Cervello degli anziani più attivo con i social network

 
Valentina Cervelli
23 febbraio 2013
Commenta

cervello anziani attivo social network

Il cervello degli anziani è più attivo in coloro che si iscrivono ai social network. Passare un po’ di tempo su Facebook, secondo uno studio condotto dall’Università dell’Arizona, potrebbe rivelarsi utile e benefico per l’attività cerebrale degli over 65.

È la frequentazione e l’usufrutto della rete basata sulle relazioni sociali a coadiuvare la tenuta in salute del cervello. Gli scienziati americani si sono resi conto che gli anziani che frequentano il social network riescono a tenere lontani lo spettro della demenza senile con più facilità. Per verificare la loro tesi i ricercatori hanno preso un campione di 14 persone di età compresa tra i 68 ed i 91 anni e lo ha sottoposto ad una serie di test cognitivi per testarne lo stato delle facoltà mentali dopo averli divisi in due gruppi distinti. Tutti sono stati scelti tra coloro che non avevano mai utilizzato Facebook o che lo utilizzavano meno di una volta al mese.

Un primo gruppo è stato impiegato direttamente sul social di Mark Zuckerberg. Chi non possedeva un proprio profilo è stato invitato a crearlo, ed a tutti sono state date “lezioni” su come gestire il proprio profilo e aggiungere i compagni di “studio” come amici.  Ad ognuno è stato poi chiesto di pubblicare qualcosa almeno una volta al giorno. Agli altri volontari, chiamati a funzionare come un gruppo di controllo, sono stati spinti ad iscriversi ed a gestire un account su  Penzu.com, un diario privato online. Tutti i partecipanti, prima dello studio, sono stati sottoposti a dei test riguardanti la funzionalità cognitiva, le interazioni sociali ed i livelli di solitudine. Gli stessi esami sono stati condotti poi a fine ricerca, dopo otto settimane.

Gli anziani che hanno utilizzato Facebook mostravano capacità migliorate sull’azione, sul ragionamento e sulla memoria in una percentuale pari al 25%, rispetto a quelli del gruppo di controllo, i quali non hanno mostrato alcun cambiamento sensibile.

Photo Credit | Thinkstock

Articoli Correlati
YARPP
Gelosia, donne e social network mix letale

Gelosia, donne e social network mix letale

Si dice sempre che la gelosia sia “femmina”.  Non ci crederete mai ma su questo tema sono d’accordo anche i ricercatori dell’università dell’Alabama, che hanno voluto verificare tale assunto mettendolo […]

EcancerHub, il Social Network sulla ricerca e le cure dei tumori

EcancerHub, il Social Network sulla ricerca e le cure dei tumori

EcancerHub è una piattaforma multimediale a respiro internazionale, che, facendo leva sul potere divulgativo dei Social Network, si propone di essere un luogo conoscenza, ma anche di incontro e di […]

Salute e social network, ai medici sconsigliato accettare amicizia dei pazienti

Salute e social network, ai medici sconsigliato accettare amicizia dei pazienti

Il rapporto della salute con la rete, o meglio del vivere la rete in salute, è oggetto di studio negli ultimi anni, anni del boom dei social network e della […]

Cefalea: si cura con un social network

Cefalea: si cura con un social network

Cefalea o mal di testa, due termini per indicare un disturbo spesso invalidante che arriva a coinvolgere almeno 8 italiani su 10. Le cause che scatenano la cefalea (o anche […]

L’insonnia del nuovo secolo è colpa dei social network

L’insonnia del nuovo secolo è colpa dei social network

Gli italiani dormono sempre di meno. Stress? Troppo lavoro? Troppi impegni? Forse, ma il motivo più recente sembrano i social network. Uno studio effettuato dai ricercatori dell’Ospedale Le Molinette di […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento