Stress: sarà possibile misurarlo con il respiro?

 
Valentina Cervelli
1 marzo 2013
Commenta

stress misurarlo respiro

Un respiro e lo stress sarà misurato. Magari non sarà così facile, ma è quello che stanno tentando di creare i ricercatori dell’Imperial College di Londra attraverso la messa a punto di un test del respiro non invasivo. Il tutto è stato possibile grazie alla scoperta di sei distinti biomarcatori all’interno dell’alito umano.

Lo studio, coordinato dal professor Paul Thomas, è stato pubblicato sulla rivista di settore Journal of Breath Research. Gli scienziati si sono avvalsi della collaborazione di un grippo di giovani volontari appartenenti ad entrambi i sessi sottoposti a specifiche fasi di sperimentazioni. Nel corso della prima, il campione è stato invitato a sedersi comodamente per ascoltare della musica non stressante, mentre nella seconda parte dello stesso, ai volontari è stato chiesto di eseguire un difficile compito matematico: inutile dirvi che è stata questa la parte dello studio volta a creare stress nei partecipanti. Prima di ogni fase e subito dopo, i volontari sono stati sottoposti a dei test sul proprio respiro, al monitoraggio del cuore e della pressione sanguigna.

Il respiro è stato poi testato attraverso una gas cromatografia-spettrometria di massa (GC-MS) e poi analizzato statisticamente e confrontato con i composti già conosciuti e correlati a manifestazioni fisiche. Commenta il dott. Thomas:

Se siamo in grado di misurare lo stress oggettivamente in modo non invasivo ne possono beneficiare nel lungo termine tutti i pazienti e le persone sensibili che hanno difficoltà a rivelare le risposte allo stress ai loro accompagnatori, come per esempio coloro che soffrono di Alzheimer. E’ possibile che i marker dello stress nel respiro possano mascherare o confondere altri composti chiave che vengono utilizzati per diagnosticare una certa malattia o condizione, per cui è importante che questi siano registrati.

In particolare sarebbero due composti ad essere spia di stress certo: il 2-metil pentadecano e l’indolo. Se i risultati ottenuti in questo studio verranno confermati, un test attendibile potrebbe venire presto creato definitivamente. Un simile approccio è già in utilizzo per malattie come l’asma, la tubercolosi ed altre patologie polmonari.

Fonte | JBR

Photo Credi | Thinkstock

Articoli Correlati
YARPP
Disturbo da stress post-traumatico: possibile prevederlo?

Disturbo da stress post-traumatico: possibile prevederlo?

Prevedere se  una persona è a rischio di disturbo da stress post-traumatico? Potrebbe essere possibile localizzando delle aree del cervello particolarmente sensibili agli effetti dello stress. E’ questo ciò che […]

Respiro, un lettino per monitorare quello dei pazienti

Respiro, un lettino per monitorare quello dei pazienti

Quando un paziente sostiene un intervento chirurgico, uno dei maggiori “crucci” dei medici è quello di verificare che il paziente sia uscito perfettamente dall’anestesia.  I ricercatori dell’Università americana dello Utah […]

Morbo di Alzheimer: sarà possibile diagnosticarlo con un’analisi del sangue?

Morbo di Alzheimer: sarà possibile diagnosticarlo con un’analisi del sangue?

Scoprire il morbo di Alzheimer con una semplice analisi del sangue. Quando annunciammo su queste pagine tale possibilità già 2 anni fa sembrava fantascienza, ed invece oggi arriva la notizia […]

Tumori: per diagnosticarli basterà un respiro

Tumori: per diagnosticarli basterà un respiro

Basta con esami invasivi, siringhe e tanti altri strumenti diagnostici fastidiosi; a breve per scoprire tantissime malattie, tra cui anche i tumori, basterà respirare. E’ quanto gli scienziati della Purdue […]

Superare la disabilità con la forza del pensiero? Forse sarà possibile su Second Life

Superare la disabilità con la forza del pensiero? Forse sarà possibile su Second Life

Tra non molto sarà possibile gestire il proprio alter ego digitale usando la sola forza del pensiero. Questo grazie ad un complesso sistema ad onde cerebrali messo a punto dai […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento