leonardo.it

Anemia da carenza di ferro e alimentazione

 
Paola
19 marzo 2010
Commenta

anemiaLa carenza di ferro è la causa più comune dell’insorgenza di anemia.
Fattori diffusi che contribuiscono a determinare un’insufficienza di ferro sono la perdita di sangue, di solito a causa di mestruazioni troppo abbondanti, o a causa di sanguinamento da o verso l’intestino provocato da un’ulcera peptica, gastrite, emorroidi o, nei bambini, infestazioni parassitarie.
L’aumento improvviso della domanda di ferro, come nel caso della crescita del feto in gravidanza o ancora nei bambini sottoposti a rapida crescita durante l’infanzia e l’adolescenza, può anche causare anemia da carenza di ferro.
I sintomi dell’anemia provocata dalla carenza di ferro includono:

  • Stanchezza.
  • Debolezza.
  • Difficoltà respiratorie e talvolta battito cardiaco accelerato.

L’adozione di nuove abitudini sane può porre rimedio all’anemia:

  1. Per prima cosa occorre identificare la causa dell’anemia da carenza di ferro e, ove possibile, porvi rimedio.
  2. Trattare la carenza di ferro, mangiando alimenti ricchi di ferro e, sotto consiglio e controllo medico, assumendo integratori.
  3. Fare attenzione a seguire una dieta il più possibile bilanciata: mangiare più alimenti ricchi di ferro. Le fonti migliori di ferro facilmente assorbibili dal corpo umano sono nei piatti a base di carne, nel pesce, nelle uova (soprattutto nel tuorlo), nei formaggi e nei cereali per la colazione arricchiti con ferro.
  4. La vitamina C migliora l’assorbimento del ferro. Un bicchiere di succo d’arancia fresco è indicato nella prima colazione.
  5. È inoltre necessario il giusto apporto di acido folico che contribuisce a prevenire l’anemia. L’acido folico si trova soprattutto nei vegetali a foglia verde.

Gli integratori in compresse hanno effetti collaterali come gonfiore e mal di stomaco. Prima di passare ad una dieta vegetariana, consultate il medico o il dietologo. Evitare i cocktail di vitamine, dato che generalmente non contengono ferro e sono abbastanza costosi. Alcuni farmaci che riducono la produzione di acido dallo stomaco come la cimetidina possono inibire l’assorbimento del ferro. Tenere sempre bene a mente che non ci sono soluzioni rapide. È necessario continuare la terapia per quattro-sei mesi per correggere l’anemia.

[Fonte: Health24.com]

Articoli Correlati
YARPP
Carenza di ferro: frutta e verdura da mangiare

Carenza di ferro: frutta e verdura da mangiare

Il ferro è un minerale importante per la salute del nostro organismo. Questo microelemento, infatti, svolge un ruolo di primo piano in molte funzioni biologiche: è vitale per l’ossigenazione del […]

Dieta per l’anemia e cibi ricchi di ferro

Dieta per l’anemia e cibi ricchi di ferro

Quando si parla di anemia, una condizione caratterizzata dalla diminuzione dei globuli rossi, ma soprattutto del contenuto di emoglobina,   è inevitabile pensare al ferro. Sebbene, infatti, esistano diversi tipi di […]

Anemia da carenza di folati

Anemia da carenza di folati

Anemia da carenza di folati L’anemia da carenza di folati è una diminuzione dei globuli rossi (anemia) a causa della mancanza di acido folico. L’anemia è una condizione in cui […]

Ferro, limitarne la carenza nei giovani

Ferro, limitarne la carenza nei giovani

Il ferro è uno degli elementi naturali dei quali il corpo umano non può fare a meno. Una sua carenza, tra l’altro, può portare ad anemie ed altre malattie ematiche. […]

Latte al ferro: potente per curare l’anemia

Latte al ferro: potente per curare l’anemia

Non è mai stato al top dei cibi consigliati contro l’anemia, ma a rivalutarlo ci ha pensato una recente ricerca condotta da un team dell’Università di Otago (Nuova Zelanda) guidato […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento