leonardo.it

Protesi peniene: come vincere l’impotenza sessuale

 
liulai
27 marzo 2008
2 commenti

L’ impotenza sessuale maschile è caratterizzata dalla impossibilità di ottenere una sufficiente rigidità per la penetrazione vaginale. Anche se le cause sono spesso organiche (vascolari, endocrine, neurologiche) la componente psichica è sempre presente, accompagnando il disturbo con atteggiamenti depressivi, ansia, ridotta autostima e altri comportamenti negativi, che vanno ad influenzare soprattutto la vita di relazione.

Dal lontano 1998, con la commercializzazione del Viagra e le nuove Cialis e Levitra, molto è cambiato: sesso e sessualità sono diventati più familiari, discussioni sul benessere sessuale della coppia si sono imposte con più energia, raggiungendo un risultato importante. Tuttavia quando le pillole blù non funzionano proprio, si consigliano le protesi peniene. In questo campo l’industria e la ricerca hanno fornito allo specialista prodotti sempre più sofisticati e molto più naturali. Si è passati dalle protesi a volume fisso, a quelle a volume variabile.

Le prime sono meno costose (1,5-3 mila euro) ma costringono a convivere con una costante rigidità peniena, a cui si ovvia posizionando il membro verso l’addome, in basso, lato dx o sn, in modo che risulti “poco evidente e poco ingombrante“. Le seconde superano i 7 mila euro, funzionano mediante un sistema idraulico e per questo soggette, seppur raramente, a guasti meccanici (meno dell’1%). Nel complesso però risultano più fisiologiche in quanto consentono di ottenere l’erezione prima dei rapporto sessuale.


Esse sono composte da due cilindri che si inseriscono nei corpi cavernosi, una “pompetta“, situata nello scroto, che serve per attivare e disattivare la protesi e il serbatoio, posizionato nell’addome (protesi tricomponente). A volte il serbatoio fa corpo con la polpetta (protesi bicomponente). Poco prima del rapporto sessuale, azionando la pompetta nello scroto, si consente ai due cilindri posizionati nel corpo cavernoso di dx e di sn, di riempirsi di liquido proveniente dal serbatoio in addome e quindi di raggiungere una ottima erezione.

Da questo momento il rapporto procede senza alcuna differenza rispetto ad una persona normale. Infatti dopo l’impianto di protesi peniene la sensibilità del pene è perfettamente conservata e anche l’ eiaculazione è presente, assieme all’orgasmo. Naturalmente c’è il vantaggio che se si desidera continuare il rapporto, questo è possibile perché l’erezione è assicurata dalla protesi. Comunque a fine rapporto la protesi può essere disattivata schiacciando la porzione inferiore della pompetta e piegando i due cilindri.

Nei sistemi più sofisticati, come la protesi AMS Momentary Squiz, (AMS è aziende laeder del settore) solo azionando un pulsantino, facilmente identificabile, le protesi ritornano in condizione di riposo. Al fine di evitare infezioni, le protesi di ultima generazione, sono ricoperte di antibiotici che iniziano a rilasciare localmente subito dopo l’intervento e per 28 giorni. Tutto ciò ha consentito di ridurre a meno del 1% le infezioni degli impianti.

Articoli Correlati
YARPP
Tangenti per protesi acustiche, 6 arresti

Tangenti per protesi acustiche, 6 arresti

I Carabinieri NAS di Udine, hanno portato  a termine l’arresto di 6 persone, tra medici pubblici e imprenditori per un presunto giro di tangenti riguardanti le protesi acustiche. I medici […]

Tumore alla prostata e difficoltà di erezione dopo l’intervento: la soluzione nella protesi peniena

Tumore alla prostata e difficoltà di erezione dopo l’intervento: la soluzione nella protesi peniena

Il tumore alla prostata può essere curato grazie alla chirurgia che prevede l’eradicazione totale della parte malata (prostatectomia). Purtroppo questa soluzione salva-vita ha degli effetti collaterali pesanti sulla sessualità del […]

E se il Viagra fosse inefficace? Altri rimedi per l’impotenza

E se il Viagra fosse inefficace? Altri rimedi per l’impotenza

Non tutti coloro che sono affetti da disfunzioni sessuali come quella erettile (altrimenti detta impotenza) traggono benefici dall’assunzione dei farmaci ormai noti come “pillole dell’amore”, la più celebre delle quali […]

Quali sono le cause della prolungata erezione del pene, in assenza di interesse sessuale?

Quali sono le cause della prolungata erezione del pene, in assenza di interesse sessuale?

Il priapismo è la prolungata erezione del pene, in assenza di interesse sessuale. Ne sono affette le persone di sesso maschile colpite da anemia falciforme, una malattia genetica del sangue […]

Viagra, Cialis, Levitra: controindicazioni e segreti delle pillole colorate per la potenza sessuale

Viagra, Cialis, Levitra: controindicazioni e segreti delle pillole colorate per la potenza sessuale

Ma come agisce il Viagra? La pillola blu favorisce l’afflusso di sangue all’interno dei cosiddetti “corpi cavernosi”, strutture vascolari del pene, agevolando così il meccanismo alla base del raggiungimento dell’erezione. […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1angelo rinaldi

    Salve , sono privo dell’ipofisi,sopperisco alla mancanza di testosterone con una fiala di Sustanon,ma il dosaggio è cosi’ basso, e i miei rapporti sessuali durano pochissimo,e vorrei migliorare inserendo una protesi. Grazie

    23 dic 2010, 19:58 Rispondi|Quota
  • #2donato

    buongiono, soffro di pressione alta ed uso triatec 5 che m ha portato ad una lenta ma costante perdita di desiderio , sarei interessato ad inserimentodi una protesi a voume fisso.

    4 apr 2011, 16:31 Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Sessualità e disabilità: un rapporto speciale, non diverso - MedicinaLive.com
  2. E se il Viagra fosse inefficace? Altri rimedi per l’impotenza - MedicinaLive.com
  3. Nanotubi per super-cervelli, un’invenzione tutta italiana - MedicinaLive.com
  4. Peni maschili a confronto | Cooletto
  5. Tumore alla prostata e difficoltà di erezione dopo l’intervento: la soluzione nella protesi peniena - MedicinaLive