legge, e non dell’imperizia di chi scrive…fortunatamente sono 15 anni che faccio il giornalista e in certe trappolette dialettiche non ci casco…più che tagliar bovini capoccioni a sproposito, in questo caso direi “diamo a cesare”, che mi pare molto più opportuno: mica il linguaggio forense è scritto in turcomanno…grazie della precisazione, in ogni caso. saluti.

    8 mag 2012, 10:15 Rispondi|Quota
  • #45Cinzia Iannaccio

    @ Saluzz:
    Sono più vecchia del mestiere di te allora, io da 15 mi occupo di salute, ma ho iniziato prima;=)))

    8 mag 2012, 10:21 Rispondi|Quota
  • #46Saluzz

    complimentoni, allora! 15 anni che ci si occupa di salute, e manco la diferenza fra rimborso e risarcimento…speriamo non abbiate mai dato informazioni sulla l. 210\92… ;-)

    8 mag 2012, 14:07 Rispondi|Quota
  • #47Cinzia Iannaccio

    Si Si, come dici tu;=))) Complimenti a te

    8 mag 2012, 14:36 Rispondi|Quota
  • #48Saluzz

    molte grazie dei complimenti, cara. e buon lavoro a voi, naturalmente :-)

    8 mag 2012, 15:03 Rispondi|Quota
  • #49paolo

    @saluzz: scusate l’intromissione la L.210/92 tratta di indennizzi che sono altra cosa, sia dei rimborsi che dei risarcimenti.
    Riguardo alle protesi occorre analizzare caso per caso ma ritengo che nella maggior parte dei casi sia possibile raggiungere un risarcimento.
    saluti
    paolo

    2 lug 2012, 19:01 Rispondi|Quota
    • #50Cinzia Iannaccio

      Grazie per l’intromissione, ogni opinione in più è ben accetta;=)

      4 lug 2012, 17:27 Rispondi|Quota
    • #51salva

      @Cinzia Iannaccio: Scusate se intervengo nella discussione,purtroppo mi ritengo parte in causa, il 23 maggio 2012 ho dovuto sostituire la protesi all’anca destra(ARS DE-PUY)impiantatami il 28dicembre del 2004.Nei primi due anni circa tutto sembrava andar bene poi gradualmente sono ricomparsi i dolori,dai controlli RX,RMN,TAK,visite ortopediche, effettuati nel corso di questi anni,si notava sotto la protesi a livello dell’acetabolo una regione ossea scura.In ultimo dopo aver ricevuto dalle ASL di competenza previo raccomandata inviatami il 13febbraio 2012 invitandomi ad effettuare nuovi RX ed esami del sangue,si è riscontrato che nonostante la protesi risultasse apposto,i valori di COBALTO e di CROMO sono abbondantemente al di sopra della norma,ed inoltre è stato evidenziato dalle radiografie,che quella regione ossea scura è aumentata di dimensione,perciò si è deciso con urgenza ad effettuare il nuovo intervento.Durante l’intervento si è riscontrato che quella zona ossea scura era un buco sotto l’ACETABOLO, quindi si è provveduto ad un INNESTO OSSEO e alla sostituzione della PROTESI. Sono stato ricoverato x51 giorni, ho ancora una fase riabilitativa abbastanza lunga prima di ritornare alla mia vita normale,durante il ricovero,da esami e visite specialistiche effettuate e emerso complicanze UROLOGICHE che sono attribuibili alle circostanze negative dei valori EMATICI che in questi anni il mio corpo ha dovuto sopportare,con le negatività che ne comporta.Ora io mi chiedo se ho il diritto ad un RISARCIMENTO x tutti i problemi che ho avuto e che tutt’ora ho,oltre che ad un RIMBORSO x le spese mediche da me sostenute e che dovrò purtroppo ancora sostenere. Chiedo se x cortesia potete indirizzarmi ad un ente competente in materie, grazie.

      14 lug 2012, 15:35 Rispondi|Quota
    • #52Cinzia Iannaccio

      @salva:
      Ciao, di sicuro, per non innervosire nessuno sui termini giuridici, posso dirti che la Depuy ti rimborsa le spese mediche sostenute nel caso: analisi e nuova operazione, ecc ma non credo che preveda anche il ricovero e le conseguenze annesse. In tal caso, suppongo che dovrai fare una causa legale. Se ci sono gli estremi te lo dirà il tuo avvocato. Probabilmente puoi provare a rivolgerti ad una associazione di consumatori, che credo si stiano già occupando di tutto ciò. Penso che dovrai anche sottoporti a visite medico-legali, ma non sono un avvocato, quindi non ne ho certezza. Prova a rivolgerti al dott. Bizzarri, l’ortopedico che ha denunciato il caso. C’è il numero tra i commenti (numero 3) e mi ha detto che potevo lasciarlo proprio per chi avesse necessità di info.

      16 lug 2012, 09:48 Rispondi|Quota
    • #53salva

      @Cinzia Iannaccio: Grazie,ieri ho provato sul sito della federconsumatori,mi hanno risposto che sono già attivi x questo caso e mi hanno richiesto tutta la documentazione inerente, ci aggiorniamo sull’evolversi del caso,ciao e grazie.

      18 lug 2012, 08:27 Rispondi|Quota
    • #54Cinzia Iannaccio

      @salva: Sono contenta. Appena hai qualche info in più ti prego di aggiornarci, in modo da aiutare qualcuno che si trova nella tua stessa situazione. Nel frattempo ti auguro una guarigione TOTALE quanto più rapida ed indolore possibile. ;=)

      18 lug 2012, 09:21 Rispondi|Quota
  • #55Greta

    Ciao Francesca!
    avrei bisogno di contattarti per chiederti aiuto per un servizio televisivo sulle protesi all’nca. per favore, scrivimi sulla mail un tuo contatto appena puoi che ti chiamo subito dalla redazione! Grazie mille!!!

    15 nov 2012, 17:38 Rispondi|Quota
  • #56M@rlyse

    In questi giorni ho letto e riletto tutte le pagine relative a questo problema di protesi difettose. Ecco per la mia storia… Io ho 2 protesi dell’anca, dovute a una coxartrosi bilaterale che si è fatta viva quando avevo 23 anni. La prima fu fatta nel 2008 (sinistra) e la seconda a giugno del 2009 (destra). Premetto che quando mi misero la seconda protesi, si sbagliarono e mi dovettero fare una bella anestesia totale per riaprire la ferita, levare la protesi , riposizionarla e chiudere; ero entrata in salla alle 7.30 e ne sono uscita alle 12.30.
    In seguito, alla fine del 2009, sono ritornata dal mio chirurgo per chiedergli come mai mi sentivo una gonfiore all’inguine… come se avessi qualcosa di grosso in tasca? Lui mi disse che non era altro che qualche aderenza. Era il mio chirurgo e quindi li detti tutta la mia fiducia. L’anno seguente, giugno del 2010, mi recai al pronto soccorso perché mi sentivo dei dolori a un rene e approfittando di trovarmi al PS, chiesi che mi venisse fatta un ecografia su quel gonfiore nel linguine che mi dava cosi tanto fastidio e un certo dolore. Entrai al PS alle 15.30 e ne uscii quasi alle 2.00 di notte. Mi hanno fatto un sacco di esami, tutti pensarono a un tumore… !
    Ritornai la mattina seguente e mi fecero un ecografia con ago aspirato. Quando ebbi i risultati negativi ero molto rassicurata ma la mia storia non si concludeva… a questo punto lasciai perdere cercando di supportare il piu’ possibile questo dolore.
    Abbiamo concluso che questo “ematoma” era dovuto al intervento della protesi e forse un giorno si sarebbe riassorbito.
    Qualche mese fa’ mi sono accorta che questo gonfiore mi si era indurito, come se ci fosse un piccolo nocciolino. Allora abbiamo intrapreso di ritornare a fare dei controlli. Mio marito, che lavora per la Asl di Lucca, mi ha poi preso un appuntamento da un Professore del ospedale di Pisa, dove ci siamo recati qualche settimana fa’. La prima cosa che mi ha chiesto il Prof. è stata : quale tipo di protesi mi avevano messo. Quando vide tutte le referenze della protesi (stelo, testa femorale, ecc.) mi disse subito che la protesi che avevo (metalo-metalo) rilascia nel sangue delle particelle di Cromo Cobalto che sono nocive per la salute. Mi ha detto di fare gli appositi esami per conoscere il tasso di questi metalli nel sangue e che poi ci saremo rivisti per decidere se sostituire la protesi.
    Inutile dire che i valori degli esami sono altissimi (circa 30 volte superiori al range) e quindi oggi, moralmente mi sento distrutta. Anche perché ho l’impressione che lo stesso gonfiore mi sta venendo anche all’anca sinistra.
    Come dicevo all’inizio del mio racconto, ho letto parecchie cose su Internet in questi giorni e mi sono resa conto della gravita di questa cosa. Mi sono informata da persone che hanno a che fare con la sanità e proprio oggi, da una fonte sicura, è uscita fuori una cosa che mi fa rabbrividire; sembra che usa che alcuni fabbricanti di protesi propongono a dei medici chirurghi un baratto ! “Dai prendimi 30 protesi e in cambio ti regalo una bella vacanza, tutto gratis, alle Maldive per te e la tua famiglia” !!!! Quanto potrà essere vera questa cosa ? Comunque non mi sembra una stupidaggine. Però avrei una domanda… Ormai sappiamo molte cose sulle protesi della DePuy, io vorrei sapere se tutte le protesi metallo-metallo hanno questo problema perché le mie protesi non sono di questo marchio però il risultato è lo stesso.
    Ho 46 anni e la mattina non riesco ad infilare un jeans o mettere un paia di scarpe se non sono seduta.
    Quando esco di macchina o che ci entro è un calvario, sono 3 anni che tutte le notti mi svegliano dei crampi alle gambe cosi dolorosi che devo stare in piedi e camminare per la casa per circa mezz’ora, in un anno la mia vista si è abbassata tantissimo… e se faccio le faccende di casa (con lentezza) dopo 3 ore sono sfinita, mi tocca dormire. A me, sembra che la muscolatura delle mie gambe se ne sta andando… e come se non riuscissi piu’ a dare loro un commando.
    Mercoledì prossimo (19.12.2012) ho appuntamento con il Prof. di Pisa per discutere del intervento in base ai risultati del Cr-Co. Speriamo in bene.
    Grazie a chi ha la pazienza di leggere il mio racconto.
    Marlyse

    14 dic 2012, 17:02 Rispondi|Quota
    • #57giusy

      @M@rlyse: ciao marlylise.. sono nella tua stessa identica situazione, ormai mi muovo a stento con 2 stampelle da 2 mesi,ed e’ da un anno che vado avanti con forti dolori, da 6 mesi insopportabili..nocciolino all’inguine ecc…le mie protesi sono della depuy asr..non mi hanno ancora fatto l’esame del cromo e cobalto, credo che i dottori che mi avevano gia’ operato stiano rallentando il tutto…ho 30 anni e una figlia di 9, sono distrutta, perso il lavoro la mia liberta’ la mia vita…riguardo alle protesi io ero a conoscenza solo della depuy asr, e asr xl..fino ad ora non ho mai sentito di altre …ti capisco perche’ ormai anche io non riesco a vestirmi e far niente, addirittura neanche alzarmi dal letto alcuni giorni…la mia protesi la sostituiranno, avevano detto in tempi brevi, invece ora all’ungano sempre i tempi e non so cosa fare,se cambiare ospedale o cosa?ti mando intanto tutta la mia solidarieta’ e non preoccuparti , tutto andra’ per il verso giusto..auguroni

      16 dic 2012, 07:35 Rispondi|Quota
    • #58Cinzia Iannaccio

      Non so risponderti circa le altre marche di protesi. Sul sito del ministero della salute comunque c’è una pagina dedicata a turtti i dispositivi medici su cui vi è un allarme. E si aggiorna quotidianamente. Lo stesso sul sito della FDA statunitense. Di sicuro, anche altre protesi possono essere risultate difettose. Magari con la stessa problematica, ma non ne ho certezza. Di certo lo saprà il prof di Pisa: queste segnalazioni vengono inviate ai medici e alle asl che io sappia. A noi è arrivata questa notizia, dai media, grazie a Striscia la Notizia e al dott. Bizzarri, ma chissà. I medici che mettono protesi in cambio di vacanze alle maldive? Mah. Sullo specifico,non saprei, ma non è la prima volta che arrestano qualcuno al riguardo. Di recente anche è accaduto. Purtroppo il mondo non è fatto di persone oneste e basta, anzi….Vedrai che ora che hai evidenziato il probema, tutto andrà bene.;=)

      16 dic 2012, 16:04 Rispondi|Quota
    • #59M@rlyse

      @giusy: @Cinzia Iannaccio: Buongiorno a tutti e grazie per la tua testimonianza Giusy ! Ho preso contatto con il Prof. Bizzari che mi ha confermato che una delle mie protesi è della Dupuy. Infatti la LIMA (marchio della mia protesi) è una sotto marca della ditta Americana. Non è stata una bellissima notizia… sono giu’ di morale. Il Prof. Bizzari è una grandissima persona… e per ora non posso che ringraziarlo molto ! Ora che siamo in contatto ha detto che devo mandargli i miei dati e poi mandera’ tutto al Ministero della salute… Per il resto andremo avanti, perché questa cosa non la lasciero passare à nessuno.

      Giusy fai tutto il possibile per farti cambiare quella protesi e fai al piu’ presto questi esami del sangue, credimi !!! Anch’io ho un bimbino di 6 anni e uno di 15, e per loro e per mio marito andro’ avanti!

      Bisogna cercare di creare un bel gruppo di persone con lo stesso problema perché l’unione fa’ la FORZA !

      Un abbraccio !!!

      M@arlyse

      17 dic 2012, 10:37 Rispondi|Quota
    • #60giusy

      @M@rlyse: grazie…immagino come ti sei sentita alla notizia che fa parte di una depuy anche la tua protesi..e adesso sperare di non aver subito ulteriori danni…interverranno subito dopo le feste ha detta del primario, l’esame dei ioni e cobalto sara’ nei prossimi giorni..cosi han detto, ma ancora non c’e’ data…sicuramente andro’ avanti sono gia’ in contatto con 2 avvocati…come sto moralmente e’ meglio lasciar perdere,,…cerco di sorridere davanti alla bimba e per fortuna ho un’amica vicino e anche la gente,(vicini , ex colleghe, ecc) cercano di fare quel che possono…l’unica paura e’ che ho 2 protesi tutte e 2 della depuy asr..ho paura di dover rifare anche l’altra …comunque sia cerco di essere positiva…andra’ tutto bene a tutti…oggi con molta sofferenza e 2 stampelle sono andata ad una festa della scuola di mia figlia, vedendo quei bambini felici, e pensando a quelle mamme in america che han perso i loro di figli, mi sono sentita felice e fortunata..ti auguro una serena giornata a te e i tuoi bambini..se puoi e ti va fammi sapere la visita del 19 come andata…grazie mille

      17 dic 2012, 13:33 Rispondi|Quota
    • #61M@rlyse

      @giusy: Giusy, grazie di che ? Figurati ! Spero che rimarremo in contatto! Anche per me l’intervento è previsto a gennaio, subito dopo le feste; comunque mercoledi mi farà sapere le cose il Prof. di Pisa. Ma dimi un po’ te di dove sei ? Io sto a Lucca (Toscana), senti ti lascio la mia mail magari ci scriviamo per tirarci un po’ su il morale e tenerci informate su cio’ che ci capita. (se non sono tropo invadente) :-) arteincolori@gmail.com
      Un abbracio ! ;-)

      17 dic 2012, 15:31 Rispondi|Quota
    • #62giusy

      @M@rlyse: certo…io sono di agrigento ma son 10 anni che vivo a udine…grazie per la mail…il 19 o gli accertamenti da fare per l’intervento, qualcosa si muove…la ionemia ancora non so ma prima dell’intervento…un abbraccio

      17 dic 2012, 17:04 Rispondi|Quota
    • #63Rosario Muto

      Cara, a te come a tutti gli altri, vi stanno prendendo per il culo……….
      Il problema non è solo della de puy, il problema è che i materiali stessi utilizzati come il cromo cobalto o il titanio o le teste femorali in ceramiche, sono materiali tossici e radioattivi,
      in tutti i modi rilasciano elementi metallici e causano tutta una serie di patologie, finanche tumori.
      Alla sanità come anche ai medci, la salute pubblica non interessa……..
      Sono un C.T.U. del Tribunale, sono riconosciuto dal Ministero di Grazia e Giustizia.
      Visitate il sito http://www.ttsvgel.it

      4 feb 2013, 18:21 Rispondi|Quota
    • #64M@rlyse

      Grazie Rosario. Questo l’avevo capito xche io ho 2 protesi diverse una da l’altra e nn sono della DePuy.

      5 feb 2013, 13:57 Rispondi|Quota
    • #65giusy

      @Rosario Muto: salve rosario..questo significa che chi ha delle protesi e’ condannato a fare una vita di dolori ed interventi?io ho fatto una sostituzione un mese fa, ho 2 protesi depuy asr, una adesso mi han causato dolori tremendi fino a costringermi a letto, da un mese che ho levato la prima i dolori son passati, all’apertura han trovato femore fratturato, liquido sinoviale e diffusa metallosi..tra 2 mesi torno a far l’altra perche da sostituire …significa che dovro’ stare sempre male?sono giovane con una figlia, perso lavoro , perso la mia vita, sto iniziando per avviare una causa che spero qualcuno riesca a risarcire tutto nel modo adeguato…saluti

      9 feb 2013, 08:57 Rispondi|Quota
    • #66Cinzia Iannaccio

      No giusi. Togli le protesi al cobalto e tutto dovrebbe andare ok. In bocca al lupo.

      17 feb 2013, 18:53 Rispondi|Quota
    • #67Rosario Muto

      Non capisco il perché, esiste una soluzione per rendere bioinerti i dispositivi protesici e si continua a fare sempre i soliti discorsi.
      Ma tutti quelli che hanno bisogno di protesi che fanno, o si beccano sofferenze, o tumori o la morte?
      Ma cosa volete fare?
      Guardate che dei problemi esposti, la sanità lo sa e fa finta di niente, è corrotta al massimo.

      17 feb 2013, 19:50 Rispondi|Quota
    • #68giusy

      buongiorno cinzia..si certo e’ quello che faro’ la prima e’ andata, tra un 2 mesi tocca all’altra, anche se nella sinistra non ho dolori ma il livello degli esami e’ altissimo…questo un poco mi preoccupa ma ormai che si e’ in acqua non si puo’ fare altro che nuotare…ammetto di essere molto giu’,non riesco a stare in mezzo alla gente, sono infastidita ma e’ tutto nella norma…insomma aver bisogno degli altri per vestirti ecc ti porta ad essere un po’ depresso, ma man mano che si inizia a star bene si recupera..poi c’e’ da dire che quando tornero’ a star bene mi ritrovero’ senza lavoro, mi hanno detto di aiuti che da il comune, faro’ anche quelli…se fossi sola non mi interesserebbe ma come sai ho una bambina, ed e’ proprio lei che mi assiste in questo periodo, cerco di non farle pesare niente, cercando di dirle che alla mamma mettono le gambe nuove e di ferro cosi potro’ tornare ad andare in bici e correre piu’ veloce e fare le gare con lei…allora cosi e’ contenta…quando ero in ospedale lei e i suoi compagni mi hanno scritto una letterina di auguri..mi ritengo fortunatissima, ho una bambina spendida in salute e con quello che c’ e’ in giro ringrazio dio per non avere malattie inrecuperabili..scusa se ho scritto tanto …oggi ne avevo bisogno..grazie

      19 feb 2013, 07:06 Rispondi|Quota
    • #69Cinzia Iannaccio

      @giusy:
      Figurati…scusa tu se ti rispond solo ora. Un abbraccio;=)

      13 mar 2013, 12:35 Rispondi|Quota
  • #70M@Rlyse

    Grazie Rosario, questo lo so’, ho capito benissimo. Io ho due protesi diverse l’una da l’altra di marche Samo e Lima. E quindi ora

    5 feb 2013, 14:31 Rispondi|Quota
    • #71Rosario Muto

      Cari Sig. intanto vi invito ad attivare una seri di denunce, una a chi ha eseguito l’intervento e l’inserimento della protesi perché coscienti della situazione, effetti collaterali, la seconda denuncia deve essere fatta alla sanità che permette questo tipo di materiale etc.
      Vi invito a rimuovere queste protesi in cromo cobalto o titanio perché vi renderà la vita sempre più difficile.
      Successivamente vi invito a fare una detossificazione da metalli pesanti rilasciati nell’organismo.
      Ancora successivamente, richiedere la protesizzazione con una lega nobile palladio argento resa bioinerte attraverso il protocollo TTSVGEL.
      Questo vi migliorerà la vita al 100%.
      http://www.ttsvgel.it
      Cordialmente Rosario Muto

      11 feb 2013, 07:30 Rispondi|Quota
    • #72maria teresa

      @Rosario Muto:
      la mia era una Biomet..stessa storia: sto procedendo con denunce e richiesta risarcimento danni; come si fa la disintossicazione da metalli pesanti? Mi hanno detto che tutto si risolveva con la rimozione ..; hai idea di come si quantifica il danno da intossicazione? vengono definiti dei punti di invalidità anche per questo? ; grazie

      20 feb 2013, 02:23 Rispondi|Quota
    • #73Rosario Muto

      Ciao Maria Teresa,
      no, non basta rimuovere la protesi per disintossicarsi, assolutamente no!
      Per prima cosa devi effettuare un test detto mineralogramma, è un test d’analisi biologiche attraverso i capelli, lo si fa in una farmacia omeopatica, viene fatto in america.
      Da questo successivamente con i risultati molto significativi si passa alle analisi del sangue e mirate dei metalli pesanti nelle urine.
      Tutti bisognerebbe denunciare la situazione presso una caserma dei carabinieri, in modo tale che la denuncia di ufficio passi in procura della Repubblica passi al magistrato per le dovute indagini, questa è la normale e funzionale prassi, ed è di diritto di ogni cittadino ed è gratuita.
      Poi se si vuole successivamente, avendo dei risultati, si da l’incarico ad un avvocato.
      Diversamente è una perdita di tempo e denaro.
      C.T.U. Rosario Muto

      20 feb 2013, 07:49 Rispondi|Quota
    • #74Maria Teresa

      @Rosario Muto: grazie per la risposta; gli esami del sangue particolareggiati li ho già fatti a tossicologia di Padova compreso il nichel urinario ; i valori si sono molto abbassati ma non normalizzati , per questo ti chiedevo come si cura la permanenza dei metalli anche se indose minore ; l’esame del capello lo farò e poi? Si sto procedendo anche con la consegna dei dati alla Procura ; non ho trovato la casistica di quantificazione del danno biologico da intossicazione (almeno un anno da rilascio di metalli); quanto alla mia pratica personale è già a buon punto e l’assicurazione della Casa di cura ora farà una controperizia; in sintesi ; come si possono smaltire questi residui metallici rimasti e come si può quantificare il danno? Grazie

      21 feb 2013, 00:20 Rispondi|Quota
    • #75Rosario Muto

      Cara Maria Teresa, sono un C.T.U. Consulente Esperto, gli esami vanno fatti in ordine di conseguenza, il primo è il mineralogramma, poi a secondo dei risultati, gli esami delle urine, e poi quelli del sangue…………….bisogna fare delle valutazioni ben precise.
      Per quanto concerne la detossificazione, ci sono due metodi, uno chimico e l’altro naturale che dura molto a lungo e prevede una alimentazione particolare personale.
      Per la valutazione dei danni, i calcoli vanno considerati da un legale esperto in materia e sono abbastanza personali.

      21 feb 2013, 07:20 Rispondi|Quota
    • #76giusy

      @Maria Teresa: ciao maria teresa, per quanto ne so io dovresti avere un medico legale per quantificare i danni subiti, e un avvocato ovviamente…anche la depuy ha un loro medico legale, quindi meglio esser preparati.. questo ti dico per la mia poca conoscenza..prova a parlare con il tuo avvocato e il medico legale appunto…buon serata

      21 feb 2013, 17:39 Rispondi|Quota
    • #77Rosario Muto

      Scusa eh, per quale motivo vuoi confondere le persone……?
      Sono un C.T.U., con la legge ci lavoro, come anche nel settore sanitario, cosa vuoi fare?

      21 feb 2013, 17:59 Rispondi|Quota
  • #78M@rlyse

    @ Giusy
    Ciao cara! Sono arrivata a casa da un paio d’ore. Sono stata Pisa x il primo intervento alla gamba destra. Il professore che mi ha operata è stato davvero in gamba. L’intervento è durato due ore poco più mi sembra che vada tutto bene. Mi ha operato giovedì io oggi martedì 12/2/2013 sono già a casa. Anch’io ho iniziato una causa con un avvocato di roma, che il professor bizzarri mi ha gentilmente raccomandato. Tra una ventina di giorni dovrò ripetere le analisi del sangue per il cromo cobalto. La sacca di sangue che avevo al linguine è stata asportata ma comunque mi sono rimasti un po di residui perchè troppo vicina all’arteria femorale. Giusy ti posso assicurare che spesso ti ho pensato purtroppo all ospedale non avendo il computer non mi era tanto xfacile comunicare facile connettermi con solo il telefono. Ti avevo la mia e-mail se mi lasci la tua cosi ci possiamo scambiare due parole. O magari su facebook. Spero di cuore che tu ti rimeta il prima possibile cara. Un abbracio caloroso e fami sapere come stai. Ciao :-)

    12 feb 2013, 18:13 Rispondi|Quota
  • #79M@Rlyse

    @ Giusy
    Ciao cara! Sono arrivata a casa da un paio d’ore. Sono stata Pisa x il primo intervento alla gamba destra. Il professore che mi ha operata è stato davvero in gamba. L’intervento è durato due ore poco più mi sembra che vada tutto bene. Mi ha operato giovedì io oggi martedì 12/2/2013 sono già a casa. Anch’io ho iniziato una causa con un avvocato di roma, che il professor bizzarri mi ha gentilmente raccomandato. Tra una ventina di giorni dovrò ripetere le analisi del sangue per il cromo cobalto. La sacca di sangue che avevo al linguine è stabta asportata ma comunque mi sono rimasti un po di residui perchè troppo vicina all’arteria femorale. Giusy ti posso assicurare che spesso ti ho pensato purtroppo all ospedale non avendo il computer non mi era tanto xfacile comunicare facile connettermi con solo il telefono. Ti avevo la mia e-mail se mi lasci la tua cosi ci possiamo scambiare due parole. O magari su facebook. Spero di cuore che tu ti rimeta il prima possibile cara. Un abbracio caloroso e fami sapere come stai. Ciao :-)

    12 feb 2013, 18:23 Rispondi|Quota
  • #80M@Rlyse

    @ Giusy
    Ciao cara! Sono arrivata a casa da un paio d’ore. Sono stata Pisa x il primo intervento alla gamba destra. Il professore che mi ha operata è stato davvero in gamba. L’intervento è durato due ore poco più mi sembra che vada tutto bene. Mi ha operato giovedì io oggi martedì 12 sono già a casa. Anch’io ho iniziato una causa con un avvocato di roma, che il professobizzarri mi ha gentilmente raccomandato. Tra una ventina di giorni dovrò ripetere le analisi del sangue per il cromo cobalto. La sacca di sangue che avevo al linguine è stabta asportata ma comunque mi sono rimasti un po di residui perchè troppo vicina all’arteria femorale. Giusy ti posso assicurare che spesso ti ho pensato purtroppo all ospedale non avendo il computer non mi era tanto xfacile comunicare facile connettermi con solo il telefono. Ti avevo la mia e-mail se mi lasci la tua cosi ci possiamo scambiare due parole. O magari su facebook. Spero di cuore che tu ti rimeta il prima possibile cara. Un abbracio caloroso e fami sapere come stai. Ciao :-)

    12 feb 2013, 18:24 Rispondi|Quota
    • #81giusy

      @M@Rlyse: ciao cara, sono contenta che hai fatto il primo intervento..io sono in via di guarigione con la gamba tra 2 mesi devo tornare a fare l’altra…,adesso faccio fisioterapia, insomma, non sono al massimo sono un po depressa ma spero di poter recuperare…la mia mail e’ giusyvassallo@hotmail.it..altrimenti su facebook che uso di piu’ ho semplicemente giusy vassallo..fai un buon recupero e spero che si possa tornare in salute prima possibile..un bacio

      13 feb 2013, 07:43 Rispondi|Quota