Raucedine

Raucedine

Raucedine significa avere difficoltà a produrre suoni quando si cerca di parlare, di cambiare tono o qualità della voce. La voce può sembrare debole, molto sussurrata, raschiata, o roca. La raucedine di solito è causata da un problema nelle corde vocali. La maggior parte dei casi di raucedine sono associati all’infiammazione della laringe (laringite). Il problema rimane per settimane o mesi.

CAUSE: La raucedine può essere causata da una varietà di problemi. Alcuni sono cause minori, mentre altri sono più gravi. La maggior parte di essi riguardano:

  • Allergie;
  • Tosse;
  • Abuso di alcool o tabacco;
  • Abuso della voce (come nel gridare o cantare);
  • Reflusso gastroesofageo;
  • Inalazione di sostanze irritanti;
  • Laringite;
  • Eccessivo o prolungato pianto (nei bambini);
  • Malattia virale;
  • Aneurismi dell’aorta;
  • Broncoscopia;
  • Cancro alle corde vocali (cancro della laringe);
  • Presenza di corpi estranei nell’esofago o nella trachea;
  • Mononucleosi infettiva;
  • Assunzione di una grossa quantità di chimici liquidi;
  • Debolezza causata da altre malattie;
  • Raffreddore;
  • Pubertà;
  • Cancro alla tiroide o ai polmoni;
  • Tonsillite;
  • Noduli o paralisi alle corde vocali.

DIAGNOSI: I test che possono essere effettuati includono:

  • Esami del sangue;
  • Laringoscopia;
  • Cultura della gola;
  • Esame della gola con un piccolo specchio;
  • Raggi-X del collo o TAC.

TERAPIA: La raucedine può essere a breve termine (acuta) o a lungo termine (cronica), ma viene curata nella stessa maniera nella maggior parte dei casi. Riposo e relax sono gli unici modi per curare raucedine che non è associata ad altri sintomi. Piangere, gridare e l’eccessivo parlare o cantare rendono il problema peggiore. Siate pazienti, il processo di guarigione può richiedere diversi giorni. Non parlare a meno che non sia assolutamente necessario, evitare di sussurrare, c’è il rischio di rovinare definitivamente le corde vocali perdendo definitivamente la possibilità di parlare. I gargarismi non aiutano le corde vocali. Evitare decongestionanti perché asciugano le corde vocali e prolungano l’irritazione. Se fumate, ridurre o smettere di fumare. Umidificare l’aria con un vaporizzatore e bere liquidi, in modo da avere sollievo. Curare condizioni quali:

  • Alcolismo;
  • Allergie;
  • Bronchite;
  • Laringite.

Per curare la raucedine esistono anche tisane o caramelle di Corynfin C, che hanno un’azione balsamica ed emolliente. Rimedi naturali sono il miele e l’eucalipto, ma anche prodotti natuali a base di liquirizia, finocchio, timo, echinacea, ribes nero e malva. Difficilmente si opera chirurgicamente. Si può arrivare alla chirurgia solo nei casi più gravi, come i tumori.

PREVENZIONE: Evitare di sforzare le corde vocali, per i cantanti esistono degli esercizi per riscaldare la voce, mentre chi non li conosce deve stare attento a non raschiare troppo la gola. Evitare di gridare o parlare troppo ad alta voce. Contattare un medico se:

  • Si hanno difficoltà a respirare o deglutire;
  • La raucedine è accompagnata da sbavature, soprattutto in un bambino piccolo;
  • Un bambino di meno di 3 mesi di età ha la voce rauca;
  • La raucedine è durata per più di 1 settimana in un bambino, o 2 settimane in un adulto.

Se si hanno gravi difficoltà a respirare, la priorità è quella di ripristinare la normale respirazione. Questo può richiedere l’inserimento di un tubo in gola per la respirazione. Una volta che la condizione è stabile, il medico esaminerà la bocca e la gola. Verranno poi poste domande sui sintomi per individuare su quale causa agire.

Fonti: [Cummings CW, PW Flint, Haughey BH, et al. Otorinolaringoiatria: Head & Neck Surgery. 4a ed. St Louis, Mo; Mosby, 2005; Rakel P, ed. Conn 's Corrente Terapia 2007. 59a ed. Philadelphia, PA: WB Saunders, 2007; http://health.nytimes.com/health/; http://www.xapedia.it/]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.