Svenimento

Svenimento

Lo svenimento è una temporanea perdita di coscienza a causa di un calo del flusso sanguigno al cervello. L’episodio è breve (della durata di meno di un paio di minuti) ed è seguito da un rapido e completo recupero. Ci si può sentire storditi prima delle vertigini o dello svenimento. Un periodo più lungo e con un più profondo stato di incoscienza è chiamato coma. Quando si è deboli, non c’è solo perdita di coscienza, ma si perde anche tono muscolare e si diventa pallidi. Si può avvertire della nausea appena prima dello svenimento, e si può avere l’impressione che i rumori circostanti siano in dissolvenza.

CAUSE: Lo svenimento può verificarsi quando si ha incontinenza, con un movimento intestinale, tosse molto forte, o quando si sta in piedi troppo a lungo. Lo svenimento può anche essere collegato a:

  • Paura;
  • Dolore;
  • Angoscia;
  • Improvviso calo della pressione arteriosa;
  • Pressione del sangue ridotta da un improvviso sanguinamento o grave disidratazione;
  • Se ci si alza improvvisamente da una posizione sdraiata;
  • Alcuni farmaci per abbassare la pressione arteriosa;
  • Ansia;
  • Livelli elevati di pressione arteriosa;
  • Congestione nasale;
  • Allergie;
  • Iperventilazione;
  • Utilizzo di droga o alcool;
  • Basso livello di zucchero nel sangue;
  • Malattie cardiache e ictus (meno probabili e più che altro presenti in persone oltre i 65 anni).

DIAGNOSI: Il medico farà delle domande che determineranno se si è trattato di uno svenimento semplice o se è accaduto qualcosa di diverso (ad esempio un attacco epilettico), per tentare di di capirne la causa. Le domande comprendono i sintomi e altri casi precedenti. L’esame fisico comprenderà l’esame del cuore, dei polmoni e del sistema nervoso. La pressione del sangue può essere misurata in diverse posizioni. Ulteriori esami che possono essere svolti comprendono:

  • Elettrocardiogramma;
  • Monitoraggio Holter (una variante dell’elettrocardiogramma);
  • Raggi-X del torace;
  • Ecocardiogramma;
  • Elettroencefalogramma.

TERAPIA: Se si è avuto qualche episodio di svenimento in passato, seguire le istruzioni del medico per prevenire nuovi episodi di svenimento. Ad esempio, se si conoscono le situazioni che lo provocano, evitare di ricrearle. Evitare improvvisi cambiamenti di postura. Alzarsi da una posizione sdraiata o seduta lentamente. È possibile adottare misure immediate per assistere una persona svenuta:

  • Verificare che le vie respiratorie della persona siano libere. Se necessario, chiamare il 118 e iniziare a praticare la respirare bocca a bocca;
  • Allentare indumenti stretti attorno al collo;
  • Tenere la persona coricata per almeno 10-15 minuti, preferibilmente in un luogo fresco e tranquillo. Se questo non è possibile, sedersi davanti alla persona e tenere la sua testa tra le proprie ginocchia;
  • Se la persona vomita, ruotarla su un lato per evitare il soffocamento;
  • Alzarle i piedi sopra il livello del cuore.

Contattare un medico, dopo un paio di minuti dallo svenimento, se la persona svenuta:

  • Cade da un’altezza considerevole, in particolare se è ferita o sanguina;
  • E’ incinta;
  • Ha più di 50 anni;
  • Ha il diabete;
  • Ha dolore al petto, senso di pressione, o di disagio;
  • Ha un battito cardiaco irregolare;
  • Ha difficoltà a parlare, disturbi visivi, o incapacità di spostare uno o più arti;
  • Ha convulsioni, lesioni alla lingua o perdita del controllo intestinale.

Anche se non è una situazione di emergenza, il paziente dovrebbe essere visitato da un medico se è la prima volta che sviene, se ciò accade spesso, o se ci sono nuovi sintomi associati allo svenimento.

Fonti: [American College of Physicians di emergenza. Clinica politica: questioni cruciali per la valutazione e la gestione di pazienti che presentano sincope. Ann Emerg Med. 2001; http://health.nytimes.com/health; Marx J. Rosen 's Medicina d'urgenza: Concetti e pratica clinica. 5a ed. St Louis, Mo: Mosby, Inc, 2002; Ganzeboom KS. Prevalenza e trigger di sincope in studenti di medicina. Am J Cardiol. 2003]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.