Malattie sessuali, è allarme in Italia

di Valentina Cervelli 1

E’ boom di malattie sessuali in Europa e l’Italia lancia l’allarme: anche nel nostro paese il contagio è molto alto. Secondo i dati del primo rapporto dell’Ecdc, European center for desease control, il quale ha raccolto i dati relativi alle patologie veneree degli ultimi 10 anni, i casi di malattie a trasmissione sessuale sono in continua crescita.

Nel nostro paese, valutano gli esperti, le infezioni a trasmissione sessuale sono circa mezzo milione l’anno. E si pensa che nel corso dei prossimi due anni il numero dei contagiati possa crescere esponenzialmente. I problemi più diffusi nella penisola sono i condilomi e l’herpes genitale, che accparrano il 33% del totale. Fortunatamente si registra un calo di sifilide e gonorrea.

A portare la bandiera di stato peggiore è la Gran Bretagna, che deve il ritorno di questa piaga anche ad un utilizzo sconsiderato (è stato provato da alcuni studi in materia, n.d.r) di Facebook e dei social network in generale, utilizzati come bacino di incontri per il sesso. Rimane comunque il fatto, sottolinea la relazione europea, che i giovani non sono ancora adeguatamente educati sessualmente e tendono a non utilizzare precauzioni di nessun genere. L’unica precauzione poi davvero funzionale in questo caso è il preservativo. Ma per una motivazione o per un’altra, i ragazzi delle nuove generazioni rigettano il suo utilizzo.

I numeri snocciolati dal rapporto hanno dell’incredibile: si parla di almeno 334mila casi di clamidia “notificati” in Europa nel 2009, con un aumento costante del palesarsi che ha portato l’incidenza dai 143 casi ogni 100mila abitanti fino a 332.  L’88% dei casi riscontrati si concentra equamente diviso in 4 stati: Svezia, Norvegia, Gran Bretagna e Danimarca. Le persone più a rischio? Le donne ed i giovani.

E se la sifilide ha fatto registrare un aumento contenuto per la sifilide rispetto a quello della clamidia, gonorrea e linfogranuloma venereo hanno archiviato una leggera diminuzione di incidenza a livello statistico.

Ma il direttore dell’Ecdc , Marc Sprenger, avverte:

In realtà i numeri sono sicuramente più alti per tutte queste patologie, perché non tutti i casi sono riportati correttamente dalle autorità.

Senza contare poi malattie come epatite e Aids. Se volete preservare il vostro corpo da spiacevoli patologie quindi, praticate il sesso sicuro.

Articoli Correlati:

Facebook e sifilide, scoperta una relazione

Sifilide, in aumento i casi in tutta Europa

Fonte: Repubblica