leonardo.it

Puntura di vespa

Puntura di vespa

La puntura di vespa non è come una normale puntura di altri animali, in quanto la vespa lascia cadere il pungiglione nella ferita e rilascia un veleno che può portare a spiacevoli conseguenze.

SINTOMI: La maggior parte delle persone colpite da una vespa avranno solo un gonfiore, prurito e dolore nel punto in cui c’è stata la puntura. Chi è allergico alle vespe, tuttavia, può anche avere i seguenti sintomi:

  • Difficoltà di respirazione;
  • Senso di compressione;
  • Grave diminuzione della pressione sanguigna;
  • Gonfiore del viso e delle labbra;
  • Gonfiore della gola.

TERAPIA: Se siete allergici alle api, vespe, o insetti con pungiglione, è importante avere sempre con sè un kit per la puntura delle api (che richiede una prescrizione medica) e che si acquisisca familiarità con il modo di utilizzarlo. Se punti, raschiare con un oggetto appuntito sulla superficie per rimuovere il pungiglione. Non utilizzare pinze, dato che queste possono spremere il veleno e aumentare la quantità di veleno liberato.

Appoggiare del ghiaccio (avvolto in un panno) sul sito della puntura per 10 minuti e poi toglierlo per altri 10 minuti. Ripetere questo processo. Se il paziente ha problemi di flusso di sangue, il ghiaccio va applicato per un breve lasso di tempo. (In tali persone, il ghiaccio può causare danni alla pelle). Dopo la puntura, chiamare il pronto soccorso per farsi spiegare come agire se la persona ha una reazione allergica (grave gonfiore o difficoltà di respirazione).

Durante la chiamata di emergenza, fornire le seguenti informazioni:

  • L’età del paziente, il peso, e la condizione;
  • Il tipo di insetto che lo ha punto;
  • Se si vede il pungiglione;
  • Se è possibile localizzarlo.

DIAGNOSI: Se un ricovero è necessario, il medico misurerà e monitorerà i segni vitali del paziente, come la temperatura, il polso, il tasso di respirazione, e la pressione sanguigna. I sintomi saranno trattati secondo il caso. Il paziente può ricevere anche il sostegno di un respiratore, se necessario.

PROGNOSI: Se si verifica una reazione allergica, la morte può verificarsi entro un’ora. Più velocemente un paziente riceve cure mediche, migliori saranno le possibilità di recupero. I sintomi in coloro che non hanno allergie possono andarsene completamente entro una settimana.

Fonte: [http://health.nytimes.com/health/]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.