COPAXONE Aventis (Glatiramer acetato)

COPAXONE, Aventis

CATEGORIA: Farmaci chitochine ed immunomodulatori

FORMA FARMACEUTICA: Preparazione iniettabile

PRINCIPI ATTIVI: Glatiramer acetato

INDICAZIONI: Indicato per  per ridurre la frequenza delle recidive in pazienti deambulanti (cioe’ in grado di camminare senza aiuto) affetti da sclerosi multipla (SM) recidivante, con fasi di remissione, caratterizzata da almeno due attacchi di disfunzione neurologica nel precedente periodo di due anni. Non e’ indicato in pazienti affetti da SM progressiva primaria o secondaria.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI: Ipersensibilità al principio attivo e/o ad uno dei suoi eccipienti. Successivamente alla somministrazione, per via sottocutanea, possono verificarsi alcuni problemi come: vasodilatazione (vampate di calore), dolore toracico, dispnea, palpitazioni o
tachicardia. Tra gli effetti collaterali maggiormente riscontrati vi sono reazioni nella sede
di iniezione, dolore toracico, sindrome influenzale, astenia, nal di schiena, cefalea e dolore. Non assumere durante la gravidanza e l’allattamento. Copaxone non è indicato per la terapia nei pazienti anziani.

NOTE: Alcuni studi condotti, tra cui lo studio PreCISe, ha valutato la doppia l’efficacia del glatiramer acetato: infatti, il Copaxone, si è rivelato adatto sia come trattamento precoce per la sclerosi multipla, ovvero da somministrare nei primi tre mesi nei pazienti che hanno subito un primo attacco, sia come terapia per la riduzione delle recidive e dei sintomi collegati alla sclerosi multipla. Nel primo caso, come trattamento preventivo, i dati hanno che il glatiramer acetato è in grado di ridurre lo sviluppo della patologia del 42%.

Altri Farmaci: Avonex, Bassado, Tysabri

[Fonti principali: AAVV, MedicineLab.net; AAVV, Italiasalute.net; AAVV, Xagena.it]

*Per ulteriori informazioni leggere il foglietto illustrativo. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.