Cancro alle ovaie: metformina aumenta la sopravvivenza?

di Valentina Cervelli Commenta

cancro ovaie metformina aumenta sopravvivenza

La metformina, un noto farmaco anti diabetico  avrebbe dimostrato di poter essere utile nella lotta contro il cancro alle ovaie. Lo rivela uno studio statunitense, partendo dall’osservazione di come le donne affette da questa patologia sopravvivessero più a lungo contestualmente all’assunzione del medicinale.

La ricerca, condotta dagli scienziati della Mayo Clinic di Rochester è stata pubblicata sulla rivista di settore Cancer. Sebbene anche altri fattori all’interno del quadro generale hanno mostrato di avere un certo peso come la gravità del cancro e l’indice di massa corporea, la metformina ha mostrato di avere una certa efficacia nell’aiutare le donne a sopravvivere. Si parla di uno studio basato su un numero non altissimo di volontarie e quindi non considerabile definitivo. Ciò non toglie che tale osservazione possa aprire per il futuro una nuova strada terapeutica. La metformina, è un principio attivo derivato dal lilla francese, in grado di aiutare i pazienti affetti da diabete a tenere sotto controllo la glicemia.

In questo caso, lo studio condotto da Viji Shridhar ha preso in considerazione 239 donne affette da tumore ovarico. Va ricordato che per le donne si tratta di uno dei tumori più letali per le donne a causa spesso di una diagnosi tardiva. Spesso le pazienti colpite non superano i cinque anni di sopravvivenza. Del grippo posto sotto analisi, 61 assumevano dosi giornaliere di metformina , mentre 178 non facevano uso del medicinale. Il 67% delle donne che aveva assunto la metformina è sopravvissuta oltre i cinque anni dalla diagnosi di cancro alle ovaie, contro il 47% del secondo gruppo. Secondo il dott. Shridhar, sebbene si rendano necessari ulteriori indagini, non dovrebbe essere esclusa la possibilità di inserire la metformina all’interno dei trattamenti di routine contro il cancro ovarico.

Intanto, nuovi studi sono in corso per comprendere se questo medicinale possa essere in grado di ridurre anche la probabilità di sviluppo di cancro al seno.

Fonte | Cancer

Photo Credit | Thinkstock